Seguici sui Social

Cronaca

Inchiesta sul contrabbando di gasolio in 6 regioni, 19 indagati e 7 in manette: coinvolto anche uno stabiese

Pubblicato

in



Sono 19 gli indagati e sette le persone arrestate nell’ambito di un’inchiesta sul contrabbando di gasolio partita da Bolzano

E’ di sette persone arrestate, sequestri di depositi di carburante, distributori stradali, veicoli, un’imbarcazione e denaro in contanti, il bilancio di una lunga e complessa indagine dedita al contrabbando di gasolio che era gestita da un’associazione a delinquere con ramificazioni transnazionale. L’operazione è stata condotta dalla Guardia di Finanza di Bressanone con il coordinamento della Procura di Bolzano e ha avuto la collaborazione dell’ufficio di Bolzano del Reparto antifrode dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli. Le vasta operazione si è conclusa nella tarda serata di ieri e ha visto impiegati oltre 200 tra finanzieri e doganieri in Lombardia, Toscana, Abruzzo, Campania, Puglia e Basilicata. Sono 19 persone complessivamente le persone indagate. Ad essere sequestrati, tre depositi commerciali di prodotti energetici, 13 distributori stradali di carburante, 34 tra motrici, semirimorchi e cisterne adibiti al trasporto di carburanti, una imbarcazione da diporto lunga 18 metri, timbri metallici contraffatti destinati alla creazione di falsi documenti di trasporto, 60 rapporti finanziari (fra conti correnti, certificati di deposito, titoli) e denaro contante fino alla concorrenza di 4,3 milioni di euro. L’associazione a delinquere era finalizzata alla commissione di delitti di contrabbando di prodotti energetici aggravati dalla quantità del prodotto commercializzato e dell’transnazionalità degli illeciti. Le persone arrestate sono, Francesco D’Auria, 42 anni residente in provincia di Napoli, Gaetano Panariello Gaetano, 58 anni residente in provincia di Salerno, Carmelo Corsaro, 53 anni di Settimo Milanese, Vincenzo Amita, 47 anni di Castellammare di Stabia, Pasquale De Martino, 56 anni residente in provincia di Reggio Emilia, Vincenzo Sciusco, 48 anni di Cerignola, e Paolo Infantino, 44 anni anche lui di Cerignola.

Cronaca

Coronavirus, oggi 287 nuovi positivi in Campania: è prima regione per numero di contagi

Pubblicato

in

La Campania resta ancora la prima regione per numero di contagi

Sono 287 i nuovi positivi al Coronavirus in Campania registrati nelle ultime 24 ore. A renderlo noto è l’unità di Crisi della Regione Campania nel consueto bollettino pomeridiano. La Campania resta, anche questa volta, la prima regione in Italia per numero di nuovi positivi. Questo il bollettino di oggi: Positivi del giorno: 287, Tamponi del giorno: 5.584, Totale positivi: 12.742, Totale tamponi: 595.991, Deceduti del giorno: 0, Totale deceduti: 463, Guariti del giorno: 139, Totale guariti: 6.166.

Resta stabile la curva dei contagi da Covid 19 in Italia: dai dati del ministero della Salute emerge che nelle ultime 24 ore c’è stato un incremento di 1.851 casi, circa 200 più di ieri ma con circa 15mila tamponi in più: 105.564 contro 90.185. Il totale dei contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 314.861. In leggero calo l’incremento delle vittime: 19 contro le 24 registrate martedì, per un totale di 35.894. Nessuna regione fa registrare zero nuovi casi e la Campania, ancora una volta, è quella con il maggior incremento, con 287 nuovi casi. Seguono il Lazio (+210), la Lombardia (+201), il Piemonte e la Sicilia (+170).

Sono 51.263 gli attualmente positivi al Covid 19 nel nostro paese, con un incremento di 633 malati nelle ultime 24 ore. Di questi, dice il bollettino del ministero della Salute, 280 sono ricoverati in terapia intensiva, 9 in più rispetto a martedì, 3.047 sono invece nei reparti ordinari (uno meno di ieri) e 47.936 sono in isolamento domiciliare, con un incremento di 625 nelle ultime 24 ore. Sono, infine, 227.704 i dimessi e i guariti, 1.198 in più in un giorno.

Si è ridotta la letalità del Covid-19: se fino a giugno morivano quasi 15 pazienti su cento oggi ne muoiono circa 12. Ma i contagi da coronavirus sono in forte crescita soprattutto nelle regioni del Centro-Sud, con Sardegna, Campania, Lazio e Sicilia che dal 16 giugno al 24 settembre, mostrano un incremento di positivi pari rispettivamente a +154,2%, +140,7%, +90,8% e +83,8%.

 

Continua a leggere

Trending