Seguici sui Social

Politica

Regali fino a 100 euro, «talpe» anonime e uso limitato dei social: ecco il codice etico dei comunali stabiesi

Pubblicato

il


Un codice di comportamento per i dipendenti comunali di Castellammare. Una serie di regole, anche ovvie, che gli impiegati di Palazzo Farnese saranno chiamati a rispettare. Un vero e proprio codice etico elaborato dal segretario generale dell’ente, Loredana Lattene, sugli standard di comportamento. I dipendenti dovranno mostrarsi disponibili e gentili con i cittadini, dovranno prestare ascolto, dovranno garantire trasparenza (se ancora non lo fanno!), ma soprattutto efficacia ed efficienza.

La regola più bizzarra è all’articolo 8 del codice etico: ogni dipendente che aderisce ad associazioni oppure organizzazioni è tenuto a comunicarlo. Il dipendente è comunque tenuto ad astenersi dalle attività d’ufficio che possano avere un coinvolgimento con l’attività dell’associazione. Non è il caso, invece, di iscrizioni a partiti politici o sindacati. In questo caso c’è una libertà di scelta senza dover denunciare all’ente.

In ogni caso, il codice pone l’attenzione sul conflitto di interesse eventuale del dipendente, soprattutto nei casi di collaborazioni esterne con soggetti privati che lavorano per la pubblica amministrazione e in particolare per il comune di Castellammare.

LEGGI  Castellammare. Bambino di 4 anni precipita nel vuoto, trasportato al Santobono

All’articolo 10 si istituiscono anche le «talpe» interne. Chi si rende protagonista di una segnalazione di grave irregolarità o di violazioni del codice, oppure di fenomeni di corruzione, può segnalarlo tranquillamente garantendo l’anonimato. C’è un apposito link attraverso il quale fare segnalazioni di ogni sorta.

Capitolo a parte è dedicato all’uso dei social network. Secondo il codice di comportamento, il dipendente non può divulgare sui social informazioni riservate sulla vita amministrativa di Palazzo Farnese.

Non ultimo, invece, l’articolo dedica ai «regali» che ogni dipendente può accettare: l’impiegato non può chiedere regali e altre utilità, e fin qui ci siamo. Soprattutto non può accettare presso la propria abitazione regali da soggetti con cui intrattiene rapporti per motivi di servizio, «salvo quelli d’uso di modico valore effettuali occasionalmente nell’ambito delle normali relazioni di cortesia e nell’ambito delle consuetudini locali». In pratica, il «regalino» non può superare il valore di 100 euro, una somma limite per ogni anno solare.

Meglio di niente.

Daniele Di Martino


Politica

Sprint finale per la giunta, ripartono le trattative. Due posti per tre liste: Lega, Dc e Cimmino Sindaco

Pubblicato

il

Lo sprint finale. Ripartono le trattative, fermate da problemi personali che esulano dalla politica. Già nel week end il sindaco Gaetano Cimmino è ritornato a dialogare con partiti e liste civiche. La situazione è cristallizzata a dieci giorni fa, quando ormai rebus giunta sembrava a un passo dalla soluzione.

Gli ultimi dubbi ruotano attorno a due nomine in particolare. Sono infatti due i posti per tre liste: Fondazione Dc, Cimmino sindaco e Lega. La scelta spetta direttamente al sindaco Cimmino.

Ricapitolando le nomine sicure o quasi sono le seguenti: per Cimmino sindaco Fulvio Calì all’Urbanistica con il grado di vicesindaco (e il presidente del consiglio Emanuele D’Apice); per Forza Italia Amedeo Di Nardo alle politiche sociali e Antonio Cimmino ai lavori pubblici; Solo per Castellammare punta su Sabrina Di Gennaro all’Ambiente; Fratelli d’Italia Silvana Cascone all’istruzione.

LEGGI  (VIDEO) Prosegue la sosta selvaggia sulla Statale Sorrentina

Fondazione Dc non si smuove dal nome di Michele Sanzone per le deleghe di turismo e cultura. Il sindaco ora dovrà scegliere chi buttare giù dalla torre per far entrare un nome femminile della Lega (che non sarà Tina Donnarumma, recentemente nominata coordinatrice dell’area sud della provincia di Napoli). Quindi andrà fuori uno tra Michele Sanzone (Dc) e Gaetano De Stefano (Cimmino Sindaco). Nel caso in cui il sindaco dovesse scegliere Sanzone, l’ultima quota rosa andrebbe o alla Lega o alla lista Cimmino Sindaco.

Una schiarita è attesa per il prossimo fine settimana, quando potrebbe essere presentata la nuova squadra di governo cittadina.

Daniele Di Martino

Continua a leggere