Seguici sui Social

Politica

Lockdown stabiese, le opposizioni: «Bene la stretta del sindaco, ma urgono controlli»

Pubblicato

il


«Rigore e controlli a tutela della salute». E’ il documento firmato dai partiti di opposizione (Pd, Iv, 5 Stelle, Più Europa, Verdi, Psi, LeU e civiche) sulle misure imposta dal sindaco Cimmino, che con un’ordinanza ha disposto un lockdown a partire dalle ore 20.
«Avvertiamo con piacere che le auspicate misure drastiche siano state oggetto della ultima ordinanza sindacale – si legge nel documento – Abbiamo, sia in consiglio comunale che tra le forze politiche ed associative, gridato a gran voce l’esigenza che Castellammare non potesse essere teatro di un diffuso propagarsi del Covid19 senza che fossero adottate misure che andassero oltre quelle restrittive già in vigore. Siamo consapevoli, per la centralità della nostra città, che Castellammare, soprattutto nei week end, sia meta non solo della fruizione dei nostri cittadini ma anche di tanti e tanti abitanti delle città limitrofe. Pertanto, siamo altrettanto consapevoli che i numeri della pandemia sarebbero aumentati anche per tale motivo nella nostra città.
Ora, alla luce delle nuove disposizioni, con altrettanta fermezza, chiediamo che si vigili, che si monitori costantemente l’attuazione e la disciplina delle disposizioni emanate. Non possiamo aspettare che la platea dei vaccinati aumenti, cosa naturalmente che ci auguriamo, per debellare la pandemia.
La battaglia che stiamo affrontando non ha precedenti nella storia recente e va combattuta con responsabilità, fermezza e rigore. Ci appelliamo al senso di responsabilità dei cittadini, affinchè rispettino le misure di contenimento e prevenzione dettate dai DPCM e dalle Ordinanze Regionali e Comunali».


Politica

Il sindaco vara la «zona rossa rafforzata»: divieto di circolazione per i giovani

Pubblicato

il

La definisce «Zona Rossa rafforzata», per via di ulteriori restrizioni rispetto alla «classica» zona rossa voluta dal governo Draghi. Il sindaco Gaetano Cimmino firma un’altra ordinanza e mette limitazioni addirittura per i giovani. Dalle 18 alle 20 gli under 24 non potranno nemmeno circolare. Una clamorosa restrizione che rischia di creare polemiche.
In ogni caso, il sindaco spiega di aver preso questa decisione con i sindaco di Gragnano e Santa Maria la Carità: «Tra i principali provvedimenti il divieto di circolare sul territorio comunale per i giovani dai 14 ai 24 anni. Ho appena firmato una nuova ordinanza, a seguito di un approfondito confronto con i sindaci dei Comuni limitrofi, valida da sabato 6 marzo e fino a domenica 14 marzo 2021».
Ecco in sintesi tutti i provvedimenti: dalle ore 18 alle ore 20 di ogni giorno è fatto divieto ai giovani tra i 14 ed i 24 anni di circolare sul territorio. Per i minorenni che dovessero spostarsi per motivi di necessità o salute sarà obbligatorio avere con sé l’autocertificazione firmata dai genitori o dai tutori. Dalle ore 20 alle 5 del giorno successivo, per la totalità della popolazione, sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da lavoro, necessità e salute. L’attività degli esercizi commerciali di vendita al dettaglio è consentita fino alle ore 18.
Chiusi i mercati rionali dei quartieri San Marco e Savorito mentre restano consentite le attività di vendita all’ingrosso del mercato ortofrutticolo di via Virgilio. Asporto consentito dalle ore 5 alle ore 18 mentre la ristorazione con consegna a domicilio è consentita dalle ore 18 fino alle ore 22. Restano chiusi la villa comunale e gli arenili.
«Ho concertato diversi provvedimenti con i Comuni a noi limitrofi affinché l’area di azione e di incisioni risulti quanto più efficace possibile – chiarisce Cimmino – Nelle prossime ore diffonderemo un’utile infografica per la cittadinanza, completa degli eventuali provvedimenti conseguenti all’entrata della Campania nella Zona Rossa».
Daniele Di Martino

Continua a leggere