Seguici sui Social

Cronaca

Covid, l’allarme di De Luca: “Contagi troppo alti nelle scuole, non possiamo reggere. Presto nuove misure”

Pubblicato

il


L’allarme di De Luca sui contagi nelle scuole

“I dati sui contagi” in ambito scolastico “saranno offerti all’Unità di crisi regionale che si riunisce fra qualche ora e che valuterà i dati epidemiologici, ci darà il proprio orientamento e sulla base dell’orientamento dell’Unità di crisi nelle prossime ore prenderemo delle decisioni”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, che in una diretta Facebook ha riferito i dati sui contagi dopo la riapertura delle scuole. “Nella fascia d’età 0-5 anni, dal 25 gennaio al 4 febbraio abbiamo registrato 573 casi positivi. Nella fascia 6-10 anni, 617 casi positivi. Nella fascia 11-13 anni, 351 positivi. Nella fascia 14-19 anni, 739 casi positivi. Complessivamente, nel periodo 25 gennaio-4 febbraio, 2.280 nuovi positivi tra docenti, non docenti e ragazzi. Vedremo cosa valuterà oggi l’Unità di crisi regionale, ma è del tutto evidente che questa situazione non la possiamo reggere”. De Luca ha spiegato che “anche nelle scuole dove non abbiamo i 10 o 20 positivi, nel giro di 4-5 giorni dobbiamo sapere che arriveremo ad avere i positivi. Dobbiamo decidere di fare il lavoro di prevenzione con dei dati davanti agli occhi che sono pesanti, preoccuparci che questi dati non si estendano in modo esponenziale alle scuole, alle famiglie e ai cittadini, o decidiamo di rimanere passivi e intervenire fra un mese quando avremo magari le terapie intensive già ingolfate da pazienti. Questa è l’alternativa che abbiamo di fronte”.
In Campania nelle ultime 24 ore i nuovi casi di contagio sono 1.457 di cui 105 identificati da test antigenici rapidi. Dei 1.457 nuovi positivi, 103 sono sintomatici. I tamponi analizzati sono 16.915, di cui 2.266 antigenici. I casi di coronavirus registrati in Campania dall’inizio dell’emergenza sono 228.846 (di cui 1.833 antigenici), i tamponi complessivamente processati sono 2.506.569 (di cui 36.777 antigenici). Nel bollettino odierno diffuso dall’Unità di crisi della Regione Campania sono inseriti 23 nuovi decessi, 11 dei quali avvenuti nelle ultime 48 ore e 12 avvenuti in precedenza, ma registrati ieri. Le persone morte in Campania dall’inizio della pandemia da Covid-19 sono 3.879. I guariti del giorno sono 672: il totale dei guariti in Campania è 161.648. Sono 103 i pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva, 1.490 i pazienti Covid ricoverati in reparti di degenza.


Cronaca

Gragnano, sconto tari del 20% a commercianti che resistono alla crisi del Covid

Pubblicato

il

Credito di imposta del 20% sulla tari 2021 per commercianti ed operatori turistici che resistono alla crisi del Covid

Gragnano. Il comune tende una mano alle attività commerciali che, alle prese dall’emergenza Coronavirus che ha portato ad un calo delle entrate, resistono e non chiudono mantenendo i livelli occupazionali. L’amministrazione guidata da Paolo Cimmino, utilizzando l’avanzo del ristoro previsto dalla Stato a favore degli enti locali nell’ambito del Decreto Ristori bis, ha predisposto che soggetti commerciali che hanno avuto un calo di vendita o dovuto chiudere le attività a causa dell’emergenza Coronavirus uno “sconto” straordinario a valere sul pagamento della Tari 2021. Il budget messo a disposizione è di 150 mila euro e verrà assegnato sulla base di un avviso pubblico e della verifica dei requisiti. Il contributo sarà, infatti, erogato solo al momento del pagamento della quota Tari 2021, mediante un meccanismo di riemissione dell’avviso con uno sconto del 20% da parte del concessionario alla riscossione Publiservizi. «Abbiamo utilizzato – spiega il primo cittadino – i risparmi del Decreto Ristori per sostenere lo sforzo di quasi tutti gli operatori commerciali e turistici di Gragnano. Si tratta di una misura che segnala il modo originale attraverso cui la fiscalità comunale può aiutare commercio e occupazione. Ci auguriamo di poter ripetere questa operazione anche nel 2022, in relazione al maggior peso dell’autonomia finanziaria degli enti locali. Il provvedimento adottato segnala come le buone pratiche dei Comuni possano sostenere la ripresa della nostra economia, soprattutto se ci sarà un’espansione dei trasferimenti dal centro agli enti locali». Mariarosaria Greco

LEGGI  MeridBulloni, De Luca convoca l’azienda. Il sindaco: “La fabbrica non si tocca”
Continua a leggere