Seguici sui Social
PUBBLICITA


Cronaca

La deputata Di Lauro (M5) contro De Luca: “Mostri i referti dei malati di cancro in regione, non solo dei positivi al Covid. Basta terrorismo psicologico”

Avatar

Pubblicato

il


PUBBLICITA

«Secondo banche dati europee la Campania è la peggiore regione italiana per mortalità da cancro di individui di età inferiore a 65 anni. Il nostro “sceriffo” di fiducia ne è a conoscenza? Perché non ci mostra in diretta questi dati, perché non ci fa vedere un po’ di referti e tac anche di questi ammalati?» A dirlo è la deputata che ha commentato così l’episodio del Governatore Vicenzo De Luca che ha mostrato nel corso della sua diretta Facebook una radiografia di un 30enne risultato positivo al e ricoverato all’ospedale Cotugno. «De Luca – aggiunge – è consapevole che, secondo dati recenti, nei comuni dell’ ASL NA 3 SUD si vive in media 5 anni meno rispetto alla media regionale? Il governatore è a conoscenza del fatto che suddetti comuni si trovano in buona parte a ridosso della Foce Del Fiume Sarno considerato tra i fiumi più inquinati d’Europa? Che stanno nascendo sempre più bambini malformati, senza contare gli ammalati di tumore ai polmoni, al seno, tiroide, fegato? Nessuno vuole negare che non si stia vivendo un periodo di aumento dei contagi, nessuno vuole negare che non sia importante comportarsi responsabilmente. Ma, categoricamente, non accetto il terrorismo piscologico che questa sera lo sceriffo ha inscenato sui suoi canali social. Non oso immaginare il panico e l’ansia che si saranno sicuramente scatenati soprattutto nelle persone più fragili, economicamente e psicologicamente. Senza contare che, in base alla neuroimmunologia, alimentare uno stato di emergenza e di timore fa crescere ansia nella popolazione e questo stress riduce le nostre difese immunitarie che sono le prime e più importante alleate nella battaglia contro tutti i virus. Ma, aspettarsi che il governatore sia consapevole di ciò è sicuramente chiedere troppo a chi, come lui, è da mesi troppo impegnato a puntare il dito contro chiunque ma mai contro sé stesso, distraendo i cittadini campani dai disastri che ha combinato e che continua a combinare».

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

San Leonardo, Tonino Scala (LeU): “La situazione ogni giorno più drammatica. Fate presto”

Avatar

Pubblicato

il

Tonino-Scala-LEU

Gli operatori sanitari vanno tutelati e non dati in pasto al “Covid-19″.

Castellammare di Stabia. «La vicenda del Pronto soccorso del San Leonardo è diventata insostenibile: Fate Presto». E’ l’appello del consigliere comunale di opposizione Tonino Scala, dopo l’ennesima denuncia a firma della FIALS, sindacato dei lavoratori ospedalieri, sulle criticità dell’ospedale San Leonardo. «La situazione del Pronto Soccorso del San Leonardo si fa ogni giorno più drammatica – è il commento del consigliere Scala – e insostenibile. Ritardi incomprensibili ed inaccettabile di lavori, annunciati e mai iniziati. A questo si aggiunte le questioni a tutte note, divenute ormai croniche, che rendono tutto ancor più difficile una vicenda già di per sé tragica. Gli operatori sanitari vanno tutelati e non dati in pasto al “Covid-19″. Ancora oggi parliamo di forniture di Dispostivi di protezione individuale carenti. A questo si aggiunge l’entrata indiscriminata dei parenti che sostano vicino agli ammalati sospetti positivi senza nessuno tipo di filtraggio, che sta, questo lo dicono i dati dei contagi, alimentando un vortice che nessuno, stando alle vicende ormai note, riuscirà a fermare se non si mette un freno. Il personale è allo stremo, la dotazione organica è insufficiente e non possiamo rischiare anche di farlo ammalare. Sindaco se ci sei batti un colpo, fatti sentire. È necessario un intervento ad horas con i vertici dell’Asl e con l’assessore alla Sanità. La denuncia fatta oggi è di una gravità inaudita, non si può continuare così. Fate Presto».

Continua a leggere

Trending