Seguici sui Social

Politica

Castellammare, inquietante volantino al Seniore: la preside a testa in giù

Pubblicato

il

Castellammare

Un volantino inquietante e una foto che raffigura la preside del liceo Classico a testa in giù. Tutto     questo nel pieno della campagna elettorale per le amministrative di Castellammare di Stabia.

Nel mirino è finita Fortunella Santaniello, dirigente dello storico Plinio Seniore, solo ed esclusivamente per aver ospitato qualche settimana fa un convegno sulle Foibe. Evidentemente un’iniziativa che qualcuno non aveva gradito, preferendo l’esclusiva celebrazione della Giornata della Memoria per ricordare le vittime dell’Olocausto.

Così, nei giorni scorsi, sono stati distribuiti e affissi volantini dai toni inquietanti.

Il titolo del volantino è “Potere agli studenti”. E fin qui nulla di grave. Ma la foto che raffigura la preside a testa in giù richiama un’azione da condannare dei gruppi estremisti della sinistra extraparlamentare.

Anche il contenuto della lettera assume toni molto gravi, tanto da far scattare l’indagine del commissariato di polizia di Castellammare di Stabia, che ha acquisito il materiale divulgato da ignoti.

FORTUNELLA, questo è un messaggio per lei – inizia la lettera – Il suo regime autoritario nelle azioni decisionali e l’organizzazione di questo istituto sono giunti al termine.

La situazione è ormai insostenibile, per noi studenti e per i professori. La scuola deve essere unicamente un luogo di cultura, senza infiltrazioni politiche che deturpano la vivibilità nelle classi. Non bisogna mettere alla luce solamente i traguardi degli studenti, presentandoli al pubblico come oggetti da esposizione, c’è bisogno di un attento ascolto alle problematiche vigenti.

La VOCE del Plinio si è sempre celata nell’ombra, ma ora finalmente decidiamo di urlare.

Il recente incontro sulle foibe, colmo di deliri fascisti, ha superato ogni tipo di limite.

Questo ci ha costretti ad uscire allo scoperto, la discutibile interpretazione degli eventi storici e la presenza di un noto sostenitore dell’ideologia fascista, condannato pubblicamente per le agghiaccianti dichiarazioni in merito all’ANPI, ci ha obbligati a prendere provvedimenti, impegnandoci una volta per tutte nella lotta per debellare questo morbo.

Purtroppo, i nostri rappresentanti di Istituto sono fantocci, piegati alla volontà di una despota, che in silenzio seguono gli ordini impartiti con annesse minacce, che si estendono fino al gruppo docenti” conclude la lettera del volantino, firmato “Azione Antifascista”.

dadimar




Politica

Castellammare, invasione di ratti. Vicinanza subito operativo: “Domani la derattizzazione”

Pubblicato

il

Castellammare

Subito operativo. Il neo sindaco di Castellammare di Stabia, Gigi Vicinanza, appena insediatosi a Palazzo Farnese ha disposto subito un’opera massiccia di derattizzazione. E’ chiaro il riferimento alla notizia di cronaca che riguarda un ragazzino morso da un ratto in villa comunale.

Nella giornata di domani, sabato 15 giugno, tutto il territorio comunale di Castellammare di Stabia sarà interessato da un intervento di derattizzazione e disinfestazione. Secondo quanto comunicato dall’ufficio stampa, si tratta del primo atto sollecitato dal neo sindaco Luigi Vicinanza, anche a seguito delle recenti segnalazioni fatte dai cittadini stabiesi.




Continua a leggere

Politica

Castellammare, inizia l’era Vicinanza. Gli applausi accompagnano l’addio della commissione anticamorra

Luigi Vicinanza, il nuovo sindaco di Castellammare: “Subito quotidianità e sviluppo”

Pubblicato

il

Castellammare

Cannizzaro saluta tutti a Palazzo Farnese e lascia posto a Gigi Vicinanza, eletto sindaco di Castellammare di Stabia con oltre il 65% di preferenze. Questa mattina il passaggio di consegne al Comune, subito dopo la proclamazione del nuovo primo cittadino.

Inizia una nuova era per Castellammare, dopo le macerie lasciate dallo scioglimento per infiltrazioni camorristiche. Due anni in cui la democrazia è stata sospesa e un capitolo giudiziario-amministrativo su cui non si è ancora scritta la parola fine.

Vicinanza in carica

E’ da subito operativo il sindaco e si attendono le prime disposizioni e i primi atti, nonché la nomina della giunta comunale. Da questo momento in poi la commissione straordinaria esce totalmente di scena, lasciando il posto alla politica, anche se potrà intervenire in questa fase di transizione con delibere commissariali per atti di urgenza per eveitare eventuali danni (anche erariali) per l’ente comunale.

Vicinanza ha da sempre dichiarato di voler mettere al primo posto dell’agenda politica la quotidianità, anzi di creare un doppio binario con la programmazione delle grandi opere. Ma è notizia proprio di stamane la disavventura di un ragazzino di 12 anni in villa comunale, a Castellammare di Stabia, morso da un ratto mentre beveva da una fontanina. I cittadini, soprattutto sui social, chiedono al nuovo sindaco di intervenire subito per una massiccia opera di derattizzazione sul lungomare. C’è poi la questione legata alla manutenzione del verde in città, urgente nei quartieri periferice, con erbacce ovunque.

L’insediamento del sindaco di Castellammare

Visibilmente emozionato Gigi Vicinanza quando il prefetto Cannizzaro gli ha consegnato la fascia tricolore: «Sento la responsabilità del ruolo che mi impegnerò a svolgere con disciplina e onore – ha detto davanti a tanti consiglieri comunali presenti – Questa fascia è un impegno con l’intera città, un grande impegno. Sento la fiducia che mi è stata conferita dai cittadini, oltre 22400 stabiesi mi hanno votato, ci hanno votato, solo Polito nel 1997 ottenne una percentuale più alta.

Abbiamo anche incrementato il numero dei votanti in una fase in cui i votanti sono in calo. E’ un segno di fiducia ed attenzione. Io, insieme a chi mi ha sostenuto, abbiamo un grande compito, quello di dare dignità al dibattito politico, dare credibilità all’azione amministrativa, infondere fiducia nelle istituzioni».

Il primo atto

Vicinanza potrebbe subito firmare un decreto di revoca del divieto di balneazione della spiaggia a sud di Marina di Stabia. Dai dati Arpac i nuovi prelievi sembrano positivi e quindi dovrebbe arrivare il via libera a quella zona di costa presa d’assalto dai bagnanti locali. Vicinanza ha infatti lasciato trasparire una certa soddisfazione, anche perchè la balneabilità è stato un cavallo di battaglia della sua campagna elettorale: «La Grande Stabia è un sogno, una visione, ma la vogliamo trasformare in atti concreti.

Dobbiamo lavorare su un doppio binario: quotidianità e progettualità. Bisogna restituire a Castellammare i suoi asset: il mare, il Faito, e terme incredibilmente chiuse, al patrimonio archeologico non secondo a nessuno e al cantiere navale. Ringrazio la commissione straordinaria per il lavoro svolto, hanno operato per il ripristino della legalità, il ripristino della legalità per cui dobbiamo lavorare tutti insieme, non dobbiamo lasciare spazio alla criminalità, per loro in questa città non deve esserci spazio», ha concluso Gigi Vicinanza, che da oggi siede sulla poltrona più importante di Palazzo Farnese.

A lui l’onore e l’onere di risollevare le sorti di Castellammare di Stabia. Una città che ha un bisogno impellente di normalità e serenità, cura e abnegazione. Quello che è mancato finora e quello che chiede la città vista la grande partecipazione alle elezioni di sabato e domenica scorsa. Inizia un nuovo capitolo per Castellammare.

 




Continua a leggere

Politica

Castellammare, è già bagarre per la giunta Vicinanza: 7 assessori per 10 liste

Domani l’insediamento a Palazzo Farnese del nuovo sindaco di Castellammare

Pubblicato

il

Castellammare Vicinanza

Ore 9: proclamazione del nuovo sindaco di Castellammare di Stabia. Domani si insedia Gigi Vicinanza a Palazzo Farnese. In realtà, al Comune, il primo cittadino eletto con oltre il 65% di preferenze ha già fatto capolino ieri mattina per un colloquio informale con i commissari prefettizi. Un modo per affrontare con più serenità il passaggio di consegne. 

I temi sul tavolo sono caldissimi e negli ultimi giorni Cannizzaro ha portato a termine anche l’ultimo cavallo di battaglia: il restyling del rione Savorito, per cui sono stati affidati i lavori per 20 milioni di euro per abbattimento e ricostruzione delle palazzine popolari. C’è poi da portare avanti l’adeguamento del Romeo Menti, tra gli impegni impellenti, per consentire alla Juve Stabia di iniziare a giocare il campionato di serie B a Castellammare. 

Il totonomi a Castellammare

Mentre si prepara l’insediamento, nel centrosinistra già si prepara il totonomi per la giunta. Vicinanza vuole chiuderla in fretta ma non è affatto facile. E’ un puzzle complicato da mettere insieme. Ci sono 10 liste e qualcuna di queste si è già spacchettata. E’ il caso di Futuro Democratico, che viaggia già con due anime: il gruppo Iovino e quello di Nello Cuomo. Difficile trovare un nome unitario per la giunta. Cuomo in ogni caso risponderebbe a Campania Libera, il partito regionale di De Luca che punterebbe su Mariella Verdoliva. Democratici e Progressisti valutano invece l’appoggio esterno  se la giunta non dovesse essere di alto profilo. 

Il Partito Democratico

Un rompicapo anche per il Partito Democratico in cui Roberto Elefante esce molto rafforzato dal risultato elettorale sotto gli occhi di tutti. La componente di Mario Casillo, però, spinge per un posto in giunta per Maria Amodio, reduce da un’ottima affermazione ma senza elezione. Stabia Rialzati proporrebbe anche il nome di Lorenzo Esposito. 

Vicesindaco

Sandro Ruotolo spingerebbe per Nicola Corrado vicesindaco, ma il ruolo di numero due di Palazzo Farnese potrebbe rivendicarlo anche la lista del sindaco, soprattutto se la presidenza del consiglio dovesse andare ad appannaggio del Pd. E quindi entra in gioco il nome di Andrea Di Martino, deus ex machina dell’ascesa di Gigi Vicinanza. 

Alberto Cimmino




Continua a leggere

Politica

Lovisa: “Resto alla Juve Stabia”

Pubblicato

il

Castellammare

Il Direttore Sportivo Matteo Lovisa precisa che, a seguito delle voci che si sono susseguite in questi ultimi giorni, le stesse sono infondate in quanto gli incontri erano legati a questioni di calciomercato. Il direttore sportivo precisa che è in essere un contratto con la Juve Stabia e che dopo la magnifica stagione vissuta vuole continuare il percorso intrapreso per questo grande e glorioso club, affermando sempre di più i valori di correttezza e collaborazione. Altresì è sempre più forte il legame con la piazza stabiese e i tifosi, vera spinta verso i nostri successi.




Continua a leggere

Politica

Incandidabilità e scioglimento, le motivazioni della sentenza che smonta la tesi del Viminale

Pubblicato

il

Castellammare

Un altro ricorso accolto mette in discussione lo scioglimento del consiglio comunale di Castellammare per infiltrazioni mafiose. Cancellata l’incandidabilità per Emanuele D’Apice e Fulvio Calì, un colpo di mano che rischia di far crollare la tesi del ministero dell’Interno. A smontarle sono i giudici della Corte d’Appello di Napoli, collegio presieduto dalla dottoressa Caterina Molfino.

Emanuele D’Apice era stato dichiarato incandidabile per aver ringraziato il padre in aula consiliare in occasione dell’elezione nel ruolo di presidente del consiglio comunale. Per i giudici della quinta sezione civile della Corte d’Appello di Napoli è una decisione troppo punitiviva e lo spiegano nelle motivazioni: “La condotta (pacificamente) tenuta dal D’Apice, consistita nel ringraziamento pubblico al padre, può dirsi certamente inopportuna … ma di certo non può essere da sola considerata sufficiente per affermare che con tale ringraziamento il D’Apice abbia consentito o agevolato ingerenze e pressioni delle organizzazioni criminali operanti nel territorio”.

L’ex assessore Fulvio Calì era stato dichiarato incandidabile per le irregolarità nel settore urbanistica. Ma per i giudici “la circostanza che il generale stato di abbandono del settore urbanistico non fosse imputabile al singolo assessore (e non potesse essere sufficiente a chiedere la pronuncia di incandidabilità nei confronti del Calì) la si desume anche dalla relazione prefettizia e dalla conseguente proposta di incandidabilità avanzata dal Ministero, nelle quali al Calì si contesta una circostanza più specifica, ossia l’aver avuto rapporti personali con un imprenditore edile vicino ad un’organizzazione criminale stabiese”, perché intercettati nell’ambito di un procedimento penale che non ha mai avuto riscontro in avvisi di garanzia o comunque misure di custodia cautelare. Secondo i giudici infatti “agli atti di questo processo non sono presenti le intercettazioni telefoniche tra i due, motivo per il quale non può essere eseguita alcuna valutazione in ordine alla rilevanza ed al contenuto delle stesse ai fini della dichiarazione di incandidabilità. Va, infine, considerato che non vi è alcuna prova concreta dell’asserita vicinanza” dell’imprenditore “con organizzazioni criminali, non essendo stati depositati documenti che dimostrino la presenza a suo carico di precedenti penali, di misure cautelari o procedimenti penali in corso, nè di qualsivoglia altra prova che indichi l’esistenza di rapporti con soggetti legati a clan camorristici” si legge nella sentenza.

Un altro ricorso accolto è quello di Annamaria De Simone, che in realtà attraverso i legali Ylenia Zaira Alfano e Carmine Iovino aveva presentato il ricorso principale a cui si sono accodati anche D’Apice e Calì. Ebbene, De Simone nonostante in via libera dei giudici di Torre Annunziata alla candidatura, ha fatto appello per vedersi riconosciute le spese legali, compensate invece dai giudici di primo grado. In questo caso si è vista riconoscere un risarcimento di circa 8mila euro, cifra che è stata poi riconosciuta anche a D’Apice e Calì sempre per le spese legali.

 




Continua a leggere

Politica

Castellammare, le preferenze ai candidati al consiglio comunale sezione per sezione

Pubblicato

il

Castellammare

Tutte le preferenze sezione per sezione dopo il voto per le amministrative di Castellammare di Stabia.

CLICCA E SCARICA L’ALLEGATO

 




Continua a leggere

Politica

Castellammare, debutto di “Noi per Stabia” in consiglio. Teresa Manzo: “Un grande lavoro di squadra”

Pubblicato

il

Castellammare

“Il risultato ottenuto in questa campagna elettorale appena conclusa è frutto di un grande lavoro di squadra svolto nel tempo. Siamo riusciti grazie ai nostri elettori ad ottenere un risultato simile a quello dei partiti nazionali pur non usufruendo né del voto di opinione, né di apparato. Questo ci impone l’ulteriore responsabilità di non deludere i nostri elettori, quindi siamo pronti a portare avanti il nostro progetto sia in consiglio comunale sia nel governo della città”. Lo dichiara Teresa Manzo, già deputata del Movimento 5 Stelle, leader della lista civica Noi per Stabia.

“Siediamo in consiglio comunale con un rappresentante di forte esperienza che saprà mettere a frutto tutti i consigli e le idee raccolte ascoltando ì cittadini – continua – A Nino Di Maio faccio un grosso in bocca al lupo, così come lo faccio a tutti i consiglieri eletti in maggioranza e a tutte le forze che hanno contribuito alla vittoria di Luigi Vicinanza confidando nel senso di responsabilità di tutti affinché possa nascere quanto prima la nuova giunta comunale volta esclusivamente al bene comune e all’interesse collettivo.

È questo il momento di rimboccarsi le maniche e mettersi al lavoro nell’interesse della città e della nostra bellissima comunità. Una città e una comunità pronte ad essere riqualificate. Dal turismo all’industria passando per il commercio e tanto altro ancora. Castellammare è ricca di risorse che attendono di essere rispettate e riqualificate. Questo sarà l’impegno del nostro gruppo in Consiglio Comunale: Noi per Stabia, appunto. Alla luce poi dell’ottimo risultato ottenuto da tutta la coalizione, non mi resta che augurare buon lavoro al Sindaco, Luigi Vicinanza, ed ai neo eletti consiglieri comunali”, conclude Teresa Manzo.




Continua a leggere

Politica

Ruotolo non si dimette da consigliere: “Porterò Castellammare in Europa”

Pubblicato

il

Castellammare

“Porterò Castellammare in Europa”. Sandro Ruotolo, eletto con il Pd all’Europarlamento e al consiglio comunale stabiese, annuncia che non presenterà le dimissioni ma resterà in consiglio nella pattuglia dei Dem.

“Voglio ringraziare i tantissimi cittadini stabiesi che mi hanno votato due volte: al Parlamento Europeo ed al Consiglio Comunale – esordisce Ruotolo – Ho preso un impegno con questa meravigliosa città: portare Castellammare in Europa, lo farò da consigliere comunale e da parlamentare europeo.

Il rilancio della Fincantieri e delle Terme saranno il mio chiodo fisso, lavorerò con tutte le mie energie per riaffermare l’identità economica e culturale della città delle acque.

La precondizione della rinascita di Castellammare è la lotta senza quartiere alla Camorra, alla politica del malaffare, all’imprenditoria malata che hanno inquinato il tessuto economico e sociale della nostra comunità.

Insieme al PD e a Gigi Vicinanza oggi inizia il cammino verso il futuro, verso la speranza: non sarà semplice ma abbiamo la giusta determinazione per arrivare fino in fondo” conclude Ruotolo.




Continua a leggere

Politica

Top e flop, a Castellammare exploit di Elefante e Iovino. Delusione Fratelli d’Italia

D’Apice, D’Amora e Alfano i più votati nel centrodestra

Pubblicato

il

Castellammare

I Top e i flop del voto di Castellammare di Stabia. Il largo successo di Gigi Vicinanza è anche merito della forza elettorale delle liste, civiche e non. Non è passato inosservato il risultato di Futuro Democratico, seconda forza della coalizione di centrosinistra con i quasi tremila voti. Di questi, 1100 sono di Lea Iovino, sorella di Francesco Iovino, la consigliera più votata a Castellammare e circa 900 della coppia Cuomo-D’Angelo che, a sua volta, è la coppia più votata di questa tornata elettorale.

Una prova importante anche del Partito Democratico, che con i suoi 4mila voti è il primo partito in città. E il risultato straordinario è quello di Roberto Elefante, che sfiora la soglia dei mille voti, lasciando dietro Sandro Ruotolo, europarlamentare appena eletto anche in consiglio comunale a Castellammare.

Ottima affermazione anche di Vincenzo Ungaro con i suoi 700 e passa voti nella lista di Azione, nonostante il flop di Calenda alle elezioni Europee. Tra i recodman di preferenze ci sono anche Giovanni Nastelli (Uniti per Stabia) e Nino Di Maio (Noi per Stabia)

Il flop per eccellenza è quello di Fratelli d’Italia. Il partito di Giorgia Meloni non riesce ad entrare nemmeno in consiglio comunale, non riuscendo a raggiungere il minimo sindacale (quota mille voti). Eppure, alle Europee, la Meloni è risultata la più votata a Castellammare con oltre 2.100 preferenze.

Nel centrodestra i più votati sono Pasquale D’Apice e Gisella D’Amora con oltre 700 voti, segue a ruota Antonio Alfano, con oltre 650 preferenze. Ottima affermazione anche per Antonio Federico per la lista Stabia Unica con 600 preferenze.

Infine, una nota di colore: la TikToker Anna Suarato riesce a totalizzare soltanto 4 preferenze. Eppure aveva raggiunto la ribalta nazionale con i suoi video social. Evidentemente non sono bastati.

Daniele Di Martino




Continua a leggere

Politica

Centrodestra, accolto il ricorso: D’Apice e Calì ritornano candidabili

Pubblicato

il

Castellammare

Emanuele D’apice e Fulvio Calì ritornano candidabili. L’ha stabilito la corte di appello di Napoli, che ha accolto il ricorso dell’ex Consigliere Comunale e dell’ex assessore della giunta Cimmino.

Il verde dei giudici è arrivato appena dopo la campagna elettorale che ha visto vittorioso il centrosinistra di Luigi Vicinanza, dopo oltre un mese di attesa. Meglio tardi che mai si direbbe.

Non hanno presentato ricorso invece l’ex sindaco Gaetano Cimmino e l’ex assessore Giovanni Russo, che hanno preferito attendere la decisione del Tar del Lazio dopo l’annullamento del Consiglio di Stato. Il centrodestra ripone molta fiducia in questa decisione, attesa a giorni, visto e considerato che l’udienza si è discussa lo scorso 29 maggio. Il Consiglio di Stato aveva rispedito al Tar la decisione, annullando la prima sentenza del tribunale amministrativo per assenza di riscontri.

 

 




Continua a leggere

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.