Seguici sui Social

Ultime Notizie

Vespucci, il Comandante: “Questa nave è un simbolo che unisce tutto il Paese”

Pubblicato

il


“Si entra da ragazzi sul Vespucci e si esce da uomini”

La regina del mare, la nave più bella al mondo, compie oggi 90 anni.  Era infatti il 22 febbraio del 1931 quando  l’Amerigo Vespucci fu varata, a Castellammare di Stabia. “Un percorso di oltre 800mila miglia, ne abbiamo fatta tanta di strada, o meglio, di acqua da quel giorno”, dice all’Adnkronos il capitano di vascello Gianfranco Bacchi, comandante dell’Amerigo Vespucci. “Abbiamo navigato tutti i mari del mondo, battezzato migliaia di allievi ufficiali dell’Accademia Navale di Livorno. Io sono il 122esimo comandante. E ci sono state migliaia di figure di professionisti a bordo. Di gente su questa meravigliosa nave ne è passata, con orgoglio”. Nave addestrativa, nave da rappresentanza, nave simbolo della nostra Marina. “Il Vespucci racchiude queste tre vesti. Come formazione è il battesimo del mare per i giovani – spiega Bacchi- Si entra da ragazzi sul Vespucci e si esce da uomini.  Per quanto riguarda la rappresentanza, questa nave ad ora non toccherà i porti per l’emergenza sanitaria in corso. Ma questo non ci impedirà di rimanere sempre vicini al nostro Paese come lo scorso anno. In che modo? Con passaggi suggestivi nei posti più frequentati e conosciuti della costa, illuminando con fierezza il tricolore sui nostri tre alberi, facendoci così sentire vicini al nostro Paese in un momento delicato come questo”.

Un simbolo, quello rappresentato dall’Amerigo Vespucci, che unisce tutto il paese. “Ci penso spesso a questo – racconta il comandante – Questa nave è un simbolo nazionale, non solo per la Marina. Gli italiani si inorgogliscono quando il tricolore viene portato in giro per il mondo – aggiunge Bacchi – alla gente piace riconoscersi in qualcosa, soprattutto nei momenti più duri. Come nella religione, magari non avendo mai pregato prima, arriva quel giorno in cui lo fai per un determinato motivo. Come quando la Nazionale vince i Mondiali. Mi sveglio ogni mattina, vedo il mio equipaggio e mi rendo conto che tiene al Vespucci come tiene alla sua famiglia. La nostra nave è un filo conduttore che non si trova facilmente. La pandemia anche su di noi ha avuto un effetto traumatico – spiega il comandante  – Lo scorso anno eravamo pronti, a metà marzo, per effettuare il giro del mondo. Poi stiamo stati bloccati mentre eravamo in partenza e ci siamo dovuti reinventare una realtà che era già pianificata: le Olimpiadi di Tokyo e attraversare il Pacifico sono rimasti obiettivi in sospeso. E allora abbiamo affrontato un lungo periodo di navigazione di due mesi, come nave covid free, senza sosta, cercando di ottenere il massimo da quella che abbiamo preso come un’opportunità, sia dal punto di vista formativo che della rappresentanza. La navigazione del Mediterraneo occidentale, aver circumnavigato la Sicilia, passare per il Parco della Maddalena, lo Stretto di Messina, il canale di Taranto a vela, partecipare all’inaugurazione del Ponte San Giorgio, sono cose che ti porti dentro, sono simboli di rinascita. Un risultato -osserva- al di sopra delle aspettative”. Nel 2018 il Vespucci ha superato per la prima volta nella sua storia il Circolo Polare Artico, navigando dalle Azzorre fino all’Islanda, il punto più a nord che abbia mai raggiunto. Sono previste altre imprese? “Avevamo previsto il doppiaggio di Capo Horn, la pandemia non ce lo ha permesso. Per ora -conclude- non c’è nulla di programmato, ma le imprese, a volte, vengono da sole…”.

LEGGI  Fincantieri, la Fim-Cisl: «Licenziare in questo momento è contro legge»

Politica

La provocazione di Di Martino: il presidente uscente Ungaro sullo sfondo delle commissioni in videoCall

Pubblicato

il

Di Martino

Sarà una provocazione, sicuramente. Ma è curioso il siparietto che da giorni va in scena nelle commissioni 2.0 di Palazzo Farnese. Il protagonista è Andrea Di Martino, ex vicesindaco e sfidante di Gaetano Cimmino al ballottaggio del 2018.

L’esponente di Italia Viva ogni volta che appare in commissione, rigorosamente in videoCall per via dell’emergenza Covid, utilizza uno strano sfondo: la foto del presidente del consiglio uscente Vincenzo Ungaro, ormai dimissionario. Di Martino ha più volte chiesto alla maggioranza di non toccare la poltrona della presidenza del consiglio, in quanto Ungaro è stato eletto anche con i voti dell’opposizione. Da qui la provocazione di Di Martino, come per dire «Ungaro è anche il mio presidente». La cosa ha suscitato ilarità tra i banchi del centrodestra, tanto da indurre la consigliera Annamaria De Simone a utilizzare lo sfondo con la foto del sindaco Gaetano Cimmino. Insomma, la guerra degli «sfondi» nelle videoCall, a dimostrazione del momento delicato che vive la politica stabiese.

LEGGI  Il sindaco fa lo sceriffo e sorprende un uomo a sversare rifiuti

Daniele Di Martino

Continua a leggere