Seguici sui Social

Cronaca

Uno sportello per le vittime del bullismo, arriva l’App per le segnalazioni

Pubblicato

il

“Contattateci, noi ci siamo per aiutarvi”. Un’App e uno sportello di esperti per aiutare i ragazzi che finiscono in rete o a scuola, nel quartiere in cui vivono, vittime di bullismo e degli altri pericoli innescati dal web. Nato dal progetto “Dico a te”, sostenuto da Fondazione con il Sud, il servizio è attivabile con un tasto SOS sul telefono cellulare anche per il supporto a insegnanti e famiglie che vogliano un aiuto in situazioni di difficoltà a Castellammare di Stabia e nei Comuni vicini. Dopo il caso di Alessandro, il tredicenne che ha perso la vita a Gragnano perché secondo un’inchiesta della magistratura è finito vittima di una dinamica di bullismo in una chat, gli esperti sulle dipendenze e i rischi dei social rinnovano l’appello. “Noi ci siamo per tutti. Intercettare i primi segnali di malessere nei ragazzi in una fase complessa come l’adolescenza è fondamentale. Perciò siamo al lavoro per rafforzare una rete tra scuola, comuni, famiglie e Asl. Siamo dalla primavera scorsa realizzando una stretta collaborazione con le scuole del territorio e moltiplicheremo gli incontri quando tra pochi giorni i ragazzi torneranno in aula” spiega la dottoressa Carolina Esposito, responsabile del progetto “Dico a te” in collaborazione con l’ASL Na 3 e finanziato per tre anni da Fondazione con il Sud. Il centro a Castellammare di Stabia si occupa e prende in carico le persone che manifestano disturbi comportamentali, a cominciare da quelli alimentari come bulimia e anoressia, amplificati dalle dipendenze dal web.
In Italia le segnalazioni relative al suicidio non sono mai state così alte come nel 2021. Quasi 6 mila le richieste d’aiuto arrivate a Telefono Amico Italia da persone attraversate dal pensiero del
suicidio o preoccupate per il possibile suicidio di un caro. Le richieste d’aiuto sono cresciute del 55% rispetto al 2020 e quasi quadruplicate rispetto al 2019, prima della pandemia. Il 28% è di
under 26. E nel primo semestre 2022 sono state più di 2.700, il 28% di giovani fino a 25 anni. Il suicidio nei più giovani è un fenomeno di grande impatto, anche perché presenta una fattispecie
tutta sua, non necessariamente sovrapponibile alle problematiche dell’adulto. Si dovrebbe fare attenzione se il ragazzo non riesce a seguire le attività scolastiche, non si applica negli sport, si chiude in se stesso. Per affiancare i ragazzi dai 14 ai 24 anni, famiglie e scuole i consulenti del progetto “Dico a te” sono contattabili tramite l’App, il sito web e i contatti con le scuole.
Per scaricare l’App l’indirizzo è: https://apps.apple.com/it/app/dico-a-te/id1615794979

 

 


Clicca per commentare

Rispondi

Cronaca

Maltempo, chiuse scuole, parchi e cimitero a Castellammare

Ordinanza del commissario

Pubblicato

il

Scuole chiuse per allerta meteo a Castellammare. La commissione straordinaria che regge la guida di Palazzo Farnese ha diramato un comunicato per annunciare lo stop alle lezioni delle scuole non sede di seggio elettorale: “Si comunica che, con ordinanza assunta in data odierna con i poteri del sindaco, la Commissione Straordinaria ha disposto la chiusura, per domani 26 settembre 2022, di tutte le scuole di ogni ordine e grado, statali e non, presenti sul territorio di Castellammare di Stabia, nonché dei parchi pubblici urbani e del cimitero comunale”.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Cambia impostazioni per la privacy