Seguici sui Social

Politica

Giunta in dirittura d’arrivo: quote rosa l’ultima grana. La Dc insiste su Sanzone

Pubblicato

il

Michele-Sanzone

La giunta è in dirittura d’arrivo. Ma l’ultima grana è rappresentata dalle quote rosa. Questo pomeriggio potrebbe essere convocato un incontro decisivo a Palazzo Farnese, alla presenza di tutti i segretari di partito e con il sindaco Gaetano Cimmino a presenziare al tavolo finale delle trattative.

Questo il quadro che si presenta attualmente.

CIMMINO SINDACO – Due assessori e il presidente del consiglio comunale. Il prima possibile ci sarà la staffetta tra Vincenzo Ungaro e Emanuele D’Apice. La lista dei fedelissimi del sindaco ha confermato Fulvio Calì all’Urbanistica, che a questo punto continuerà ad essere vicesindaco, e ha fatto il nome di Rosanna De Simone, commerciante attiva nel mondo dell’associazionismo sportivo.

FORZA ITALIA – Due assessori in arrivo con deleghe pesanti. Amedeo Di Nardo, nipote del coordinatore Nello, commercialista ed ex presidente del consiglio. Per lui l’assessorato al bilancio. I lavori pubblici andranno ad Antonio Cimmino, che si dimetterà da consigliere comunale per lasciare spazio ad Alfonso Lucarelli, primo dei non eletti della lista di Forza Italia.

LEGGI  Castellammare, il Tar rigetta il ricorso dei "no Dad". Il Sindaco: " Una sentenza che ci dà ragione"

SOLO PER CASTELLAMMARE – Alla lista capeggiata da Sabrina Di Gennaro toccherebbe la delega alle politiche sociali. Solo per Castellammare dovrà decidere se confermare Antonella Esposito, oppure fornire un nuovo nome femminile.

DEMOCRAZIA CRISTIANA – Inizialmente era prevista una quota rosa per la Dc, ma il partito centrista ha messo sul piatto un solo nome: Michele Sanzone. Il segretario cittadino ha chiaramente posto un veto: «Questo nome oppure non accettiamo assessorati», avrebbe detto in uno degli ultimi confronti con il sindaco Cimmino.

FRATELLI D’ITALIA – A questo punto, al partito di Giorgia Meloni tocca una quota rosa. E il nome che sta circolando in queste ore è quello di Silvana Cascone, professoressa, a cui andrebbe la delega alla pubblica istruzione.

Daniele Di Martino


Politica

Sprint finale per la giunta, ripartono le trattative. Due posti per tre liste: Lega, Dc e Cimmino Sindaco

Pubblicato

il

Lo sprint finale. Ripartono le trattative, fermate da problemi personali che esulano dalla politica. Già nel week end il sindaco Gaetano Cimmino è ritornato a dialogare con partiti e liste civiche. La situazione è cristallizzata a dieci giorni fa, quando ormai rebus giunta sembrava a un passo dalla soluzione.

Gli ultimi dubbi ruotano attorno a due nomine in particolare. Sono infatti due i posti per tre liste: Fondazione Dc, Cimmino sindaco e Lega. La scelta spetta direttamente al sindaco Cimmino.

Ricapitolando le nomine sicure o quasi sono le seguenti: per Cimmino sindaco Fulvio Calì all’Urbanistica con il grado di vicesindaco (e il presidente del consiglio Emanuele D’Apice); per Forza Italia Amedeo Di Nardo alle politiche sociali e Antonio Cimmino ai lavori pubblici; Solo per Castellammare punta su Sabrina Di Gennaro all’Ambiente; Fratelli d’Italia Silvana Cascone all’istruzione.

LEGGI  Cimmino, il sindaco di Forza Italia che elogia il PCI: È stato un grande partito

Fondazione Dc non si smuove dal nome di Michele Sanzone per le deleghe di turismo e cultura. Il sindaco ora dovrà scegliere chi buttare giù dalla torre per far entrare un nome femminile della Lega (che non sarà Tina Donnarumma, recentemente nominata coordinatrice dell’area sud della provincia di Napoli). Quindi andrà fuori uno tra Michele Sanzone (Dc) e Gaetano De Stefano (Cimmino Sindaco). Nel caso in cui il sindaco dovesse scegliere Sanzone, l’ultima quota rosa andrebbe o alla Lega o alla lista Cimmino Sindaco.

Una schiarita è attesa per il prossimo fine settimana, quando potrebbe essere presentata la nuova squadra di governo cittadina.

Daniele Di Martino

Continua a leggere