Cronaca

Operazione “Green Life” dei Carabinieri a Sant’Antonio Abate: ritrovate armi e smantellata piantagione di cannabis. In manette 29enne

Durante i controlli sequestrata anche una piscina abusiva di 10 metri. Nell’operazione impiegato anche un drone oltre ad un elicottero

Pubblicato

il

FacebookTwitterWhatsAppTelegramShare

Sant’Antonio Abate. Armi, piantagione di cannabis ed una piscina abusiva posta sotto sequestro. E’ il bilancio dell’operazione “Green Life” dei Carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia e quelli dello squadrone in elicottero Cacciatori di Calabria. Con loro, dall’alto, l’occhio elettronico del drone pilotato da remoto da militari del nucleo investigativo di Napoli.

Nel corso dell’operazione è finito in manette un 29enne del posto già noto alle forze dell’ordine. Nella sua abitazione, durante una perquisizione, i militari hanno rinvenuto una pistola Berretta cal 9 con matricola abrasa, caricatore e 13 cartucce e 1 disturbatore di frequenze.
In un terreno attiguo sono state scoperte interrate tra rami secchi e rifiuti una pistola Tanfoglio con matricola abrasa cal 9 con 20 cartucce e un fucile sovrapposto a canne mozze cal 12 con 4 proiettili dello stesso calibro.

Il 29enne si è visto sequestrare anche una piscina, di 10 metri per 5 di larghezza, costruita abusivamente in un’area sottoposta a vincoli paesaggistici. Attorno una recinzione di 2 metri di altezza, completamente in muratura.

In un rudere abbandonato, invece, i carabinieri hanno scoperto una coltivazione indoor di cannabis, completa di impianto di illuminazione, areazione e irrigazione: 7 i fusti piantati di 1 metro e mezzo circa di altezza. Sono stati distrutti in loco. La piantagione è stata sequestrata a carico di ignoti.


Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche