Seguici sui Social

Eventi

Castellammare. Giornata della legalità, l’istituto Denza ricorda le vittime innocenti di Camorra


Pubblicato

il

Castellammare di Stabia. Ieri, giorno in cui si commemora l’uccisione del parroco Giuseppe Diana, l’istituto commerciale Luigi Denza ha organizzato una serie di eventi incentrati sulla lotta alla camorra e al tema della legalità.
Una Giornata all’insegna della Legalità quella che ha visto gli alunni dell’I.C. “L. DENZA impegnati nella giornata odierna, 19 marzo 2019, data in cui si commemora l’uccisione dei Don Peppe Diana, con una serie di eventi incentrati sulla lotta alla camorra e sul tema della legalità.
Alle ore 10:00 presso l’atrio antistante il nostro Istituto, alla presenza della Dirigente Scolastica Fabiola Toricco, dei rappresentati dell’ I.C. “A. De Curtis” di Casavatore, autori del cortometraggio “DARIO”, Pasquale Scherillo (fratello di Dario, vittima innocente della camorra), dei Gruppo Scout Stabia 2 in ricordo del prete scout don Peppe Diana, di Tonino Scala autore del libro “Ed è subito sera”, di Fabio Toscano attore del film “Ed è subito sera”, di Don Modestino Capodilupo parroco della parrocchia “Madonna dell’Arco”, si è inaugurata “la scala della legalità” accompagnata da un flash mob dei bimbi della scuola Primaria sulle note della canzone Pensa di Fabrizio Moro, per simboleggiare l’importanza di questa giornata in cui si ricorda il sacrificio di vittime innocenti.
Le iniziative sono, poi, proseguite nel corso della mattinata:
• Gli alunni delle classi terze, quarte e quinte della Scuole Primaria, li ha visti impegnati in contemporanea in attività laboratoriali per condividere momenti di riflessione sulla giornata e sul significato della Legalità.
• Le classi prime della Scuola Secondaria, nell’atrio antistante l’ Istituto hanno giocato al gioco dell’”oca della legalità”. Ogni tessera del gioco è stata ideata e realizzata da ciascuna classe prima per poi unirle e creare il percorso: “La legalità entra in gioco”.
• Le classi seconde della scuola Secondaria in palestra, grazie alla presenza e collaborazione del gruppo Scout 2 Stabia, hanno visionato un breve filmato- testimonianza sulla vita di Don Diana, sui suoi sogni come sacerdote e come assistente scout, fatta 5 anni fa a Casal di Principe. Gli scout hanno sottolineato l’importanza dell’impegnarsi per “rendere questo mondo migliore di come l’abbiamo trovato” (motto scout). I ragazzi hanno interagito ponendo domande. Il tutto si è concluso con un momento ludico fatto di giochi e bans scout.
• Le classi terze della Scuola Media si sono raccolti nella Sala Pascucci insieme agli ospiti. presenti. I ragazzi hanno vissuto momenti di riflessione ma anche momenti di vera commozione per le parole pronunciate da Pasquale Scherillo, fratello di Dario Scherillo vittima innocente della camorra. I ragazzi hanno visto il cortometraggio “Dario”, realizzato dagli alunni dell’I.C. “A. De Curtis” di Casavatore, ed un inteso e sentito applauso è scaturito al termine della visione. Successivamente hanno preso la parola Tonino Scala, autore del romanzo “Ed è subito sera” e l’attore del film Fabio Toscano “Ed è subito sera”, visionando il trailer. Una nostra alunna, Di Maio Francesca, ha scritto e recitato una poesia dedicata ad “Annalisa Durante” ed insieme alle sue compagne di classe, ha girato un cortometraggio per ricordare “Annalisa Durante”.
I rappresentanti delle classi terze hanno mostrato e spiegato, ai presenti, il significato dei quadri realizzati durante un laboratorio artistico.
Ed ancora non sono mancati altri momenti di riflessione quando é’stato fatto vedere un video dal titolo “Un futuro Negato” , il progetto nasce da una precedente attività condivisa , in cui i ragazzi delle classi terze hanno raccolto informazioni, letto articoli di giornali, guardato video e poi ogni classe ha scelto di raccontare la storia che più li aveva colpito, delle passioni di queste vittime, raccontandone particolari non per fare una sorta di necrologio ma per esprimere come queste storie li hanno emozionati, e soprattutto creando per ognuno di loro un pensiero e un messaggio di speranza: “Le persone dovrebbero IMPEGNARSI A MIGLIORARE la propria VITA invece di ROVINARE quella degli altri!.
L’evento di oggi giunge al culmine di un percorso realizzato dalla collaborazione di tutto il corpo docente che ha lavorato in sinergia con i propri alunni, che sono stati sollecitati, proprio attraverso varie e diversificate attività laboratoriali ad analizzare i temi della legalità, con la finalità di educare i ragazzi ai valori della moralità civica e alla legalità.
“Per questo riteniamo fondamentale promuovere giornate come queste nate con, con l’auspicio di fornire un arricchimento culturale e civico ai nostri alunni, cittadini del nostro futuro”.
Un ringraziamento speciale ai nostri ospiti da tutti noi: Dirigente Scolastico la Prof.ssa Fabiola Toricco, docenti, collaboratori ed alunni per avere reso questa giornata indimenticabile ed indelebile in ognuno dei nostri cuori: “INSIEME PER RICORDARE E PER NON DIMENTICARE”. CLICCA QUI E METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK


Continua a leggere

Eventi

Cultura e storia a Pimonte: in scena “Lo Scudo di Teia”. Evento il 4 e 5 settembre presso il Castrum Pini

Pubblicato

il

Pimonte

Lo spettacolo teatrale “Lo Scudo di Teia” è stato presentato in conferenza stampa presso la biblioteca del “Centro di Cultura e Storia Amalfitana” il 30 agosto. “Lo Scudo di Teia” è lo spettacolo teatrale che andrà in scena a Pimonte il 4 e 5 settembre 2021 presso il Castrum Pini. L’evento è nato da un’idea di Lucia Somma, presidente del Consiglio Comunale di Pimonte nonché delegata alla Cultura, che ha visto la luce grazie alla regia di Gabriele Saurio e ai testi scritti da Francesco Rivieccio. La splendida chiesa di Santa Maria di Pino farà da palcoscenico a due serate uniche, che sono state presentate ad Amalfi, presso la biblioteca del “Centro di Cultura e Storia Amalfitana”.

“Sono estremamente soddisfatta della proficua collaborazione istituzionale creata attorno a quest’evento – afferma Lucia Somma – Sono convinta che solo con una forte sinergia tra entri, oltre che tra i Comuni che un tempo formavano il Ducato di Amalfi è possibile rilanciare tutta l’area, soprattutto le splendide zone interne, ancora poco conosciute a livello nazionale ed internazionale. Il turismo è linfa vitale per i Monti Lattari così come per la Costiera amalfitana e lavorando assieme, con particolare attenzione alla Cultura, sarà possibile raggiungere gli obiettivi di crescita che ci siamo prefissati. Questo è solo il primo di una serie di eventi che segnano una nuova fase di rilancio per il nostro Comune. Voglio ringraziare personalmente, per la partecipazione e il contributo dato all’iniziativa, il sindaco di Amalfi, Daniele Milano, il presidente del Parco Regionale dei Monti Lattari, Tristano Dello Ioio, Domenico Camardo, archeologo del Centro di Cultura e Storia Amalfitana, il sindaco di Pimonte, Michele Palummo, l’Assessore all’Istruzione e alle Politiche Sociali del Comune di Pimonte, Anna Ospizio, e il regista Gabriele Saurio”.

“Lo scudo di Teia” è il racconto di una singola battaglia, immaginata e vissuta dalla parte dei protagonisti, rintanati nei loro accampamenti; il racconto della debolezza degli eroi che l’hanno combattuta, il racconto d’una battaglia già persa, che approfondisce ed evidenzia molto più gli stati d’animo dei personaggi, piuttosto che le strategie” spiega il regista Gabriele Saurio. “I Monti Lattari e il fiume Sarno diventano così teatro di guerra, una guerra raccontata nel testo non solo dai suoi protagonisti diretti, ma anche da un coro formato da sole donne composto da madri, mogli e figlie, metafora di chi non combatte, di chi sopravvive e di chi aspetta invano, ma che ha l’obbligo di raccontare per ricordare e tramandare. Una pagina di storia, una pagina dell’Italia e del nostro popolo scritta all’ombra di quei monti che ancora oggi la custodiscono” conclude il regista.

Continua a leggere

Trending