Seguici sui Social

Politica

Acqua della Madonna, giù la veranda cafonal dopo 12 anni

Nel 2010 la prima diffida al proprietario. Nel frattempo era anche stata “ristrutturata”

Pubblicato

il



Una stanza abusiva ricavata su un marciapiedi di via Duilio. Un abuso accertato nel 2009 e per il quale dal 2010 pendeva un ordine di abbattimento. Dopo 12 anni, soltanto l’arrivo del nuovo dirigente all’urbanistica Mario Oscurato e su impulso della commissione antimafia, si procederà alla demolizione del manufatto cafonal dell’Acqua della Madonna.

Infatti, uno dei primi provvedimenti del dirigente proveniente dal Comune di Melito è l’affidamento dei lavori di abbattimento della veranda cafonal. Nel corso dell’istruttoria si ricostruisce la paradossale vicenda. Si parte dall’anno 2009, quando sono scattati gli accertamenti da parte dell’ufficio tecnico sulla
scorta di segnalazioni pervenute dal Settore lavori pubblico nell’ambito di interventi di riqualificazione dei marciapiedi. Si segnalava quindi la presenza di “un manufatto di dimensioni m. 3,50 x m. 2,70 ed altezza mt.3,00 ca., costituito da muretti in blocchi di lapilcemento di altezza mt. 1,20, sovrastante veranda in alluminio anodizzato di altezza mt.1,60 e copertura in lamiere grecate del tipo coibentato sorrette da una struttura in ferro” si legge nell’atto a firma dell’ingegnere Oscurato.

A marzo 2010 fu inviata una diffida al proprietario per la rimozione dell’opera abusiva e il ripristino dello stato dei luoghi, da eseguirsi entro 15 giorni dalla notifica del provvedimento. Sono passati oltre 12 anni. Fino a quando lo scorso settembre la polizia municipale fa un altro sopralluogo, riscontrando che il manufatto non solo non era stato rimosso, ma era stato oggetto di ulteriori interventi, ovvero di sostituzione degli infissi, del pannello di copertura e della pavimentazione.

dadimar


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Politica

Il centro antico cade a pezzi, ancora un crollo

Vede un palazzo abbandonato di largo Caporivo

Pubblicato

il


Crollo nel centro antico e notte di paura. Da un palazzo abbandonato di largo Caporivo si sono staccati dei massi che hanno fatto temere il peggio. Anche perché in quella zona sono parcheggiate decine di auto, anche se non autorizzate.
Si tratta solo dell’ennesimo crollo in un centro antico sempre più abbandonato. È di questi giorni la notizia della prossima pubblicazione del bando da 7 milioni per la riqualificazione del centro storico grazie ai fondi Pnrr. Se ne occuperà Invitalia a gestire le procedure di gara.

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica