Seguici sui Social

Cronaca

Dieci anni di violenze su moglie e figlie: arrestato pregiudicato di Gragnano

I carabinieri mettono fine all’incubo

Pubblicato

il

Violenze

Dieci anni di violenze in famiglia. Un incubo su cui scrivono la parola fine i carabinieri con il loro intervento.

Su quei volti segni inequivocabili, di quelli che non vanno facilmente via. Segni che spengono gli sguardi e disarmano. Segni di una stessa mano, quella che da 10 anni colpiva duro, puntuale, pesante come un macigno.
E non era mai sola. Ad accompagnarla insulti, minacce e risate beffarde.

Quando i carabinieri della sezione radiomobile di Castellammare di Stabia sono entrati in quell’abitazione di Gragnano, una donna ha aperto loro la porta. Il viso tumefatto, gli occhi gonfi, le labbra sanguinanti. Un filo di voce per invitarli ad entrare.
Ferite anche le figlie, una appena maggiorenne, l’altra poco più che 13enne.
10 anni di violenze subite senza mai denunciare. Meglio tacere, perché quell’incubo poteva anche peggiorare.
Non questa volta. Qualcuno ha sentito chiaramente il suono delle botte uscire da quelle finestre e ha composto il 112.
I militari sono arrivati in un attimo e hanno compreso tutto.
A finire in manette un 41enne del posto già noto alle forze dell’ordine.
Ora è in carcere e presto dovrà rispondere al giudice di tutte quelle violenze.
Per le 3 donne qualche garza e qualche medicinale che lenirà il dolore. Quello fisico.
A guarire le ferite dell’animo solo il tempo.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com