Seguici sui Social



Calcio

Juve Stabia-Casertana, la tristissima vigilia del derby

Pubblicato

il

PUBBLICITA


Juve Stabia-Casertana, vigilia di un derby assurdo.

Solitamente una vigilia di un derby è vissuta con ansia, passione, trepidazione. Quest’anno, causa pandemia, l’atmosfera pre, durante e post derby non c’è mai stata. La Juve Stabia ha già affrontato Avellino, Cavese, Turris e Paganese ma in nessuna delle 4 partite sembrava un derby sentito. Il pubblico in questi match manca clamorosamente, molto di più rispetto alle altre partite. Giocare un derby a porte chiuse rappresenta un punto molto basso di questo fantastico sport. Ma quest’anno sarà così: i cori e gli sfottò non esisteranno ancora per un po’ di tempo. La salute viene prima di tutto. Certo..

A proposito di salute e a proposito di vigilie. Quella di oggi è la vigilia più strana e anomala per Juve Stabia e la Casertana. Le due formazioni, che in passato hanno dato vita a belle battaglie in campo ma anche sugli spalti, non sanno ancora se domani sera al Menti scenderanno in campo. La situazione legata ai rossoblu’ di mister Guidi è imbarazzante. Una situazione che con il calcio non c’entra assolutamente niente. La rosa della Casertana è decimata dal Coronavirus e a disposizione del tecnico casertano ci sono solo 8 giocatori. Dopo la vergognosa partita andata in scena al Pinto di Caserta domenica sera contro la Viterbese, partita giocata 9 vs 11, il Covid ha continuato a fare danni nella rosa capitanata da Gigi Castaldo. Altri due calciatori, scesi in campo tra l’altro nel match contro i laziali, sono risultati positivi. Questi due ragazzi, febbricitanti prima del fischio d’inizio, erano in attesa del tampone. Il personale dell’ASL di Caserta, convocato d’urgenza al Pinto prima della partita, forse, poteva bloccare il tutto. Già è successo in altre occasioni che un’Asl bloccasse un match. Questa volta, con una situazione ancor più grave e pericolosa rispetto a tutte le altre capitate in questi mesi in tutte le categorie del calcio italiano, si è lasciato correre. Imbarazzante la risposta dell’ASL: “Non ci hanno chiesto un parere”. C’era bisogno di un parere? Anche un bambino avrebbe capito la gravità della situazione.

Per ora, a meno che non arrivino novità, la partita tra Juve Stabia e Casertana si giocherà in 8 vs 11. Scrivere una roba del genere procura pelle d’oca. Figuriamoci vedere in campo uno spettacolo così raccapricciante. Stiamo parlando di calcio professionistico e non del torneo amatoriale della domenica in cui una squadra non riesce a raggiugere il numero giusto per la partita. Stiamo parlando della terza serie del calcio italiano dove una squadra è impossibilitata a schierare in campo 11 giocatori, non potendo nemmeno schierare i ragazzi della Primavera visto che i campionati giovanili sono fermi da mesi e iragazzi non sono stati inseriti in lista. Una situazione tragicomica, all’italiana insomma.

Non ci saranno analisi sull’avversario in questa vigilia. Non ci saranno statistiche e numeri che tengano. In questa vigilia di derby campano attendiamo solo notizie da Caserta e dalla Lega. Se proprio dovesse essere confermata la partita di domani, ci auguriamo che la Casertana non scenda a Castellammare. Per protesta, ma soprattutto per evitare un altro spettacolo indegno. Per evitare un altro insulto al calcio. Brutto doverlo ammettere, ma molto meglio una vittoria 3-0 a tavolino che vincere contro una squadra schierata in 8.


Calcio

Prestazione indecente della Juve Stabia: il Monopoli ne fa 4

Pubblicato

il

Prestazione indecente della Juve Stabia: il Monopoli ne fa 4

Incredibile disfatta della Juve Stabia, sconfitta in casa del Monopoli dopo essere stata in vantaggio per 2-0. I padroni di casa sono riusciti a rimontare fino a vincere la gara per 4-2. Marcatori del match Orlando, Berardocco e di Starita nel primo tempo; di Paolucci, Bunino e ancora Starita le reti della super rimonta della squadra di mister Beppe Scienza.

Qualcosa non va, però, in casa stabiese. Dopo soli 9 minuti il risultato era super positivo, un 2-0 costruito su una grande partenza di gara e per quasi tutta la prima frazione la supremazia territoriale è stata evidente. Fino a quando Rizzo e Tomei non leggono una traiettoria in area di rigore dove si avventa Starita, più lesto di tutti in area piccola. Ma è la ripresa da horror per i ragazzi di Padalino: pronti, via ed è subito pareggio del Monopoli grazie a Paolucci, bravissimo ad eludere l’intervento di Lia e a battere nuovamente Tomei. La sensazione, però, è che nella seconda frazione la Juve Stabia non sia scesa in campo per nulla convinta. Solo il palo di Berardocco e un’occasione di Romero nel finale sono state le occasioni da gol per le Vespe.

Anzi, sono state proprio del Monopoli le migliori situazioni dalle parti di Tomei. E infatti la rimonta si completa grazie a Bunino prima e a Starita negli ultimi secondi di gioco. Un 4-2 pesante, un risultato che dovrà far riflettere la dirigenza stabiese sul da farsi. In questo modo nemmeno i playoff potranno essere raggiunti. Colpe ne ha sicuramente il tecnico Padalino, ma ne parleremo a mente fredda delle situazioni tattiche di questo match.

Continua a leggere