Seguici sui Social

Cronaca

ZTL, si cercano “rinforzi”: il CSA scrive al Prefetto «Serve coordinamento con tutte le forze di polizia»

Pubblicato

il

ZTL

«Serve coordinamento di tutte le forze di polizia, impossibile per la sola municipale controllare l’intera città quando c’è la ZTL»

Castellammare di Stabia. Maggiore coordinamento tra le forze dell’ordine in città nei weekend dove si registra una maggiore presenza di persone. A chiederlo è il CSA, coordinamento Sindacale Autonomo, che ha inoltrato una lettera al Prefetto di Napoli e al Sindaco di Castellammare di Stabia. L’obiettivo è quello di garantire una maggiore assistenza e controllo del territorio nei fine settimana estivi.  «La città di Castellammare di Stabia rappresenta la porta di accesso ad uno dei luoghi più visitati nel periodo estivo qual è la penisola sorrentina, ed attrae in particolr modo nei fine settimana migliaia di cittadini e turisti sia dell’area metropolitana che oltre. Siamo tutti consapevoli – si legge nella missiva –  che tale fattispecie rappresenta un vanto ed una condizione, soprattutto tenendo presente le gravi ripercussioni che la pandemia ha arrecato al settore economico, da tutelare. E’ in tale ottica che questa Organizzazione Sindacale , nel pieno spirito collaborativo e ad esclusivo vantaggio della Città, ha fin da subito sposato i progetti di potenziamento di controllo del territorio nelle ore serali al fine di garantire maggiore presenza ed aumentare la percezione di sicurezza» tuttavia «non vorremmo che il concetto di “sicurezza urbana” diventi surrogato dell’ordine e sicurezza pubblica esponendo gli agenti di polizia locale, ancora non tutti armati ed in possesso della qualità di agente di pubblica sicurezza, a compiti che dovrebbero essere svolti almeno sotto il coordinamento dell’Autorità Statale».  Si legge nella lettera firmata da Emilio Pagano del CSA. «Il vigente Progetto di potenziamento dei servizi serali prevede tra l’altro l’istituzione di una ZTL sul Lungomare, che data l’altissima affluenza di persone diventa sostanzialmente una grande isola pedonale impossibile da controllare con il solo personale di polizia locale che è bene rammentare ha il compito di presidiare i varchi in quanto non sono attivi sistemi di rilevamento elettronico. Nell’ottica di una Sicurezza Integrata, a nostro parere, sarebbe utile stipulare un Patto in coerenza alle
“Linee guida per l’attuazione della sicurezza urbana”, approvate in Conferenza Stato – Città e Autonomie locali il 26 luglio 2018 e pianificare in questa area e nelle altre maggiormente frequentate, dei servizi coordinati, programmati e continui con il coinvolgimento di tutte le forza di polizia».

LEGGI ANCHE: 
Castellammare, 28enne inveisce ed aggredisce gli agenti della municipale: denunciato

Pubblicità

Cronaca

Falò dell’Immacolata, sequestrate 7,5 tonnellate di legna a Castellammare

Pubblicato

il

ZTL

Ieri, gli agenti del Commissariato di Castellammare di Stabia e personale della Polizia Locale, con il supporto del Reparto Prevenzione Crimine Campania, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio nei pressi del rione Moscarella, in occasione delle operazioni di recupero di materiale legnoso destinato all’accensione di falò illegali dell’Immacolata nel Comune di Castellammare di Stabia, dove hanno sequestrato 7,5 tonnellate di legna.

Le operazioni di rimozione sono state effettuate da Velia Ambiente, società incaricata dal Comune di affiancare le forze dell’ordine nel prelievo di legna.

 

Inoltre, nel corso del servizio, sono state identificate 106 persone, controllati 55 veicoli e sono state altresì controllate 3 persone sottoposte alla misura degli arresti domiciliari.

Continua a leggere

Cronaca

Omicidio Paolino, il ras dei D’Alessandro arrestato nel suo ristorante

Pubblicato

il

ZTL

E’ stato arrestato nel suo ristorante, Luciano Verdoliva, destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per l’omicidio Paolino assieme ad Antonio Occidente.

Il ras dei D’Alessandro è figlio di Giuseppe Verdoliva, pezzo da novanta del clan ucciso proprio nella faida del 2005 dal clan Scarpa-Omobono. Gestiva da qualche anno un ristorante in villa Comunale, “Le tre Caravelle”. I carabinieri l’hanno arrestato proprio nel locale molto noto a Castellammare di Stabia.

Il ristorante è poi stato ispezionato dal Nas. In seguito ai controlli sono stati sequestrati 50 kg di prodotti ittici privi di tracciabilità. Il locale è stato diffidato per carenze igienico sanitarie e sanzionato con 3500 euro di multa. Il ristorante non è stato chiuso.

Continua a leggere

Cronaca

Faida di camorra a Castellammare, risolto un caso del 2005: due ras dei D’Alessandro in manette per l’omicidio Paolino

Pubblicato

il

ZTL

Risolto un altro omicidio della faida di camorra a Castellammare di Stabia. Si tratta dell’uccisione di Carmine Paolino nel 2005 ad opera dei killer inviati dal clan D’Alesandro. Il cold case è stato risolto da Carabinieri e DDA. E scattano due arresti per due pezzi da novanta della cosca di Scanzano: Antonio Occidente (già detenuto) e Luciano Verdoliva.

I militari del Gruppo Carabinieri di Torre Annunziata hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di due persone ritenute gravemente indiziate di concorso nell’omicidio di Paolino Carmine (avvenuto a Castellammare di Stabia il 01 marzo 2005, aggravato dalla premeditazione e dall’aver commesso il reato con la finalità di agevolare l’organizzazione camorristica denominata “clan D’Alessandro”, operante nel territorio di Castellammare di Stabia.

Il provvedimento scaturisce in seguito a riscontri investigativi e alle convergenti dichiarazioni accusatorie di due collaboratori di giustizia, da cui sarebbe emerso il presunto coinvolgimento dei due destinatari del provvedimento cautelare quali esecutori materiali dell’omicidio, in quanto avrebbero attirato con una scusa la vittima all’interno di un’autovettura per poi ucciderla con due colpi di pistola alla testa, abbandonandone il cadavere in strada in via Sant’Andrea.Il provvedimento eseguito è una misura cautelare, disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione, e i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e quindi presunte innocenti fino a sentenza definitiva.

 

Continua a leggere

Cronaca

Stangata a due caseifici tra Gragnano e Castellammare: lavoratori in nero e condizioni igienico sanitarie pessime

Maximulta a due caseifici dell’area stabiese

Pubblicato

il

ZTL

Stangata a due caseifici dell’area stabiese. In data 30 novembre 2023, nell’ ambito dell’attività di controllo finalizzata a reprimere gli scarichi illeciti nel fiume “SARNO”, coordinata dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata, i Carabinieri della Compagnia di Castellammare di Stabia hanno controllato diverse attività commerciali ed aziende nei comuni di Castellammare di Stabia e di Gragnano. I controlli sono stati estesi anche al fenomeno del lavoro sommerso e al rispetto delle norme igienico – sanitarie.

Durante l’operazione i Carabinieri della stazione di Gragnano, insieme a personale del NIL Carabinieri di Napoli, NAS Carabinieri di Napoli e NOE Carabinieri di Napoli, coordinati dalla Procura oplontina, hanno controllato due noti caseifici con la stessa insegna ubicati nelle città di Gragnano e di Castellammare di Stabia.

Nella prima attività gragnanese è stata accertata la presenza di un lavoratore irregolare mentre nel!’ altra azienda stabiese sono stati contestati diversi illeciti amministrativi e penali.
Nel suddetto caseificio stabiese, infatti, i carabinieri hanno rinvenuto 5 lavoratori, tutti irregolari di cui uno c.d. “a nero”. All’amministratore della società sono state contestate anche violazioni delle norme ambientali, essendo stata accertata la presenza di scarichi di reflui industriali nella pubblica fognatura in assenza di autorizzazione, l’emissione in atmosfera in assenza di autorizzazione e gravi condizioni igienico sanitarie.

Durante il controllo nel!’ azienda stabiese sono stati sequestrati 6 litri di olio, 7,5 chili di insaccati privi di tracciabilità e 10 chili di pane non imbustato. Sono state elevate sanzioni amministrative e penali per un importo complessivo di 30mila euro. È stato sequestrato il laboratorio dell’azienda casearia stabiese. I due amministratori sono stati denunciati alla Procura della Repubblica.
I controlli relativi alle aziende recapitanti i reflui, direttamente o indirettamente, nel fiume Samo, proseguiranno anche nei prossimi giorni con l’approssimarsi delle festività natalizie.

Continua a leggere

Cronaca

Guerra ai falò illegali, primi sequestri. E vanno a ruba carrelli dei supermercati

Pubblicato

il

ZTL

La guerra ai falò illegali è già iniziata. Arrivano i primi sequestri in vista dell’Immacolata a Castellammare di Stabia. Mentre il Comune tenta di rispettare la tradizione con i fucaracchi legali sull’arenile, non si ferma la raccolta fuorilegge per aumentare i falò nei quartieri, vietato da un’ordinanza del commissario antimafia Raffaele Cannizzaro.

Lo Stato inizia a far sentire la propria presenza con un primo sequestro: 80 quintali di legna accantonata abusivamente tra Fontana del re e boschi di Quisisana e via Napoli. Tronchi già tagliati e pronti per essere appiccati nella notte dell’Immacolata.

Intanto supermercati stabiesi sono sul piede di guerra perché sono spariti i carrelli utilizzati solitamente per la raccolta del cartone. Qualche giorno fa in viale Europa il personale di un grosso supermercato ha rincorso dei ragazzi che stavano rubando 2 carrelli, pronti ad essere utilizzati per il trasporto della legna.

Continua a leggere

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.