Seguici sui Social

Politica

Tari, 800mila euro di agevolazioni. Soldi anche per gli eventi natalizi

Pubblicato

in



“Si sono chiusi oggi i lavori della I commissione consiliare in vista del consiglio comunale in programma lunedì 27 luglio. Abbiamo portato a termine la variazione del bilancio e la salvaguardia degli equilibri, così come da indicazioni date in periodo di emergenza sanitaria dal sindaco”. Così Salvatore Gentile, presidente della I commissione consiliare del Comune di Castellammare di Stabia.

“In particolare – prosegue Salvatore Gentile – sono stati stanziati gli importi, pari a 800mila euro, per le agevolazioni Tari delle utenze commerciali e ricettive, obbligate alla chiusura durante il lockdown in base alle disposizioni previste dai vari decreti del presidente del consiglio, nonché degli esercizi commerciali rimasti chiusi nello stesso periodo, per i quali abbiamo previsto la cancellazione della tassa dei rifiuti fino a 3 mesi, venendo incontro alle loro esigenze direttamente con fondi comunali.

Le tariffe relative alla Tari – spiega il presidente della I commissione – sono rimaste invariate per tutti i cittadini, nonostante l’aumento dei costi di conferimento e le agevolazioni citate poc’anzi, grazie al lavoro intenso di accertamento delle metrature degli immobili messo in campo da Soget e dal settore finanze su impulso dell’assessorato al bilancio Stefania Amato, che ha consentito di compensare gli aumenti. Sono stati individuati, inoltre, i fondi necessari per l’attuazione del piano urbano di mobilità, attingendo ai proventi delle multe avanzati negli anni pregressi.

Abbiamo condiviso con l’opposizione, infine, lo spostamento degli importi stanziati in bilancio – conclude Gentile – per gli eventi e gli spettacoli di inizio anno, incrementando il capitolo relativo agli eventi natalizi, dall’Immacolata all’Epifania, per creare i presupposti per attrarre flussi turistici durante le festività di fine anno. Ringrazio tutti i componenti della commissione, l’assessore al bilancio e l’intera amministrazione comunale per aver dato prova di collaborazione e buona amministrazione nell’interesse di tutti i cittadini”.

Continua a leggere
Pubblicità

Politica

Caos traffico, l’opposizione prende le firme: consiglio comunale aperto ai commercianti

Pubblicato

in

Di Martino

Un consiglio comunale aperto ai commercianti. L’opposizione prende le firme per portare l’amministrazione Cimmino sul banco degli impuntati e metterla a confronto con i cittadini. L’annuncio diffuso dalla nota di Andrea Di Martino, Eutalia Esposito, Francesco Nappi, Laura Cuomo e Giovanni Nastelli: “La citta è piombata nel caos. Il nuovo Piano della mobilità si sta attuando attraverso veri e propri blitz, incertezze, approssimazioni e polemiche, per non dire “col favore delle tenebre”. Un piano che dovrebbe essere condiviso e partecipato, sta diventando un guazzabuglio. Provocando anche tensione e crisi nello stesso corpo di Polizia Municipale. Non è la strada giusta questa. Un piano di questa portata va applicato ascoltando la città, le categorie, le associazioni i sindacati. Va concordato e partecipato. Non può divenire un braccio di ferro, o peggio, campagna elettorale, attraverso improvvisi e furbetti blitz, tipo quello con cui si è chiusa piazza Giovanni XXIII”.
Da qui la decisione dell’opposizione: “È per queste ragioni che stiamo procedendo ad una raccolta delle firme necessarie per portare la discussione in un consiglio comunale, dove gli stakeholder (rappresentanze cittadine) possano intervenire e contribuire.
Facciamo appello a tutti i consiglieri comunali affinché firmino la richiesta di convocazione e si schierino dalla parte dei cittadini.
Il testo è a disposizione di tutti per modifiche o integrazioni. Intendiamo raggiungere le firme necessarie secondo lo statuto velocemente, ci auguriamo che sia la proposta di tutti, specie dei consiglieri comunali che vogliono correggere quanto in questi giorni l’amministrazione sta attuando, senza un minimo di programmazione e condivisione. Il Piano urbanistico della mobilita urbana deve essere discusso in un consiglio comunale aperto”.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending