Seguici sui Social

Cronaca

Baby gang insulta un anziano, tre persone in ospedale


Pubblicato

il

Castellammare di Stabia. Insulti ad opera di alcuni ragazzini nei confronti di un anziano in Villa Comunale finiscono con il bilancio di tre persone in ospedale e tre denunce. L’aggressione verbale è avvenuta martedì sera nei pressi della Cassarmonia. I giovanissimi hanno iniziato ad insultare senza motivo un anziano mentre passeggiava in villa comunale. La scena è stata notata da D.A. un 46enne pregiudicato stabiese affetto da disabilità. Così il pregiudicato è intervenuto a sostegno dell’anziano. L’uomo ha aggredito un ragazzino anch’esso disabile. Ne è nata una rissa, è intervenuto un altro ragazzino che ha letteralmente steso il 46enne. Il bilancio è di tre persone finite all’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia. I giovani sono stati dimessi dopo qualche ora con una prognosi di quattro giorni, dieci giorni invece per il 46enne intervenuto a difesa dell’anziano. I militari della Compagnia di Castellammare di Stabia sentiti alcuni testimoni e visionato le immagini di videosorveglianza hanno provveduto a denunciare a piede libero i ragazzini per rissa.


Continua a leggere

Cronaca

Vandali in azione in Villa Comunale: danneggiate le attrezzature sportive

Dopo le giostrine, ora tocca alle attrezzature sportive nei pressi del Viale degli Artisti

Pubblicato

il

Vandali

Castellammare di Stabia. Vandali in azione in Villa Comunale. Questa volta ad essere state danneggiate le attrezzature sportive utilizzate da chi sceglie di fare attività fisica sul Lungomare ed installate su due punti del litorale. Dopo le giostre per i più piccoli, che già più di una volta sono state riparate, ora tocca alle attrezzature per gli atleti. Ad essere protagonisti di questi atti vandalici sono spesso gruppi di ragazzi che distruggono tutto per il semplice gusto di danneggiare gli arredi pubblici. emidav

LEGGI ANCHE: 
Le giostre per bambini «sfasciate» dagli adolescenti: scempio in villa comunale

Continua a leggere

Trending