Seguici sui Social

Eventi

Gragnano, ripartire dopo il Covid. Al via la manifestazione “Giovani, passione” del forum dei giovani

Pubblicato

in



Gragnano. Al via la manifestazione “Giovani, Passione” organizzata dal Forum dei Giovani di Gragnano in collaborazione con il Centro Giovani Santa Caterina e la Parrocchia San Leone II. Una manifestazione che si svolgerà in più giorni a luglio dove verranno trattati temi come l’amore per la nostra terra, l’immigrazione e la criminalità con diversi ospiti che affronteranno i temi trattati anche con l’aiuto di film. L’evento si svolgerà al Chiostro di S.Agostino nei giorni 9, 10, 14, 16, 31 e 23 luglio con una programmazione ben dettagliata.

“Veniamo fuori da una guerra chiamata covid-19 – scrivono – In giro sentiamo ancora l’eco dei combattimenti lontani. Siamo stati colpiti, tutti. Giovani e vecchi, senza distinzione. Qui a Gragnano, non appena è finito il lockdown, altri colpi mortali. Stavolta al tg non si parlava di Bergamo o Milano, ma di noi: un ragazzino ucciso a sangue freddo. Di lì altri agguati. Altra violenza, fino a quella di alcuni giorni fa in cui un’altra persona è morta contro-natura, sparata. La mente vorrebbe dimenticare.
La memoria prova a rimuovere e voltare pagina. Nell’aria sembra che sia tutto finito. Ma non è così, non possiamo far finta di nulla! Ci siam chiesti cosa fare, in quest’estate anomala, in mascherina. Vietati assembramenti. Impossibile creare aggregazione! Cosa rimane per dare un segno ai nostri giovani Abbiam fatto di necessità virtù. Delle sedie… Un microfono… Una voce da ascoltare… Una parola da ricevere… Domande da porsi… Idee da scambiare… Luce da mettere in circolo… E un’idea di futuro da comporre insieme, con l’aiuto di tutti! Ecco il senso di GIOVANI, PASSIONE! Non è un tanto un progetto, ma una PRO-VOCAZIONE alla fantasia, alla grinta, alla fede di ciascuno”

Eventi

“Mai per sempre”, il film di un figlio di Stabia. “Prima” allo Stabia Hall per la pellicola di Fabio Massa

Pubblicato

in

Un film made in Stabia presente nelle sale di tutta Italia. “Mai per sempre”, di e con Fabio Massa, è atteso dalla “prima” allo Stabia Hall. Appuntamento domani sera, quando saranno presenti anche gli attori, voluto fortemente dall’attore e regista stabiese che si sta facendo strada nel panorama del cinema italiano.
“Mai per sempre” è un film completamente partenopeo, gli attori scelti hanno dato al cinema italiano prestigio con le loro splendide interpretazioni nel corso degli anni. Cristina Donadio (“Scianel” in Gomorra) ha interpretato mia madre anche nel mio precedente film, “Aeffetto domino”, film sempre diretto da Massa. In questo nuovo progetto, il suo personaggio ha un’intimità più oscura e profonda, un po’ come tutti coloro che portano con sé un mondo da scoprire. La sceneggiatura è stata scritta a quattro mani con Demetrio Salvi e la collaborazione di Diego Olivares. È iniziato tutto dall’ultima scena: l’idea era di partire da un confronto molto forte tra i due amici, Luca e Antonio. “Mi interessava indagare su tutte le sfaccettature del tradimento e dell’abbandono – spiega Fabio Massa – Da lì è nata una storia che prende le distanze dai luoghi comuni e cerca di approfondire i lati oscuri di ognuno di noi. Non era nostra intenzione parlare di camorra, infatti non lo abbiamo fatto, ma non abbiamo potuto evitare di toccare alcuni argomenti come la corruzione, come si evince dal ruolo dell’avvocato Saverio”.
“Mai per sempre” è una storia di stampo quasi shakespeariano. In una delle scene troviamo anche Manila Aiello, moglie del regista, che porta in grembo il piccolo Christian, alla sua prima prova “celata” cinematografica”.
“Mai per sempre” è una storia di amicizia, di amore, di eterna lotta tra il bene e il male. Luca è un ragazzo napoletano di famiglia benestante che vuole essere felice, costruirsi una famiglia e avere un lavoro onesto. Per realizzare i suoi sogni, preferisce andare via dalla sua città, apre un’officina meccanica con il suo miglior amico Antonio e si innamora di Maria, una ragazza ucraina con la quale decide di crearsi una famiglia. Ma quando tutto sembra essere perfetto, Maria dovrà fare i conti con il passato: Livio torna in paese diventando l’ostacolo della sua felicità. Ma Maria non sarà la sola a vivere una violenza, perché anche Silvana, la madre di Luca, vive un dramma. Grazie a Saverio, infatti, l’avvocato che in passato le è stato
vicino, Silvana si è potuta allontanare dal suo ex marito che ha abusato di lei. Tutto ciò, piano piano, si trasformerà in un rimorso, perché “Non doveva andare così…“
“E’ un film grazie al quale ho avuto modo di indagare sui coni d’ombra e di luce nella vita possibile di ognuno di noi! Un film duro, forte, a tratti struggente così come è stato definito dalla critica – commenta il regista stabiese – Ho avuto la fortuna di dirigere attori che hanno dato al cinema italiano prestigio con le loro splendide interpretazioni nel corso degli anni. Cristina Donadio (“Scianel” in Gomorra) ha interpretato mia madre anche nel mio precedente film, “Aeffetto domino”. In questo nuovo progetto, il suo personaggio ha un’intimità più oscura e profonda, un po’ come tutti coloro che portano con sé un mondo da scoprire. Un film che ha portato a casa circa 30 premi internazionali e che esce nelle sale dopo aver superato il lock down. Il film doveva uscire il 16 aprile, si trova finalmente a vivere il buio della sala! La prima nella mia città non poteva mancare… ho sempre portato Castellammare in ogni dove con i miei lavori! Questa volta lo faccio dedicando alla città la prima nazionale con il cast in sala! Tra gli altri mi piace sottolineare la presenza di un’altra meravigliosa attrice made in Stabia nel cast, Benedetta Valanzano, che ha ricoperto un ruolo da coprotagonista in modo eccellente! L’appuntamento è da giovedì 24 allo Stabia hall, per la prima sera vi faremo compagnia in sala”.

Continua a leggere

Trending