Seguici sui Social

Cronaca

La variante inglese dietro il boom di contagi: il ceppo britannico tiene in ostaggio Castellammare

Pubblicato

il


Un aumento vertiginoso di contagi. Nell’ultimo mese, a Castellammare, i numeri sono da brividi. Numeri da zona rossa e che hanno costretto il sindaco Gaetano Cimmino a misure sempre più stringenti. In pratica, il 2% della popolazione è attualmente positiva al Covid 19. E a parte la scarsa propensione degli stabiesi a rispettare le regole anti-contagio, dietro il boom di positivi ci sarebbe l’esplosione della variante inglese del Covid.

Secondo autorevoli fonti dell’Asl Napoli 3, una percentuale considerevole degli ultimi contagi presenta le caratteristiche della variante inglese. La scorsa settimana, la Regione Campania comunicò una presenza nel 25% dei casi di tale variante. Ma a Castellammare potrebbe essere ancora maggiore secondo i dati raccolti dall’azienda sanitaria.

LEGGI  Coronavirus, 195 nuovi casi in Campania

Così si spiega l’aumento vertiginoso dei contagi, anche perché la variante inglese – secondo gli esperti – è molto più contagiosa. Non solo: il ceppo britannico, secondo uno studio pubblicato dal Corriere della Sera, ha una durata maggiore di ben cinque giorni rispetto al «classico» Covid nostrano. Nel senso che i pazienti impiegano molto più tempo per negativizzarsi e si rischia di mettere in «libertà» persone ancora contagiose.

Daniele Di Martino


Cronaca

Covid, la Campania passa in zona rossa a partire da lunedì

Pubblicato

il

La regione Campania passa in zona rossa, il Friuli Venezia Giulia e il Veneto in arancione. Queste le novità dei nuovi cambi di colore, sanciti dall’ordinanza firmata oggi dal ministro della Salute, Roberto Speranza, e in vigore da lunedì prossimo. Il Lazio e la Liguria restano gialle. La Lombardia da oggi e’ in fascia arancione rafforzato per volere del governatore Attilio Fontana. Ecco il quadro complessivo. zona rossa: Campania, Basilicata e Molise. zona arancione: Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Abruzzo, Emilia Romagna, Marche, Piemonte, Umbria, Toscana e le province autonome di Bolzano e Trento. zona gialla: Liguria, Lazio, Calabria, Puglia, Sicilia e Valle d’Aosta. zona bianca: Sardegna.

Continua a leggere