Seguici sui Social
PUBBLICITA


Politica

Castellammare capitale della cultura, scatta l’ironia social: “Da ridere”

Avatar

Pubblicato

il


PUBBLICITA

“Castellammare capitale della cultura”. La candidatura voluta dal sindaco Cimmino diventa un caso. Dopo l’annuncio e la presentazione del comitato promotore, composto da diversi luminari stabiesi e napoletani, non mancano le polemiche. Innanzitutto si è diffusa l’ironia social sulla candidatura: “E’ da ridere” è il commento di molti cittadini su Facebook.

Sul piano politico è Andrea Di Martino a tirare le orecchie al sindaco Cimmino: “Mi sono schierato fin dal primo momento a favore della candidatura di Castellammare a Capitale della cultura. Oggi apprendo che hai costituito un comitato a sostegno di questo challenge. Non sapevo di questo comitato, dove ritrovo tanti amici, stabiesi e non stabiesi, c’è addirittura l’ex presidente del consiglio comunale di Napoli. Questi componenti hanno una caratteristica, sono tutti maschietti. Tranne la professoressa Maria Felicia De Laurentiis eminente astrofisica, Acerrana. Ora mi sarò distratto, si tratterà evidentemente di partecipare alla capitale della cultura maschile, per aver deciso di non inserire nessuna donna del nutrito mondo femminile della cultura Stabiese. Oppure sei caduto in una grave dimenticanza, che se solo avessi avuto l’accortezza di consultare il consiglio, per una scelta così delicata, avremmo evitato questa figura certamente non edificante. Sei in tempo ancora per correggere e non partire col piede sbagliato”.

Continua a leggere
Pubblicità

Politica

Si torna in consiglio per il bilancio: senza rimpasto si temono i “franchi tiratori”

Avatar

Pubblicato

il

Variazioni di bilancio, approvazione del consuntivo 2019, lavori di somma urgenza. C’è tanta carne a cuocere nel prossimo consiglio comunale, ancora una volta in videoconferenza. Tanto da dover programmare una doppia convocazione: 28 e 30 novembre. Ma quello che temono di più i “consiglieri” del sindaco Gaetano Cimmino sono i franchi tiratori. Quelli che in aula, nelle pieghe del lungo consiglio comunale, possono giocare brutti scherzi. In effetti, uno sgambetto “indolore” è facilmente ipotizzabile, del resto i delusi del mancato rimpasto di giunta (rinviato ancora una volta facendo leva sul covid) potrebbero essere in agguato.
Le posizioni più critiche sono della Democrazia Cristiana, ma anche in Forza Italia e nel gruppo misto. Anche Fratelli d’Italia chiede spazio nella squadra di governo. Quindi può accadere di tutto. Segnali di insofferenza facilmente ipotizzabili, a ormai due anni e mezzo dalla giunta tecnica.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

DALLA HOME

Pubblicità

Trending