Seguici sui Social

Politica

Abusivismo, task force dei commissari anti-camorra: al via 5 demolizioni

Pubblicato

il

abusivismo

Abusivismo, giro di vite dei commissari anti-camorra. Nelle ultime ore sono cinque le ordinanze di demolizione pronte a essere eseguite. Si tratta di piccoli abusi edilizi, ma si tratta di provvedimenti a cascata per i furbetti del mattone. Il dirigente del settore urbanistica, l’ingegnere Mario Oscurato, chiamato dalla commissione straordinaria a Palazzo Farnese per ristabilire la legalità in uno dei settori più vulnerabili, ha firmato le ordinanze di demolizione. Si parte quindi in via Traversa Schito per l’abbattimento di un capannone, una tettoia e una piscina prefabbricata. Poi a Varano per due capannoni e un’area per il lavaggio delle auto. In via Marconi c’è da demolire un pergolato, lavori in muratura, un lavabo e un vano per servizi igienici. In via Rajola un muro e un cancello risultati abusivi. Infine in via Fratte un muro di contenimento, un ballatoio ampliato e una finestra riaperta ma già murata in precedenza. Tolleranza zero contro l’abusivismo. E’ ormai partita la crociata della commissione anti-camorra.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com