Seguici sui Social

Ultime Notizie

Tentativo di furto in un locale in Centro, è ancora allarme in città

Pubblicato

in



Ladri tentano di svaligiare un negozio ma è la Sede del Movimento 5 Stelle

Castellammare di Stabia. Amara sorpresa questa mattina per gli attivisti del Movimento 5 Stelle Stabiese. All’apertura della sede in via Catello Marano hanno costatato che qualcuno ha provato a forzare la serratura ed introdursi all’interno. Probabilmente il malvivente o i malviventi non erano a conoscenza che quel locale era adibito a sede politica. Fortunatamente per gli attivisti nessuno è riuscito ad introdursi all’interno, sono stati riscontrati solo danni alla saracinesca. L’episodio molto probabilmente si è verificato questa notte. E’ l’ennesimo tentato furto per le strade del centro. La scorsa settimana nella vicinissima via Tavernola due baby ladri tentarono di rubare, senza successo, uno scooter parcheggiato sul marciapiede. Sulla vicenda indagano le forze dell’ordine.

Politica

Piano di mobilità, Scafarto sotto “esame”. Così l’assessore si gioca la riconferma

Pubblicato

in

Scafarto in un mese si gioca la riconferma. E’ questa la sensazione che traspare da Palazzo Farnese. Il futuro in giunta dell’assessore alla viabilità dipende tutto dalla buona riuscita del piano di mobilità, che molto probabilmente sarà rinviato alla prossima settimana. La motivazione ufficiale è “considerate le condizioni meteo avverse”, ma in realtà la protesta dei commercianti ha contribuito non poco sulla decisione di far slittare l’inizio della maxi-Ztl nel centro cittadino. Un rinvio che difficilmente sarà digerito da una parte della maggioranza di centrodestra e allora sotto accusa finirà proprio Scafarto, uno degli assessori che potrebbe essere defenestrato nell’ambito dell’imminente rimpasto di giunta. Del resto, solo con la buona riuscita del piano di mobilità riuscirebbe a strappare la riconferma.
Non è un caso che nei video di promozione del nuovo piano traffico, ad apparire è soltanto l’assessore. Il sindaco ha completamente delegato l’organizzazione a Gianpaolo Scafarto, proprio per avere una via d’uscita e quindi la revoca, nel caso in cui il Pum non dovesse portare i risultati sperati.

di Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending