Seguici sui Social

Politica

Castellammare. Di Martino: “Sul DL Sicurezza Cimmino e Scafarto rasentano il ridicolo”

Pubblicato

il

Castellammare di Stabia. Il capogruppo di Stabia Lab, Andrea Di Martino, attacca il sindaco Cimmino e l’assessore Scafarto. “Mentre Castellammare è tempestata da continui furti ai danni di numerosi negozianti stabiesi – scrive Di Martino – Furti ad opera di ladri stabiesi come le forze dell’ordine hanno già avuto modo di accertare. Con la villa comunale, la sera in preda a bande di ragazzini violenti. Dopo che la operazione Olimpo sta squarciando un un velo di omertà su racket, vessazioni, e controllo capillare della Camorra sul territorio. I due baldi giovani per “aumentare il senso di sicurezza in città” chiedono al comandante della polizia Municipale di controllare clandestini (che notoriamente non soggiornano in città), mendicanti e targhe straniere. Come se stessero governando Bergamo e non una città in cui la criminalità organizzata sta creando insicurezza e scarsa convenienza agli investimenti. La smettessero per favore con la propaganda, fatta per inseguire due o tre fanatici che li sostengano, inizino finalmente ad occuparsi di Castellammare e della sicurezza in questa città. Quella che si combatte contrastando Camorra e criminalità locale che esiste e rende questa città invivibile”. CLICCA QUI E METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK


Pubblicità

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com