Seguici sui Social

Ultime Notizie

Camorra e Politica, il consigliere regionale dei Verdi: “Commissione d’accesso al comune di Castellammare”


Pubblicato

il

“Le risultanze investigative stanno delineando un quadro inquietante circa i rapporti tra malavita, imprenditoria, politica e amministrazione comunale a Castellammare di Stabia”. Così il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, commenta quanto riportato dagli investigatori impegnati nelle indagini dell’operazione “Olimpo”. “Dalle carte emergono una serie di rapporti nebulosi tra apparato, imprenditori collusi e criminalità, oltre ad una serie di ipotesi di reato. Per questa ragione chiediamo l’istituzione di una commissione di accesso per fare piena luce sulla vicenda. Occorre scoperchiare ogni eventuale infiltrazione della malavita nell’attività dell’amministrazione della res publica anche dopo l’altra recente vicenda inquietante dei manichini dei pentiti bruciati in pubblico davanti a migliaia di persone”.
“I gangli della malavita su Castellammare di Stabia – aggiunge Borrelli – rappresentano un limite allo sviluppo del territorio e una fonte di arricchimento per i clan. In una zona ad alta densità criminale, dove i clan criminali sono egemoni su interi quartieri, bisogna intervenire con fermezza e determinazione. L’istituzione di una commissione di accesso da parte dell’autorità prefettizia servirà a portare alla luce del sole quel groviglio di rapporti a tinte fosche che rappresentano una metastasi da estirpare immediatamente”.

Leggi Camorra e Politica, il consigliere regionale dei Verdi: “Commissione d’accesso al comune di Castellammare” su OnlineMagazine.it.


Continua a leggere

Politica

Il sindaco vieta i fucaracchi illegali nei rioni: stop anche alla vendita di alcolici

Pubblicato

il

Falò-Anti-Pentiti

Fucaracchi nei rioni vietati e stop alla vendita di alcolici. Arriva la stretta del sindaco Gaetano Cimmino, tra l’altro annunciata. Oggi il primo cittadino ha firmato l’ordinanza con la quale sancisce il «divieto di apprensione, smaltimento ed accumulo di materiale ligneo non effettuati da parte di soggetti autorizzati e nelle forme di legge» e «il divieto di bruciare foglie, sterpi, e qualsiasi altro materiale, in tutto il centro abitato; fuori dal centro abitato ciò è consentito solamente nell’esercizio di attività strettamente agricole e nel rispetto della normativa specificamente vigente».

Inoltre il sindaco ha vietato «dalle ore 18,00 del giorno 07/12/2021 e sino alle ore 05,00 del giorno 08/12/2021, da parte di esercizi di somministrazione di alimenti e bevande quali ristoranti, rosticcerie, bar, pub, circoli, operatori su tutto il territorio comunale, la cessione o vendita di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione e di qualsiasi altra bevanda, in contenitori di vetro, che avvenga con il loro asporto dai suddetti locali (prevedendo in sostituzione la vendita e/o la somministrazione in contenitori di altro materiale ammesso dalla vigente normativa igienico/sanitaria)». Questo divieto comprende anche i superalcoolici.

La somministrazione di alcolici e di altre bevande, in contenitori di vetro o lattine, è consentita solamente se il consumo nei sopra citati contenitori avvenga all’interno dei locali. Quindi il divieto riguarda «la detenzione, da parte di chiunque, di qualsiasi genere di contenitore di vetro o lattine». Sono previste multe fino a 500 euro.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica