Seguici sui Social


Cronaca

Covid, doppio salto della Campania che passa da zona gialla a rossa

Pubblicato

il


Doppio salto della Campania che passa da zona gialla a rossa

La Campania sarà zona rossa. Manca l’ordinanza ma c’è la conferma del Ministro della Salute che dovrà istituire il provvedimento. Ad annunciarlo è il Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, che ha avuto un colloquio telefonico con il Ministro che ha comunicato che «la Campania diventa zona rossa». Non solo la Campania altre regioni entrano nella zona rossa e quindi nelle aree più a rischio con misure più restrittive.
Oggi la riunione della Cabina di regia per il monitoraggio settimanale con ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità e rappresentanti delle Regioni, e in base ai 21 indicatori utilizzati per la griglia sono emerse nuove criticità: l’attesa ordinanza del ministro Speranza, che firmerà in serata, sposta in fascia rossa la Toscana (che era arancione) e la Campania (che fa il salto doppio, da gialla a rossa).
La terza settimana da quando è entrato in vigore il sistema dei colori per i livelli di rischio regionali porta così a 7 il numero delle regioni rosse: Calabria, Lombardia, Piemonte, Val d’Aosta (ordinanza del 4 novembre), Provincia di Bolzano (ordinanza del 10 novembre), Toscana e Campania (l’ordinanza di oggi, che entrerà in vigore domenica 15 novembre). Essere in area rossa vuol dire sinteticamente spostamenti vietati, chiusura di bar e ristoranti e dei negozi in generale, eccetto supermercati, farmacie, tabaccherie, parrucchieri, scuola in presenza solo fino alla prima media, oltre che le chiusure valide per tutto il Paese, quelle di cinema, teatri, palestre. Cresce anche l’area arancione, quella a rischio medio-alto, che prevede tra l’altro il divieto di spostamento tra una regione e tra un comune e l’altro, con 9 regioni: l’ordinanza di oggi sposta in questa fascia Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Marche, che si aggiungono a Puglia e Sicilia (con ordinanza del 4 novembre), Abruzzo, Basilicata, Liguria e Umbria (ordinanza del 10 novembre). La fascia gialla, con rischio medio, si è via via sguarnita, e conta ora solo 5 regioni: Lazio, Molise, Provincia di Trento, Sardegna e Veneto.


Pubblicità

Cronaca

Lotta agli abusivi della sosta a Pozzano, operazione ad alto impatto della polizia

Pubblicato

il

Controlli estesi su tutto il  territorio cittadino, impiegato anche un elicottero

Castellammare di Stabia. Operazione ad alto impatto questa mattina per le strade del centro di Castellammare di Stabia e non solo. Controlli ad ampio raggio volti al contrasto dell’illegalità diffusa e agli abusivi della sosta lungo i bagni di Pozzano. A coordinare i controlli gli uomini della Polizia di Stato del commissariato di Castellammare di Stabia e gli agenti della sezione scientifica,  anticrimine e del reparto mobile di Napoli. Durante le operazioni è stato impiegato anche un elicottero del reparto volo che ha perlustrato l’area costiera dove si è focalizzata maggiormente l’attenzione delle forze dell’ordine.

Alle operazioni hanno preso parte anche i carabinieri e i militari della guardia di finanza. A disporre l’ «l’alto impatto» la Prefettura di Napoli nel corso di una riunione di coordinamento interforze presieduta dal Prefetto di Napoli. All’ordine del giorno dell’incontro svolto martedì la situazione dell’ordine e della sicurezza pubblica nell’area metropolitana. Decine di veicoli controllate e altrettante persone identificate. Contestate anche diverse violazioni al codice della strada. I controlli si aggiungono a quelli delle scorse settimane lungo le strade della penisola e ad altri in programma nei prossimi weekend. Mar.Alf.

LEGGI ANCHE: 
Spiagge, caos parcheggi e traffico. Don Salvatore: «Riaprire la stazione di Pozzano»

Continua a leggere

Trending