Seguici sui Social

Politica

Abusi all’Acqua della Madonna, il Pd bacchetta: «Cimmino, legalità di facciata»

Pubblicato

in



«Il sindaco della nostra città continua con le sue campagne di legalità di facciata, che servono solo a gettare fumo negli occhi ai cittadini facendo credere a chissà quali grandi operazioni. Nella sostanza, invece, in quella zona continua la saga dell’abusivismo». Lo affermano il segretario dei democratici stabiesi Peppe Giordano, ed il presidente Roberto Elefante.
«L’area demaniale a ridosso degli chalet continua ad essere utilizzata come area di parcheggio gestita dagli abusivi, oltre che essere ricettacolo di rifiuti. Diverse attività commerciali, poi, hanno realizzato dei veri e propri abusi edilizi che sono sotto gli occhi di tutti tranne che di quelli di Cimmino e della sua maggioranza di governo. Emblematica la trasformazione di aree a verde – denunciano Giordano ed Elefante – sull’ampio marciapiede, in manufatti in cemento per posizionare tavoli e sedie a servizio della ristorazione. Siamo riusciti a recuperare un immagine della zona in questione risalente ad alcuni mesi fa. Se la confrontiamo con la situazione attuale è facile rilevare gli abusi perpetrati. Solo il buon Cimmino e i suoi non se ne sono accorti».
«Castellammare ha bisogno di legalità, ma di quella vera. Di una legalità fatta rispettare con ogni mezzo e non di quella sbandierata sui social per ingannare gli stabiesi – attaccano Giordano ed Elefante – E’ giunto il momento che i cittadini aprano gli occhi e si rendano conto della differenza che c’è tra le balle raccontate dal sindaco e la triste realtà dei fatti. Il Partito Democratico di Castellammare di Stabia non ci sta a questi trucchetti e porterà alla luce la polvere che Cimmino tenta di nascondere sotto al tappeto di Palazzo Farnese».

Continua a leggere
Pubblicità

Politica

Rimpasto di giunta, gli “infedeli” rischiano di restare senza assessori

Pubblicato

in

Prima l’analisi del voto, poi la verifica di chi ha veramente sostenuto il centrodestra alle regionali e poi il rimpasto di giunta. Questa è la road map che si sta tracciando in queste ore. Il sindaco Gaetano Cimmino e i suoi fedelissimi vogliono vederci chiaro in questa storia. I conti non tornano. Malgrado il centrodestra abbia registrato una delle migliori performance della provincia (ma non era impresa così difficile), ora è caccia ai consiglieri infedeli che hanno deciso di appoggiare candidati di De Luca. “Bisogna capire chi sta veramente con noi” è il leit motive di queste ore a Palazzo Farnese. Nelle mattinate successive al voto, il primo cittadino ha ricevuto la visita di diversi esponenti di maggioranza. Una sorta di analisi del voto che approderà a una riunione con le segreterie dei partiti, così da tracciare la strada per arrivare al rimpasto. La prossima settimana potrebbe esserci il vertice decisivo per stabilire i criteri per trasformare la giunta tecnica in giunta politica. E in questo scenario i “traditori” rischiano l’isolamento politico.
di Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending