Seguici sui Social

Politica

Clamorosa indiscrezione: Cesaro, addio a Forza Italia. Verso Italia Viva con De Luca

Pubblicato

in



Ormai è chiaro: Italia Viva è la porta d’ingresso dal centrodestra per sostenere Vincenzo De Luca alle regionali. Soprattutto per i transfughi di Forza Italia. Il primo in Campania è stato il senatore Carbone, poi l’ormai ex fedelissimo di Martusciello, Francesco Guarino, pronto a candidarsi con il partito di Renzi (portando in dote 12000 voti). Ma la clamorosa indiscrezione che corre nei corridoi di Forza Italia riguarda Luigi e Armando Cesaro. Udite udite, anche gli uomini simbolo del partito di Berlusconi in Campania sarebbero pronti a fare armi e bagagli per trasferirsi alla corte di Renzi. Per ora i Cesaro hanno giurato fedeltà al centrodestra, a Caldoro, a Forza Italia, essendo anche disponibili a sostenere una candidata donna nella lista forzista per non far disperdere i voti da Sant’Antimo a Castellammare, passando per i paesi vesuviani. 

La clamorosa indiscrezione, che nelle ultime ore ha fatto parlare i vertici del partito campano, è che i Cesaro starebbero preparando lo sgambetto proprio a Stefano Caldoro, accusato di non essere stato così garantista quando si è trattato di difendere Luigi Cesaro dopo le ultime vicende giudiziarie. Accuse mosse un po’ a tutto il partito, tanto da indurre Armando a ritirarsi dalla corsa elettorale delle regionali. Ebbene i Cesaro sarebbe pronti a sostenere un candidato di Italia Viva per entrare a far parte della lunga schiera di sostenitori di Vincenzo De Luca. E quindi un piede in due scarpe diverse, restando alla finestra un turno ma facendo sentire comunque il peso elettorale. Ufficialmente a sostenere una candidata di Forza Italia, ma dall’altra parte assicurando appoggio a un candidato di Italia Viva per sancire il passaggio definitivo al partito di Renzi. Un’indiscrezione che, se confermata, sarebbe clamorosa. Un colpo basso a Caldoro e al centrodestra campano. La fine di un’era. 

Daniele Di Martino

Continua a leggere
Pubblicità

Politica

Piano di mobilità, Scafarto sotto “esame”. Così l’assessore si gioca la riconferma

Pubblicato

in

Scafarto in un mese si gioca la riconferma. E’ questa la sensazione che traspare da Palazzo Farnese. Il futuro in giunta dell’assessore alla viabilità dipende tutto dalla buona riuscita del piano di mobilità, che molto probabilmente sarà rinviato alla prossima settimana. La motivazione ufficiale è “considerate le condizioni meteo avverse”, ma in realtà la protesta dei commercianti ha contribuito non poco sulla decisione di far slittare l’inizio della maxi-Ztl nel centro cittadino. Un rinvio che difficilmente sarà digerito da una parte della maggioranza di centrodestra e allora sotto accusa finirà proprio Scafarto, uno degli assessori che potrebbe essere defenestrato nell’ambito dell’imminente rimpasto di giunta. Del resto, solo con la buona riuscita del piano di mobilità riuscirebbe a strappare la riconferma.
Non è un caso che nei video di promozione del nuovo piano traffico, ad apparire è soltanto l’assessore. Il sindaco ha completamente delegato l’organizzazione a Gianpaolo Scafarto, proprio per avere una via d’uscita e quindi la revoca, nel caso in cui il Pum non dovesse portare i risultati sperati.

di Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending