Seguici sui Social

Ultime Notizie

Da Gianfelice Imparato a Sebastiano Somma, 200 artisti stabiesi uniti per il Supercinema: «Diventi il Teatro Viviani»

Pubblicato

il

PUBBLICITA


Gianfelice Imparato, Sebastiano Somma, Gaetano Amato. Con loro tutti gli artisti, attori, registi e musicisti di Castellammare. Ma anche professionisti, scrittori, docenti e tutte le associazioni culturali. Tutti uniti per salvare il Supercinema.

Sono più di duecento a firmare l’accorato appello, attraverso una lettera indirizzata al sindaco Gaetano Cimmino. «Diventi il Teatro comunale Raffaele Viviani» è la richiesta dell’intellighenzia stabiese, «va bene il teatro Radice al Palazzetto del Mare, ma troppo piccolo per una città come Castellammare».

La lettera termina con una richiesta di incontro tra il primo cittadino e una delegazione degli artisti di Stabia. Un modo per fermare eventuali speculazioni e una richiesta all’amministrazione di rendere pubblico lo storico teatro «Savoia».

Daniele Di Martino

 

Si seguito la lettera integrale e le firme di tutti gli artisti sottoscrittori:

La notizia di alcune settimane fa apparsa sugli organi di stampa, della vendita del Teatro Supercinema di Castellammare non può e non deve riguardare solo ed esclusivamente gli interessi della famiglia Montillo che ha deciso di alienare lo stabile e/o una sola quota di un pezzo di storia della nostra città.

La questione non riguarda solo gli addetti ai lavori e le tante compagnie presenti nella città delle acque, il Teatro Supercinema, già Cinema Savoia, è stato per anni un polmone culturale per la città. Ha svolto, come tutti i teatri d’altronde, una funzione sociale. Si sa, il teatro si svolge nella concreta dimensione territoriale, il suo rapporto con la popolazione incarna una sorta di “avventura amorosa”, che se in principio può essere destinata a durare soltanto pochi giorni, successivamente, dopo la rappresentazione, durerà per sempre ed incarnerà un pezzo di vita di chi quel tavolato lo avrà calpestato rimanendo indelebile per la città e per chi quell’esperienza l’ha vissuta: pubblico e compagnia.

La Storia è l’insieme delle piccole storie che fanno la storia.

Tante le compagnie, i personaggi illustri che hanno calcato quel palco. Tanti gli uomini e le donne che su quelle tavole hanno vissuto anche per pochi istanti l’esperienza magica che solo il teatro e le arti figurative sanno dare. Sì, perché il teatro è magia, una magia che può intrecciarsi con le vite degli abitanti che oltre i muri della stessa città, soprattutto i più giovani, non immaginano.

Ed è ancora più magia in una città teatro come la nostra che ha dato i natali a Raffaele Viviani, ad Annibale Ruccello, a Ciro Madonna, a Vanni Baiano, a Lello Radice, a Piero Pepe ed il compianto Italo Celoro, che voleva fortemente un teatro stabile pubblico comunale e fece di questa battaglia un terreno di impegno nell’ultimo cammino della sua vita.

Il ruolo della matrice spaziale nell’esperienza teatrale è d’altronde ben noto anche a coloro che agli spettacoli assistono. Lo spettatore conosce i ritmi spaziali delle stagioni teatrali, che comportano anche l’alternanza dei luoghi nei quali possono essere messi in scena gli spettacoli.

La mancanza di un teatro nella propria città, se non si è un addetto ai lavori, non si sente fino a quando non si parla con qualcuno che invece nel teatro ha vissuto momenti importanti in varie fasi della sua esistenza, perché un teatro è molto più di un luogo dove si va a vedere uno spettacolo pagando un biglietto.

Quelli della nostra generazione sanno cosa ha significato la chiusura verso la fine degli anni ottanta di tutte le strutture teatro cinema di Castellammare e la riapertura della prima sala, il Supercinema, con una pellicola che tanti di noi amano proprio perché ha rappresentato un segno di rinascita: Sud di Gabriele Salvatores.

I teatri, però, non sono certo i luoghi esclusivi delle rappresentazioni sceniche. Sono ben altro. Il Supercinema potrebbe diventare il simbolo della rinascita culturale della città, potrebbe essere un centro artistico con laboratori teatrali per ragazzi e adulti, ma anche laboratori di canto e di coreutica, potrebbe diventare un centro di formazione per i giovani che vogliono avvicinarsi al teatro non solo in quanto attori, ma anche come tecnici e scenografi. In questo difficile momento storico si potrebbe prestare più attenzione a tutte le realtà teatrali che vivono sul territorio, fare insieme una rete e progettare non soltanto un cartellone nazionale, ma anche un cartellone nel quale anche le realtà regionali e provinciali possano esprimersi.

La città potrebbe diventare un esempio vero di come la cultura può vivere e far vivere,un esempio a cui guardare, finalmente un esempio positivo.

Per questo e per altri motivi chiediamo a tutti quelli che amano il teatro, a quelli che non lo amano ma ne comprendono il grande valore sociale e culturale, alle compagnie teatrali di ogni ordine e grado, alle associazioni culturali operanti sul territorio e all’Amministrazione comunale di unirsi in una battaglia per difendere con tutti i mezzi a nostra disposizione il teatro Super Cinema. D’altronde le proposte messe in campo dall’Amministrazione Comunale inerenti il riattamento del Palazzetto del Mare, destinandolo a teatro potrebbe essere solo un’aggiunta per piccole rappresentazioni, in quanto la struttura è inadeguata per essere un teatro consono alla storia e al numero di abitanti della nostra città.

Crediamo, e siamo convinti che, mai come ora, la priorità sia di donare alla città finalmente il tanto agognato teatro comunale “Raffaele Viviani”, un’opera che la città aspetta da troppi anni, e che la soluzione migliore per arrivare a questo scopo passi per la vertenza Supercinema.

I sottoscrittori di questa nota chiedono pertanto al Sindaco della Città che, dopo la dipartita del compianto Lello Radice, uomo d’arte e Vicesindaco di Castellammare, detiene le delega alla Cultura, un incontro con tutti gli operatori culturali teatrali e non, per capire come intraprendere insieme un percorso virtuoso che non possa far perdere alla città il cuore pulsante della sua storia teatrale degli ultimi trent’anni.

 

 

Comitato Promotore:

-Associazione Alegrìa

-Associazione Culturale Teatro Tunica Compagnia Teatrale di Luca Nasuto

-Cooperativa di Teatro C.A.T.

-Ass La Sveglia

 

Sottoscrittori:

-Achille Basile/Le ali della lettura

-Certamen Plinianum

-Stabia Teatro Festival Premio Ruccello

– Ass. Mousikè

-CIF CASTELLAMMARE

-Ass I CARE

-MKI ARCI

-Stabia 79 A.D.

– Ass. Vocazioni Creative

– Ass. Myo

– Ass. ATvamente

-Ass. Casa della Pace e della Non violenza

-Ass Idea Città

-Teatro Laboratorio Isola di Confine

-Ass Incrocio delle idee

-Ass L’Altro

– Una città che legge

-Ass. Amici della Musica

– Ass Gli insoliti noti

-Ass. il Faro

– Ass. Io non ti conosco

-Logos Comunicazioni di Franco Boccia

– Libero Ricercatore (Maurizio Cuomo) 

-Ass APS PROMETEO

– Associazione Stabiese dell’Arte e del Presepe (Massimiliano Greco)

-Ass. Antares

 

Addetti ai lavori

– Gianfelice Imparato attore

– Giovanni Petrone produttore teatrale

-Gaetano Amato attore e scrittore

-Sebastiano Somma attore

– Giuseppe De Rosa attore

– Antonio Milo attore

– Dora Romano attrice

– Carlo Di Maio attore

– Anna Spagnuolo cantante e attrice

– Giacomo Rizzo attore

-Nunzia Schiano attrice

– Massimiliano Rossi attore e regista

– Orlando Cinque attore e regista

– Niko Mucci attore e regista

– Arduino Speranza attore

– Corrado Taranto attore

– Gianni Ferreri attore

-Rosaria Di Cicco attrice

– Mario Porfito attore

– Carlo De Nonno musicista

-Giuseppe Di Capua musicista e docente

-Marina Bruno cantante

– Lalla Esposito cantante e attrice

 – Antonello De Simone per SIMONS GROUP art of LIGHT and SOUND

-Camilla Scala docente e attrice

-Salvatore Torregrossa musicista e docente

-Rosalba Alfano cantante

– Giulia Conte attrice

– Leonardo De Lorenzo musicista e docente

-Gianfranco Campagnoli musicista e docente

– Antonello Buonocore musicista

– Nico Sommese musicista

– Gaemaria Palumbo musicista

– Tony Maiello cantante e autore

-Francesca Pasqua Montatrice RAI

– Tonino Scala scrittore

-Davide Zurolo casting director

-Valerio Apice attore e operatore teatrale

– Gabriele Saurio Attore- regista

– Luigi Longobardi attore

– Lello Muollo musicista e attore

– Marco Rosolino light design

-Giovanni Rienzo attore

-J. Diego Sommaripa attore

– Oscar Di Maio attore

-Francesca Ciardiello attrice

– Valeria Pollice attrice

– Patrizia Di Martino attrice

-Angela Garofalo attrice

– Francesca Marini attrice

– Gino De Luca attore

– Nadia Pepe attrice

-Simona Di Nardo attrice

– Fabiana Russo attrice

– Noemi Coppola attrice

– Salvatore Gisonna attore

– Elisabetta D’Acunzo attrice e cantante

– Diana Di Paolo attore

– Matteo Mauriello attore

-Rosa Florentino docente e soprano

– Enrico Vicinanza cantante e docente

 -Fiorenza Calogero cantante e attrice

– Marcello Vitale musicista

-Pino L’Abbate attore e regista

-Enzo Esposito cantante e docente

-Massimo Masiello attore

– Luisa Amatucci attrice

– Ciro Pellegrino attore

– Carmine Borrino attore

– Diego Sanchez attore

– Nino Lauro attore

– Massimo Sorrentino attore

– Enzo Attanasio attore

-Alessandra Asuni attrice

– Stefania De Francesco attrice

– Salvatore Felaco attore

– Anna D’Auria attrice

– Rosario D’Angelo attore

-Angelo Mascolo scrittore

-Pasquale Termini musicista

– Andrea Smilzo operatore cinematografico

-Antonella Mahieux attrice

-Antonio Vitale attore

-Rodolfo Medina attore

-Antonio D’Avino attore

-Luca Lombardi attore

– Chiara di Girolamo attrice

– Pako Loffredo attore

– Sara Giglio attrice

– Marianita Canfora attrice

-Serena Marziale attrice

– Mario Di Fonzo attore

– Riccardo Marotta attore

– Margherita Vicario attrice

-Bruno Tramice attore

– Luchino Lombardi attore

– Angela Tamburrino attrice

-Ilaria Scarano attrice

-Agostino Chiummariello attore

– Melania Pellino attrice

– Vittorio Passaro attore

– Andreina Raucci attrice

-Aria Domenico attore

– Francesco Barra attore

– Francesca Fedeli attrice

– Ettore Nigro attore e regista

– Roberta Serrano attrice

– Roberto Fiorentino attore

-Corrado Ardone attore

– Vincenzo Cuomo attore

-Paola Maddalena attrice

– Marco Lanzuise attore

-Gina Perna attrice

-Chiara Baffi attrice

-Vincenzo Borrelli attore

-Rosario Minervini attore

– Angela de Matteo attrice

– Nello Provenzano attore

– Stefania Aluzzi attrice

– Vittorio Brandi attore

– Alessandra Calabrese attrice

-Mariano di Palo attore

– Marco Serra attore

– Francesco Viglietti attore

-Marcella Granito attrice

– Clara Bocchino attrice

– Roberta Misticone attrice

-Sara Esposito attrice

-Nuovoletta Lucarelli attrice

-Valeria Frallicciardi attrice

– Giusy Freccia attrice

-Marcella Vitiello attrice

– Antimo Casertano attore

– Diego Consiglio attore

-Francesca Romana Bergamo attrice

-Gennaro Monti attore

– Titti Nuzzolese attrice

– Giordano Bassetti attore

-Lella Lepre attrice

– Alessandra Venturini attrice

– Giuseppe Fiscariello attore

– Enzo Varone attore

– Giovanni Pascale attore

– Carlo Liccardo attore

– Martina Amato attrice

– Alessandro Langelloti attore

-Simona Pipolo attrice

– Mario Zinno attore

– Gianluca Cangiano attore

– Daria D’Antonio attrice

– Rosanna Astengo speaker radiofonica

– Susanna Giordano cantante

– Angelo Sepe attore

– Giulia Matarese attrice

– Maria Iuzzino attrice

– Francesco Rivieccio attore- autore

– Massimo Napolitano attore

– Amedeo Ambrosino attore

– Vincenzo D’Amora scenografo

-Marco Todisco regista

-Benito Previtera attore e scenografo

– Giuseppe Piscino regista

– Claudia Coticelli cantante

– Emanuele Vitale regista

– Rino Esposito coreografo

– Gaetano Aiello fotografo e attore

– Brando Improta attore

-Antonello Migliore attore

– Riccardo Marotta attore

– Franco Castiglia attore

– Luciano Dell’Aglio attore

-Consiglia Aprovidolo attrice

– Cristina Ammendola attrice

– Gabriella Vitiello attrice

-Antonella Valitutti attrice

– Pasquale Palma attore

– Raffaele Parisi attore

-Maria Claudia Pesapane attrice

-Cristina Messere attrice

– Antonio De Rosa attore

– Donatella de Felice attrice

– Vittorio Nastri attore

– Daniela De Vita attrice

– Rossella Amato attrice

– Ivano Schiavi attore

-Mariana Minichino attrice

-Pierluigi Tortora attore

– Anna Bocchino attrice

-Laura Tropeano attrice

– Ivana D’Alisa attrice

– Francesco Merlino attore

Professionisti e cittadini

– Docenti del Liceo F.Severi: Domenico Lusciano, Assunta Castellano, Donatella Filippi, Edvige Forino, Giuseppe D’Antuono, Patrizia Avella, Tiziana Esposito, Carolina Longobardi, Giovanna Miloso, Vincenzo Patierno, Giuseppina Martoriello

 

-Drssa Ida Maietta già funzionario storico dell’arte della Soprintendenza ABAP di   Napoli

-Dr Giuseppe Plaitano (Archivio Giuseppe Plaitano)

-Francesca Paola Celotto docente

– Rosanna Fienga chef e scrittrice

-Giglio Maria docente

– Raffaele Cesarano docente

-Concita Avitabile docente

– Antonio Amoruso Architetto

-Filomena Vitale docente

– Filomena Guida docente

– Angela Morgoglione docente

-Aniello D’Orsi chimico

– Beatrice Astarita docente

– Olga Cuomo docente

-Gianpaolo Valitutti avvocato

– Maddalena Furci docente

– Rosa Ingenito architetto e docente

– Ester Spinelli docente

-Andrea Somma psicologo e psicoterapeuta

– Giovanni Mura giornalista

– Giovanna Massafra cittadina

-Giuliana Mura cittadina

-Teresa Boccacini cittadina

– Cira Conte cittadina

– Sarnataro Giovanni cittadino

-Mariarita Sarnataro cittadina

– Antonella Sarnataro cittadina

-Giusy Somma cittadina

-Luisa Vanacore cittadina

-Katia Donnarumma cittadina


Politica

MeridBulloni, il sindaco annuncia l’acquirente. La Patriarca: “Merito anche di Di Nardo”

Pubblicato

il

PUBBLICITA

Il sindaco Cimmino annuncia l’acquirente per Meridbulloni, Annarita Patriarca dà il merito anche a Nello Di Nardo.
A dare l’annuncio nel pomeriggio è Gaetano Cimmino: “Sono stato contattato dal gruppo Vescovini, pronto a rilevare l’apparato produttivo di Meridbulloni e ad assumere i lavoratori già entro il 1 febbraio”.
Poche ore ed è subito arrivato il commento di Annarita Patriarca, capogruppo regionale di Forza Italia: “Se ci sarà una speranza – e ce lo auguriamo tutti – per gli 81 lavoratori della Meridbulloni, lo dobbiamo anche all’intervento e all’impegno del coordinatore cittadino di Forza Italia di Castellammare di Stabia, Nello Di Nardo. A lui va infatti il merito di aver procurato il primo contatto con il gruppo Vescovini, a quanto pare interessato a rilevare la fabbrica dismessa di Via De Gasperi, e ad assumere i lavoratori già entro il prossimo primo febbraio. Bene ha fatto il sindaco di Castellammare, Gaetano Cimmino, sempre attento a difendere le istanze dei cittadini, a raccogliere il testimone e a organizzare l’incontro con l’assessore regionale Marchiello”.

Positivo il commento di Carmen Di Lauro, deputata stabiese M5S: “La battaglia comune a tutela delle eccellenze della Meridbulloni inizia a portare i primi risultati. Questi lavoratori altamente specializzati – prosegue Di Lauro – hanno portato in alto il nome dello stabilimento e della città con il loro impegno nel corso degli anni. Ora l’obiettivo è portare a termine questo accordo il prima possibile e assicurare un futuro a questi lavoratori e alle loro famiglie a cui va tutta la mia vicinanza da essere umano, da cittadina della nostra meravigliosa città e da rappresentante delle istituzioni”.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending