Seguici sui Social


Sport

Canottaggio, lo stabiese Abbagnale riconfermato presidente della Federazione

Pubblicato

il


Riconfermato con il 96% circa delle preferenze

Si è conclusa a Roma, presso l’Hotel Hilton Rome Airport/Icarus, l’Assemblea Nazionale Ordinaria Elettiva valida per l’elezione dei vertici federali per il quadriennio 2021-2024. Su un totale nominale di 254 aventi voto, presenti 219 votanti, pari all’86.22%. Tra questi 152 in proprio (59.84%) e 67 per delega (26.38%). Giuseppe Abbagnale è stato riconfermato alla presidenza della Federazione Italiana Canottaggio per il quadriennio 2021-2024 con 208 preferenze su 219 aventi voto, pari al 95.85%. Solo 9 le schede bianche. Un vero e proprio successo per il due volte campione olimpico (Los Angeles 1984 e Seoul 1988) e sette volte campione mondiale di canottaggio, al terzo mandato consecutivo da presidente Fic. Per quello che riguarda il Consiglio Federale, in quota Società sono stati eletti Michelangelo Crispi-Lazio (voti 131), Luciana Reale-Abruzzo (103), Antonio Giuntini-Toscana (101), Fabrizio Quaglino-Lombardia (84), Rossella Scola-Lombardia (84), Massimiliano D’Ambrosi-Friuli Venezia-Giulia (77), Andrea Vitale-Sicilia (74). In quota Tecnici: Roberto Romanini-Piemonte (13). In quota Atleti: Sara Bertolasi-Lombardia (23), Simone Martini-Veneto (20). Revisore dei conti Alberto Belgeri-Lombardia (104). Di seguito i candidati non eletti con le rispettive preferenze. In quota Società: Federica Matteoli-Piemonte (70), Luciano Magistri-Lombardia (68), Lorenzo D’Arrigo-Sicilia (58), Mario Luigi Italiano-Piemonte (51), Alessio Sartori-Lazio (46), Dario Crozzoli-Friuli Venezia Giulia (31), Fabrizio Santangelo-Lazio (26), Antonio Giuseppe Prezioso-Puglia (21), Giuseppe Di Capua-Campania (12). In quota Atleti: Pierpaolo Frattini-Lombardia (11), Gaia Palma-Piemonte (7), Marco Di Costanzo-Campania (4). Revisori dei Conti Sergio Rossi-Sardegna (91).


Pubblicità

Sport

Lo stabiese Maresca: «Sogno le Olimpiadi, contento per questa medaglia»

Pubblicato

il

E’ di due medaglie di bronzo il bottino azzurro nella prima giornata di finali per attrezzo al Campionato Europeo di Basilea, in Svizzera

Second medaglia di giornata per l’Italia agli Europei di ginnastica artistica a Basilea. Dopo quello conquistato da Bartolini al corpo libero, arriva quello di Salvatore Maresca agli anelli al 9 Campionato Europeo di Basilea. L’esercizio dello stabiese di 27 anni è stato valutato con 14.900 punti, che vale la terza posizione alle spalle del greco Eleftherios Petrounias (15.400) – campione olimpico di Rio – e del russo Nikita Nagornyy (15.033)in carriera.

«Sogno le Olimpiadi ma il mio percorso lo costruisco passo dopo passo». Sono le prime parole di Salvatore Maresca, stabiese, dopo essere salito sul podio al nono Campionato Europeo di Basilea di ginnastica artistica. Lo stabiese molto emozionato già è proiettato al prossimo obiettivo: le Olimpiadi. «Ci speravo ma la gara è gara quindi non si può mai dire nulla fino alla fine. Mi sono confrontato con i migliori in Europa ed è stato bellissimo. Il mio sogno – ha detto – è sicuramente l’Olimpiade ma il mio percorso lo costruisco passo dopo passo».

Maresca allenato da Marcello Barbieri alla Ginnastica Salerno, comincia a farsi strada nella grande tradizione italiana in questo attrezzo a livello internazionale, come ha già fatto il suo compagno Marco Lodadio che, nel 2019 a Stettino in Polonia vinse l’argento. L’aviere del Gruppo Sportivo dell’Aeronautica Militare, argento Mondiale in carica e già qualificato per l’Olimpiade di Tokyo 2020, è assente in Svizzera perché in fase di recupero da un intervento. La medaglia di Maresca, in questa specialità, è la 15ª dell’albo d’oro europeo Fgi, la 4a di bronzo dopo Matteo Morandi a Lubiana 2004 e Mosca 2013 e quella di Andrea Coppolino a Volos 2006.

Continua a leggere

Trending