Seguici sui Social

Cronaca

Cimmino manda in Tribunale “SOS Stabia”: «Al dialogo il Sindaco risponde con una querela»

Pubblicato

in



Il Sindaco querela per diffamazione SOS Stabia per un post e dalla pagina lanciano una raccolta fondi per le spese legali: “ci difenderemo con l’amore di chi ci ha sempre seguito”

Castellammare di Stabia. “Ricevere una querela dal Sindaco per diffamazione invece che risposte e dialogo ci sconforta non poco, rappresenta un fallimento senza eguali una sconfitta per noi e l’intera cittadinanza che vedeva in noi i rappresentati della propria voce”. A scriverlo sono gli amministratori della pagina SOS Stabia che hanno annunciato con un post di aver ricevuto una querela dal primo cittadino Gaetano Cimmino che li ha citati per diffamazione. La pagina, attiva ormai da anni sul territorio, è diventata punto di riferimento per molti cittadini che hanno utilizzato la community per denunciare inefficienze e vari problemi della città legati soprattutto alla quotidianità. Gli amministratori della pagina, attiva dal 2015, hanno organizzato nel tempo diverse manifestazioni e campagne di sensibilizzazione, tra cui anche confronti elettorali tra i candidati sindaco che si sono susseguiti in quest’ultimi cinque anni, anche grazie alla collaborazione con la stampa locale.

“Abbiamo sempre sostenuto in modo apartitico le nostre iniziative, come cittadini qualsiasi, senza bandiere e fini politici, sempre e solo per risvegliare le coscienze stabiesi – scrivono – e crediamo che sia nostro diritto chiedere conto a chi amministra questa città delle promesse fatte in campagna elettorale, crediamo che sia nostro sacrosanto diritto chiedere sicurezza e decoro sia per noi cittadini che per chi lavora per la nostra città. Abbiamo sempre lottato e fatto tutto il possibile per dare voce ai cittadini stanchi di vivere come ostaggi dell’inciviltà nella propria città che chiedevano giustizia e rispetto reciproco. Siamo sempre stati un pungolo per le amministrazioni con il solo scopo di portare in evidenza problematiche critiche ed urgenti, che non potevano più essere tollerate in una città stanca”

Oggi ci troviamo dai carabinieri, come gli ultimi de criminali, a rispondere di una querela per diffamazione.
A rispondere di un post dove chiedevamo mascherine per i nostri agenti della municipale a rispondere per un post che chiedeva semplicemente sicurezza per gli agenti, per le proprie famiglie e per tutti noi concittadini.
Ricevere una querela dal Sindaco per diffamazione invece che risposte e dialogo ci sconforta non poco, rappresenta un fallimento senza eguali una sconfitta per noi e l’intera cittadinanza che vedeva in noi i rappresentati della propria voce”.

“Abbiamo lottato – continua il lungo post – contro gli incivili contro gli atteggiamenti e le abitudini sbagliate che deturpano la nostra città, per i tesori ormai chiusi e mortificati, per i diritti dei disabili e per i diritti di noi tutti. Abbiamo invitato gli stabiesi ad amare la propria città organizzando eventi, in mare, al Faito, ad amare i nostri splendidi tramonti, ad amare le nostre sorgenti e le nostre Terme, il centro antico e tutto ciò che nel tempo abbiamo dimenticato di possedere”.

Per gli amministratori della pagina questa querela non potrà rappresentare un bavaglio “Noi – dicono – andiamo avanti a testa alta, con voi al nostro fianco ed il sostegno che ci avete sempre dimostrato, oggi come non mai abbiamo bisogno di tutto il vostro affetto.” Questa querela rappresenterebbe, simbolicamente, l’aver querelato i cittadini che utilizzano la pagina per fare le proprie denunce ed è per questo che hanno lanciato un crowdfunding per il sostegno delle spese legali. Sosterremo in autonomia le spese legali, ma daremo anche a voi la possibilità di aiutarci con donazioni e partecipare attivamente, ci difenderemo con l’amore di chi ci ha sempre seguito”.
Questo il link per effettuare donazioni: https://paypal.me/pools/c/8qsniDjx8n

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Castellammare. Docente positiva al Coronavirus

Pubblicato

in

Una docente dell’istituto Alberghiero risultata positiva al tampone

Castellammare di Stabia. Potrebbe essere a rischio l’apertura dell’anno scolastico per l’istituto Raffaele Viviani (Alberghiero ndr) di Castellammare di Stabia per una docente che sarebbe risultata positiva al Coronavirus. La notizia si apprende da fonti scolastiche. I sindacati già avrebbero richiesto una riunione urgente per cercare di capire come gestire l’apertura della scuola agli alunni giovedì. Intanto la questione si sposta sulla rete dei contatti della donna.

A contatto con la docente risultata positiva oltre ai colleghi e alla dirigenza ci sarebbe stato tutto il personale ATA nel corso di una riunione tenutasi 4 giorni fa. Nessuna delle persone venute a contatto con la donna sarebbero state avvisate delle misure di contenimento e precauzione da mettere in atto così come previste dai protocolli. La docente ha scoperto di essere positiva dopo aver accusato sintomi riconducibili al Coronavirus e si è sottoposta a test che ne ha confermato la positività.

 

Continua a leggere

Trending