Seguici sui Social

Calcio

Juve Stabia vicino a Gennaro Borrelli, un altro “gigante” d’area di rigore

Pubblicato

il


Juve Stabia vicino a Gennaro Borrelli, un altro “gigante” d’area di rigore

La Juve Stabia è vicina a chiudere un colpo in attacco: si tratta di Gennaro Borrelli, punta centrale classe 2000, in forza al Cosenza. Come riportato da Vivicentro, la trattattiva sarebbe vicinissima alla chiusura. Andiamo, velocemente vista la giovane età, a ripercorrere la sua carriera.

Nasce tra le fila del Pescara e veste le casacche di tutte le formazioni del settore giovanile del Delfino fino a debuttare in prima squadra lo scorso anno in Serie B. Proprio lo scorso anno, Borrelli, ha avuto abbastanza chance di mettersi in mostra collezionando 21 presenze stagionali tra i “grandi” mettendo a segno un solo gol. Ci sono certamente margini di miglioramento considerata la grande struttura fisica e le possibilità che ha vista l’età, ma non stiamo certamente parlando di un giovanissimo bomber. Anche quest’anno, in sei mesi, ha giocato solo due volte senza mai segnare. Un colpo, quello stabiese, che onestamente avrebbe veramente poco senso. Il primo colpo dell’era Pavone non può passare sicuramente come il risolutore dei problemi offensivi della Juve Stabia. Ma è anche un acquisto poco comprensibile dal punto di vista tecnico: alto 194 cm, sembrerebbe la copia esatta di un altro calciatore già presente in rosa. Immagianiamo abbiate capito di chi stiamo parlando.

LEGGI  Juve Stabia, i convocati di mister Caserta per la trasferta di Pisa

Se dovessero confermare Borrelli e dovessero confermare anche il pacchetto offensivo attuale, sarebbe confermata anche una certa confusione d’idee. Perchè se l’errore di Ghinassi è stato quello di acquistare una prima punta, forse, non adatta alla formazione di Padalino, comprare un giocatore molto simile come Borrelli quasi sicuramente sarebbe un altro errore. Ovviamente la sentenza finale, in questo sport, spetta sempre al campo. Ma per ora è un acquisto che si fatica a comprendere.


Calcio

A Castellammare contagi da paura. E il sindaco se la prende con l’ex premier Conte

Pubblicato

il

Castellammare di Stabia. «Abbiamo sempre anticipato con i nostri provvedimenti le decisioni di Governo e Regione, compreso quanto fatto per l’attività scolastica, ed attualmente a Castellammare ci sono misure che vanno ben oltre la Zona Arancione. Ma il virus, purtroppo, continua a correre veloce». Si difende così il Sindaco Gaetano Cimmino preso di mira negli ultimi giorni dalla popolazione che lamenta l’assenza di controlli e l’adozione di ordinanze deboli. Il primo cittadino commenta la decisione dell’Unità di Crisi della Campania che ha predisposto uno screening di massa a Castellammare di Stabia ed altri comuni del comprensorio alle prese con la variante inglese del Covid. Il Sindaco ha sottolineato l’inadeguatezza del Governo precedente «sotto il profilo degli aiuti per chi è costretto a chiudere; sui vaccini il discorso è ancor più grave. Abbiamo adesso massima fiducia nell’attuale Governo del premier Mario Draghi affinché l’Italia ricopra il ruolo che meriti a livello internazionale, ed affinché la voce dei territori e dei sindaci che sono il primo baluardo di difesa dei cittadini si faccia sentire forte e chiara». Infine ha ringraziato la consigliera Patriarca che è intervenuta sul “caso Castellammare” chiedendo al Governatore De Luca interventi di prevenzione di diffusione del contagio.

Continua a leggere