Seguici sui Social

Cronaca

Santa Maria la Carità, prende a calci un cestino dei rifiuti. Il Sindaco: «Ho visto il video, contattami per rimediare il danno»

Pubblicato

il

CESTINO SANTA MARIA

Santa Maria la Carità. Ha preso a calci, per ora senza un motivo, un cestino per il conferimento dei rifiuti ed è stato ripreso dalle telecamere di videsorveglianza pubblica. Immagini che sono finite sulla scrivania del primo cittadino Giosuè D’Amora che sui social ha invitato lo sconosciuto ragazzo a prendere coraggio e a contattarlo «per trovare una soluzione per rimediare». Il Sindaco D’Amora fa sapere sempre sui social ha detto di voler risparmiare la gogna social nei confronti del giovane di non pubblicare il video ritraente l’episodio. « Facciamo così, ti do 10 giorni per attutire il colpo, fare coraggio e contattarmi per trovare una soluzione per rimediare – scrive sui social D’Amora – Puoi venire al comando o se ti è più facile mi puoi contattare via Messanger o Istangram. Non sto bleffando sul video si vede mentre attraversi l’aiuola…avevi un completino nero ed un marsupio a tracolla. Fidati di me contattami…e per tutti: Cerchiamo di fare i ragazzi seri….sempre ma soprattutto quando si sta in piazza».

LEGGI ANCHE: 
Nuova stretta sulla movida in Campania, stop alla vendita di alcolici dalle 22. L’ordinanza di De Luca


Pubblicità

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com