Seguici sui Social

Cronaca

Inquinamento del Sarno, blitz dei carabinieri negli uffici dei comuni attraversati dal fiume

Pubblicato

il

foce-sarno

I valori sarebbero così alti da rendere impossibile, per lo strumento di analisi utilizzato, rilevarne l’esatto valore, soprattutto in prossimità della foce del fiume.

I carabinieri per la tutela ambientale di Napoli, su richiesta delle procure di Nocera Inferiore e Torre Annunziata, stanno eseguendo dei controlli negli uffici di alcuni Comuni attraversati dal fiume Sarno, nell’ambito delle indagini per accertare le cause dell’inquinamento del corso d’acqua. I militari, per lo stesso motivo, avevano già controllato altri Comuni e aziende del territorio compreso nel bacino idrografico del fiume.
Le indagini hanno permesso di scoprire, attraverso l’analisi di campioni dell’acqua, una presenza nel fiume di livelli di batteri escherichia coli di gran lunga superiore al limite fissato dalla legge.

I valori sarebbero così alti da rendere impossibile, per lo strumento di analisi utilizzato, rilevarne l’esatto valore, soprattutto in prossimità della foce del fiume.

Dagli ulteriori approfondimenti è emerso che numerosi comuni attorno a Nocera Inferiore e Torre Annunziata risulterebbero privi di sistemi per convogliare le acque reflue agli impianti di depurazione esistenti o privi di una propria rete fognaria, con la conseguenza che gli scarichi domestici e industriali vengono riversati direttamente nel Sarno. L’attività investigativa al momento interessa i Comuni di Nocera Inferiore, Corbara, Mercato San Severino (Salerno), Boscoreale e Torre del Greco (Napoli). Lo scorso 5 novembre, invece, erano stati controllati gli uffici comunali di Angri, Sarno, Scafati (Salerno), Poggiomarino, Striano e Santa Maria La Carità (Napoli). I militari stanno cercando di accertare le cause dell’assenza o dell’inattività delle reti fognarie e del mancato collegamento delle stesse ai depuratori. Le indagini hanno anche l’obiettivo di scoprire il grado di inquinamento del fiume e verificare l’eventuale stanziamento di fondi pubblici, destinati alla realizzazione delle strutture per la raccolta e depurazione delle acque reflue, e come sono stati usati. In particolare, per i comuni di Boscoreale e Torre del Greco, dotati di rete fognaria, i controlli servono a verificare il collegamento di tali reti al depuratore ‘Foce Sarno’ di Castellammare di Stabia. Mentre per il comune, già collegato al depuratore, si vuole appurare la completa realizzazione del sistema fognario.

LEGGI  Fincantieri, impostata a Castellammare la sezione di prua della LSS "Jacques Chevallier"

Cronaca

In aumento la curva del contagio in Campania, nelle ultime 24 ore 2.185 i nuovi positivi

Pubblicato

il

Ben 2.185 positivi in Campania con una curva in aumento e che passa dal 9,53% di ieri al 10,22 di oggi. E’ quanto emerge dal bollettino dell’Unità di crisi della Regione. Dei nuovi positivi 303 casi sono stati identificati da test antigenici rapidi. In totale si sono registrati 1.763 asintomatici e 119 sintomatici (sia sintomatici che asintomatici si riferiscono ai soli positivi al tampone molecolare), I tamponi del giorno sono 21.366 (di cui 3.568 antigenici). Il totale dei positivi finora registrati e’ di 257.939 (di cui 4.794 antigenici). Il numero complessivo di tamponi è di 2.842.283 (di cui 90.890 antigenici);. Si registrano altre 40 vittime (17 deceduti nelle ultime 48 ore, 23 deceduti in precedenza ma registrati ieri;). Il; totale dei morti è di 4.219. I guariti sono 848 per un totale di 181.890. Secondo il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, “permane la sperequazione con altre regioni nella distribuzione dei vaccini. Ciononostante in Campania sono stati raggiunti questi risultati: alle ore 17 di oggi, mercoledì 24 febbraio 2021, sono stati somministrati in Campania 59.579 vaccini per la categoria “over 80” e 21.606 per la categoria del personale scolastico. Alla stessa ora di oggi, sono 192.315 le adesioni degli “over 80″, e 21.606 quelle del personale scolastico”.

Continua a leggere