Seguici sui Social

Cronaca

Blindare dalle infiltrazioni i fondi Pnrr, la proposta di Cimmino e Marino al Prefetto di Napoli

Il Sindaco di Caserta e di Castellammare di Stabia scrivono al Prefetto chiedendo un’ unità di controllo in Prefettura sulla gestione dei fondi Pnrr

Pubblicato

il

Pnrr

Un protocollo d’intesa tra Prefettura di Napoli e Anci Campania con l’istituzione di una unità di controllo per blindare i finanziamenti Pnrr da ogni possibile infiltrazione della criminalità organizzata. Questa è la proposta inoltrata oggi al prefetto di Napoli Claudio Palomba dal presidente di Anci Campania, Carlo Marino e dal vicepresidente di Anci Campania e sindaco di Castellammare di Stabia Gaetano Cimmino, promotori dell’iniziativa.

“L’obiettivo – spiegano Marino e Cimmino – consiste nell’istituire un gruppo di lavoro mirato a verificare la gestione dei fondi, i risultati raggiunti, le misure necessarie per assicurare l’avanzamento dei progetti e per garantire la trasparenza delle procedure, mettendo in campo un’attività di prevenzione all’insegna della trasparenza e della legalità”. Marino e Cimmino sottolineano che “c’è la consapevolezza di disporre di un’occasione straordinaria di ricostruzione: con i fondi del Pnrr si aprono orizzonti inesplorati per tutti i Comuni della Regione Campania, che hanno già presentato i primi progetti per il rilancio delle città. E evidente, tuttavia, il rischio che le ingenti risorse messe a disposizione di tutti i Comuni ad opera del Governo nazionale possano essere oggetto di interesse da parte della criminalità organizzata. Un’ipotesi rispetto alla quale è necessario adottare tutte le forme di tutela opportune per evitare che questa fase così importante di crescita dei territori possa essere inquinata dalle potenziali infiltrazioni della camorra negli appalti che scaturiranno dalle assegnazioni di fondi ai Comuni che hanno già iniziato a presentare richieste di finanziamento”.

Per questo motivo, concludono il presidente e il vicepresidente di Anci Campania nella lettera inoltrata al prefetto di Napoli, “è nostra intenzione proporre la stipula di un protocollo d’intesa per blindare i finanziamenti del Pnrr da ogni potenziale infiltrazione, mettendo in campo un’attività mirata di prevenzione all’insegna della trasparenza e della legalità, nella consapevolezza che la sinergia e la cooperazione tra Istituzioni rappresenta lo strumento migliore a disposizione degli enti locali per difendersi da ogni eventuale infiltrazione criminale”.


Clicca per commentare

Rispondi

Cronaca

Maltempo, chiuse scuole, parchi e cimitero a Castellammare

Ordinanza del commissario

Pubblicato

il

Pnrr

Scuole chiuse per allerta meteo a Castellammare. La commissione straordinaria che regge la guida di Palazzo Farnese ha diramato un comunicato per annunciare lo stop alle lezioni delle scuole non sede di seggio elettorale: “Si comunica che, con ordinanza assunta in data odierna con i poteri del sindaco, la Commissione Straordinaria ha disposto la chiusura, per domani 26 settembre 2022, di tutte le scuole di ogni ordine e grado, statali e non, presenti sul territorio di Castellammare di Stabia, nonché dei parchi pubblici urbani e del cimitero comunale”.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Cambia impostazioni per la privacy