Seguici sui Social

Calcio

Canotto verso l’addio: un rapporto d’amore e d’odio con i tifosi della Juve Stabia

Pubblicato

in

canotto


Luigi Canotto e la Juve Stabia, con ogni probabilità, si saluteranno a breve. Un matrimonio lungo tre anni ricco di emozioni positive e negative.

Era il 31 agosto 2017 quando la Juve Stabia e Luigi Canotto si unirono in matrimonio. Sono passati ormai tre anni da quella firma sul contratto. Tre anni ricchissimi di emozioni, sia positive che negative. Tre anni in cui Luigi Canotto ha dimostrato di essere un ottimo giocatore ma allo stesso tempo un calciatore non ancora pronto per un salto di qualità importante. L’esterno d’attacco 1994 ha vissuto tanti alti e bassi in queste tre stagioni a Castellammare di Stabia.

Una prima stagione chiusa ai playoff, seconda culminata con la promozione in B e l’ultima, quella da poco conclusa, terminata con una cocente e inaspettata retrocessione. Le ha vissute praticamente tutte Canotto da quando veste la maglia dello Stabia. Sembra, però, ai titoli di cosa questo amore folle e per certi versi strano. La gente a Castellammare ha imparato ad amarlo durante le sue percussioni palla al piede culminate con un gol o con un assist. Ma la stessa gente, soprattutto in quest’ultima stagione, hanno provato un sentimento di “odio” calcistico. Accusato di egoismo e di non assistere i suoi compagni meglio posizionati in area di rigore, Canotto negli ultimi due mesi disgraziati di stagione è stato uno dei più bersagliati. Probabilmente, anche lui si è ritrovato di fronte a una situazione troppo complicata da gestire, anche lui come la maggior parte dei suoi compagni si è ritrovato smarrito in una mediocrità generale. Nonostante questo, però, le sue statistiche non sono state così negative: 5 gol e 5 assisti in 34 presenze.

E allora dopo tre anni, molto probabilmente, le strade tra Canotto e Juve Stabia saranno destinate a separarsi. Su di lui praticamente mezza Serie C e qualche club di B. Le proposte non mancano e secondo alcune voci vicine alla società l’esterno starebbe pensando a una rescissione. Una doppia beffa per il club di Langella poiché da questa cessione avrebbe ricavato sicuramente un bel gruzzoletto in vista della prossima campagna acquisti. In questi giorni, se non nelle prossime ore, si saprà di più circa il futuro di Luigi. Nel frattempo vorremmo ricordare l’esterno d’attacco nel migliore dei modi: quel gol contro il Trapani nella stagione della promozione non verrà mai dimenticato dalle parti del Menti. E i due mesi maledetti non cancelleranno certamente quanto di buono fatto in questi anni da Canotto su quella fascia a Castellammare.

Calcio

Parola ai fratelli Langella: domani partirà ufficialmente la nuova era della Juve Stabia

Pubblicato

in

fratelli langella

Domani partirà ufficialmente il nuovo corso della Juve Stabia targato fratelli Langella. La curiosità è tantissima

Dopo mesi e mesi di proteste, di preoccupazioni, di richieste da parte dei tifosi di chiarezza e trasparenza, finalmente il grande giorno è arrivato. Qualche ora fa è arrivata una comunicazione importante da parte della società Juve Stabia: domani Andrea e Giuseppe Langella parleranno finalmente alla piazza. “Si comunica che domani, sabato 26 settembre, alle ore 11:30, presso la sala stampa dello Stadio Romeo Menti, si terrà la conferenza stampa del presidente Andrea Langella e del socio Giuseppe Langella“. Questa la breve ma veramente importante nota societaria.

Sono passati tantissimi giorni dall’ultima volta che uno dei vertici societari parlasse, ma come afferma un famoso proverbio italiano “meglio tardi che mai”. Questa conferenza stampa, se condotta bene, potrebbe davvero essere l’evento più importante dell’ultimo periodo. Più delle cessioni eccellenti e degli acquisti che tardano ad arrivare. Dopo l’addio di Franco Manniello, gli stabiesi hanno bisogno di solidità e fiducia. Solo guardando negli occhi la nuova proprietà, ascoltando le loro prime parole, questa fiducia potrà esistere. E magari il sig. Andrea Langella spenderà due parole per la retrocessione che ancora brucia sotto il Faito.

Domani i due fratelli parleranno alla vigilia di campionato. Lo sciopero dei calciatori, pare essere saltato o quantomeno rinviato. Domenica la Juve Stabia e tutte le altre società scenderanno in campo per iniziare la Serie C. La mediazione di Gabriele Gravina ha funzionato: il presidente Figc ha messo d’accordo Aic e Lega Pro, le liste passano da 22 a 24 più un 2001. Una serie di notizie, queste, tutte fondamentali per i tifosi gialloblu’. Curiosi di conoscere quali saranno gli obiettivi di quest’anno e di conoscere i nuovi innesti, domani e dopodomani per loro saranno due giornate importanti: dichiarazioni dei fratelli Langella e inizio della stagione 2020/2021. Tutto in 48 ore, ore da vivere con trepidazione e con un pizzico di nostalgia ai tempi andati.

Continua a leggere

Trending