Seguici sui Social

Cronaca

Covid, ancora in calo il rapporto tamponi/positivi in Campania. Nelle ultime 24 ore 968 contagiati su 15mila test

Pubblicato

il


Si attesta intorno al 6% il rapporto tamponi/positivi

Sono 968 i positivi, su 15.343 tamponi effettuati, registrati oggi in Campania. E’ quanto emerge dal bollettino quotidiano dell’Unità di Crisi regionale. Tra i nuovi casi di contagio 835 sono risultati asintomatici e 68 invece sono quelli con sintomi. Sintomatici e asintomatici si riferiscono ai soli positivi al tampone molecolare. Delle positivitaà registrate 65, invece, sono quelle identificate dai test antigenici rapidi che sono stati 1.302.
I deceduti nelle ultime 48 ore sono stati 17 ma nel report sono riportati altri 25 morti avvenute in precedenza ma registrate soltanto ieri. I guariti del giorno sono 1.940. Alla luce di questi dati la situazione in Campania è la seguente: il totale dei positivi sale a 209.482 e di questi 306 rilevati con test rapidi; quello dei tamponi arriva a quota 2.270.343 e di questi 5.599 sono di tipo antigenico. In totale, da inizio pandemia, i decessi sono stati 3.471, i guariti 135.145. Aggiornato anche il report dei posti letto su base regionale: quelli di terapia intensiva disponibili sono 656, gli occupati sono 100. I posti letto di degenza disponibili, tra covid e offerta privata, 3.160, quelli occupati 1.448.


Cronaca

Covid, Terzigno primo comune dell’area vesuviana a proclamarsi zona rossa

Pubblicato

il

carabinieri-generico

Terzigno. Stretta sugli assembramenti a Terzigno, comune dell’area vesuviana, nella settimana tra il 22 e il 28 febbraio, si è registrata un’incidenza di nuovi positivi per 100mila abitanti pari a 589,2, a fronte del dato complessivo dell’intera Campania pari a 227,81. Il sindaco Francesco Ranieri ha firmato un’ordinanza per far fronte alle “numerose segnalazioni di persone, e in particolare minori, che sostano in prossimità di esercizi commerciali o in piazze e strade, prive dei dispositivi di protezione prescritti”. L’ordinanza dispone, da venerdì 5 a domenica 21 marzo, il “divieto di stazionare e fermarsi nelle piazze e strade cittadine dalle ore 5 alle ore 22, salvo che per motivate e comprovate esigenze lavorative o di studio o situazioni di necessità o per motivi di salute, ovvero per la necessità di usufruire di servizi non sospesi”. Analogamente, viene disposto il divieto di fumare e consumare bevande in piazze e strade dalle 5 alle 22 e il divieto di circolazione, per tutto l’arco della giornata, di automobili con a bordo più di due persone non conviventi. Coprifuoco per i minorenni dalle 18 alle 22 se non accompagnati da un maggiorenne convivente. Nell’ordinanza si invita inoltre tutti i cittadini “a non uscire di casa, fatto salvi i casi assolutamente indispensabili”, e i genitori “a vigilare affinché non consentano ai figli minorenni l’accesso in strade e luoghi pubblici senza essere accompagnati da un adulto e per comprovati motivi di lavoro, studio, salute, necessità”. Ranieri, in un post su Facebook con il quale annuncia l’ordinanza, spiega: “Ho cercato fino alla fine di evitare il pugno duro confidando sempre nella mia comunità che si è sempre contraddistinta in precedenza. Purtroppo i numeri non ci danno ragione.

Continua a leggere