Seguici sui Social

Politica

Castellammare, Nappi (M5S) deposita interrogazione al Sindaco: quali misure per il rientro in classe?


Pubblicato

il

Nappi

“Un’interrogazione che rappresenta un monito a questa amministrazione immobile”.

Castellammare di Stabia. Il consigliere comunale di opposizione, Francesco Nappi, ha presentato un’interrogazione consiliare al Sindaco Gaetano Cimmino chiedendo che misure intende prendere l’amministrazione comunale per il rientro in classe degli studenti. A scriverlo sui social è l’esponente pentastellato dicendo di aver preferito “Un’interrogazione che rappresenta un monito a questa amministrazione immobile”.

«È indubbio che i ragazzi debbano frequentare la scuola in presenza, per un’infinita serie di motivi. È altrettanto indubbio che oggi 21 marzo sarebbe da folli frequentare la scuola in presenza. È chiaro che la “non gestione dell’emergenza” da parte del Sindaco ha influito negativamente sul contenimento della diffusione del COVID a Castellammare di Stabia.
Ancora una volta ho lanciato una mano tesa a questa amministrazione inconsistente. Ho presentato un’interrogazione per capire quali iniziative il Sindaco e l’Assessore intendano prendere per consentire il rientro a scuola in sicurezza. Sia chiaro non all’interno delle scuole, dove i dirigenti hanno fatto già un ottimo lavoro, ma al di fuori degli istituti, dove all’ingresso e all’uscita si sono sempre formati assembramenti, nei percorsi casa-scuola e sul territorio comunale, dove l’assenza di controlli (fino a una settimana fa) ha impattato negativamente sul contenimento del COVID. Ho preferito fare un’interrogazione, che più che altro è un monito a questa amministrazione immobile, un suggerimento, in modo da non arrivare in ritardo sulla questione, come fa fatto fino ad oggi, insomma ho cercato di evitare che il loro immobilismo sulla questione crei ulteriori gravi danni alla città e alle famiglie».


Continua a leggere

Politica

Lastre di amianto nei locali abbandonati di villa Gabola

Il Comune programma la bonifica per oltre 11mila euro

Pubblicato

il

amianto

Lastre e canne fumarie di amianto nei locali abbandonati di villa Gabola. Il Comune, nel tentativo di effettuare un sopralluogo per la riqualificazione dell’immobile di fondazione ottocentesca del quartiere San Marco, si è imbattuto nella presenza di rifiuti speciali pericolosi. Così è stato programmato l’intervento per oltre 11mila euro

Per Villa Gabola e il suo parco è in corso la redazione di un progetto finalizzato alla “Realizzazione di un centro di aggregazione giovanile, Art Factory” con finanziamento europeo. Al momento è in corso la progettazione definitiva dell’interventi, ma si rende necessaria l’attività di bonifica al fine di consentire l’accesso in sicurezza dei progettisti incaricati del servizio di redazione del progetto definitivo ed esecutivo, dal momento che è stata rilevata la sospetta presenza di fibre amianto contenute all’interno del manufatto.

Continua a leggere

Trending