Seguici sui Social



Cronaca

Inchiesta sul contrabbando di gasolio in 6 regioni, 19 indagati e 7 in manette: coinvolto anche uno stabiese

Pubblicato

il

PUBBLICITA


Sono 19 gli indagati e sette le persone arrestate nell’ambito di un’inchiesta sul contrabbando di gasolio partita da Bolzano

E’ di sette persone arrestate, sequestri di depositi di carburante, distributori stradali, veicoli, un’imbarcazione e denaro in contanti, il bilancio di una lunga e complessa indagine dedita al contrabbando di gasolio che era gestita da un’associazione a delinquere con ramificazioni transnazionale. L’operazione è stata condotta dalla Guardia di Finanza di Bressanone con il coordinamento della Procura di Bolzano e ha avuto la collaborazione dell’ufficio di Bolzano del Reparto antifrode dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli. Le vasta operazione si è conclusa nella tarda serata di ieri e ha visto impiegati oltre 200 tra finanzieri e doganieri in Lombardia, Toscana, Abruzzo, Campania, Puglia e Basilicata. Sono 19 persone complessivamente le persone indagate. Ad essere sequestrati, tre depositi commerciali di prodotti energetici, 13 distributori stradali di carburante, 34 tra motrici, semirimorchi e cisterne adibiti al trasporto di carburanti, una imbarcazione da diporto lunga 18 metri, timbri metallici contraffatti destinati alla creazione di falsi documenti di trasporto, 60 rapporti finanziari (fra conti correnti, certificati di deposito, titoli) e denaro contante fino alla concorrenza di 4,3 milioni di euro. L’associazione a delinquere era finalizzata alla commissione di delitti di contrabbando di prodotti energetici aggravati dalla quantità del prodotto commercializzato e dell’transnazionalità degli illeciti. Le persone arrestate sono, Francesco D’Auria, 42 anni residente in provincia di Napoli, Gaetano Panariello Gaetano, 58 anni residente in provincia di Salerno, Carmelo Corsaro, 53 anni di Settimo Milanese, Vincenzo Amita, 47 anni di Castellammare di Stabia, Pasquale De Martino, 56 anni residente in provincia di Reggio Emilia, Vincenzo Sciusco, 48 anni di Cerignola, e Paolo Infantino, 44 anni anche lui di Cerignola.


Cronaca

Rapina all’MD in pieno giorno: caccia al ladro

Pubblicato

il

Rubato denaro contante dalle casse

Castellammare di Stabia. Rapina in pieno giorno ai danni del supermercato MD lungo il Viale Europa a Castellammare di Stabia. L’episodio si è verificato intorno alle 13 quando nel supermercato c’erano diverse persone che stavano facendo la spesa. L’uomo, a volto coperto, si è diretto verso le casse intimando le cassiere di consegnare il denaro per poi scappare. Subito intervento delle forze dell’ordine. Sul caso indagano gli agenti del Commissariato di Castellammare di Stabia guidati dal primo dirigente Pietro Paolo Auriemma e coordinati dalla dottoressa Emanuela Marafioti. In un primo momento ascoltate le testimonianze di alcuni presenti, in corso l’acquisizione delle immagini del sistema di videosorveglianza pubblico e privato che daranno ulteriori elementi della rapina. E’ ancora da quantizzare il bottino. emidav

Continua a leggere