Seguici sui Social

Politica

Rimpasto, la Dc ribadisce il “no” alla giunta tecnica: “Ma saremo leali”

Pubblicato

in



Non si placano le polemiche dopo l’approvazione del bilancio. Gli equilibri della maggioranza stanno cambiando e le fratture ormai sono all’ordine del giorno. Il sindaco Cimmino è ormai nell’angolo e a settembre il rimpasto non sarà più rinviabile. La Democrazia Cristiana, con una nota del segretario cittadino Michele Sanzone, ribadisce la posizione ma assicura lealtà al sindaco: “Dal giorno dopo l’insediamento di questo esecutivo, su tutti i media sono apparsi articoli nei quali si evinceva il mio disappunto non verso le donne e gli uomini nominati, di cui ho stima personale, ma per ciò che non rappresentano, ovvero la volontà del popolo. E in due anni sono apparso sui media senza mai fare un passo indietro e mettendoci la faccia, e negli incontri di maggioranza con la coerenza che mi contraddistingue mai mi sono discostato da questo pensiero, e ho sempre fortemente differenziato l’atto politico da quello amministrativo, e mai è stato palesato un tentativo di ricatto, anzi, ho sempre rassicurato sulla presenza in aula dei rappresentanti della DC, che oggi sono due talmente coesi, al punto da stressare chi, in modo giornaliero tenta di rompere questa egemonia, e per il sindaco Cimmino la loro presenza in aula è sempre stata una certezza, chiedere a Lui per conferma. Purtroppo c’è ancora chi crede che l’affermazione politica la si ottiene con metodi dubbi, come le beghe di corridoio e con la diffusione di zizzania sterile. L’esercizio della politica e fatto di passione, e chi come me sacrifica il privato per questa passione, non si sente attaccato da questo metodo”.

Continua a leggere
Pubblicità

Politica

Rimpasto di giunta, gli “infedeli” rischiano di restare senza assessori

Pubblicato

in

Prima l’analisi del voto, poi la verifica di chi ha veramente sostenuto il centrodestra alle regionali e poi il rimpasto di giunta. Questa è la road map che si sta tracciando in queste ore. Il sindaco Gaetano Cimmino e i suoi fedelissimi vogliono vederci chiaro in questa storia. I conti non tornano. Malgrado il centrodestra abbia registrato una delle migliori performance della provincia (ma non era impresa così difficile), ora è caccia ai consiglieri infedeli che hanno deciso di appoggiare candidati di De Luca. “Bisogna capire chi sta veramente con noi” è il leit motive di queste ore a Palazzo Farnese. Nelle mattinate successive al voto, il primo cittadino ha ricevuto la visita di diversi esponenti di maggioranza. Una sorta di analisi del voto che approderà a una riunione con le segreterie dei partiti, così da tracciare la strada per arrivare al rimpasto. La prossima settimana potrebbe esserci il vertice decisivo per stabilire i criteri per trasformare la giunta tecnica in giunta politica. E in questo scenario i “traditori” rischiano l’isolamento politico.
di Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending