Seguici sui Social

Politica

Caos Forza Italia, vertice stabiese: ecco chi resta e rompe con i Cesaro

Quello di Castellammare è l’unico partito che non ha seguito l’ex presidente della Provincia, ormai vicino ad Azione

Pubblicato

il

Cesaro chiama, ma a Castellammare Forza Italia non risponde. Almeno per ora. L’uscita di scena e le dimissioni di massa dei fedelissimi dell’ex presidente della Provincia sembrano non aver colto nel segno tra i forzisti stabiesi. Ma è chiaro che arriverà comunque una rivoluzione nel partito di Berlusconi, non appena saranno chiuse le urne, indipendentemente dal risultato. Si attende di conoscere in particolare la posizione dell’ex sindaco Gaetano Cimmino e dei suoi fedelissimi, al momento molto più concentrati sul ricorso contro lo scioglimento che sulle elezioni politiche. I suoi lasciano trasparire un certo ottimismo sull’esito del ricorso al Tar che si discuterà a dicembre. Contattato telefonicamente, alla nostra domanda sulla permanenza in Forza Italia, l’ex primo cittadino ha preferito glissare. Insomma, Cimmino non conferma e non smentisce. Secondo voci di corridoio Pentangelo avrebbe chiesto all’ex sindaco di seguirlo nell’uscita dal partito. E Cimmino avrebbe declinato l’invito. Stesso discorso anche per Nello Di Nardo, ormai molto vicino alle posizioni di Franco Silvestro. Anche se si va verso un azzeramento totale di tutte le cariche, compresa la nomina di commissario di Di Nardo. E si attende che Fulvio Martusciello faccia chiarezza sui ruoli.

La posizione anti-Cesaro sarebbe emersa anche nel corso della riunione convocata ieri mattina nello studio di Nello Di Nardo, alla quale ha partecipato Gaetano Cimmino.

Tra Lettere, Sant’Antonio Abate e Santa Maria la Carità invece hanno seguito tutti la linea Pentangelo-Cesaro, rimettendo nelle mani della segreteria regionale tutte le cariche. Nel frattempo Armando Cesaro ha ormai un piede e mezzo in Azione e alle politiche sosterrà la lista “bicicletta” con Italia Viva.

Daniele Di Martino


1 Commento

1 Commento

  1. Pingback: UFFICIALE | Pentangelo e Cesaro annunciano: “Votiamo il Terzo Polo” | Stabia News

Rispondi

Politica

I commissari accelerano sui condoni edilizi, 4.000 pratiche inevase

Via libera al progetto di produttività per dare risposte ai cittadini

Pubblicato

il

I commissari accelerano sui condoni edilizi. Con una delibera di giunta, i tre reggenti di Palazzo Farnese hanno messo in piedi un progetto di produttività rivolto ai dipendenti dell’ente per evadere l’enorme mole di pratiche edilizie. Sono addirittura oltre 4mila le istanze in giacenza. La maggior parte di queste, circa 2.700 pratiche, non sono nemmeno state istruite. Mentre per la restante parte servono integrazioni e ulteriori verifiche. Un lavoro che la commissione chiede di svolgere non solo ai dipendenti dell’ufficio tecnico, che in ogni caso non sono sufficienti, ma anche ad impiegati di altri settori.

Tale progetto – come si legge nella delibera commissariale – prevede come obiettivo prioritario quello di concludere le istanze su cui pendono procedimenti oggetto di ordini di demolizione RESA disposti dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli – Ufficio Esecuzione Penale, nonché quelli oggetto di ordini di demolizione disposti dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata, al fine di dare risposte certe, nonché dare impulso all’attività tecnico amministrativa relativa alla definizione delle istanze di Condono edilizio giacenti presso l’Ufficio tecnico comunale.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Cambia impostazioni per la privacy