Seguici sui Social

Cronaca

E’ di Gragnano l’operaio morto nel cantiere della Linea 1 della Metropolitana di Napoli

Luigi Manfuso, 59enne di Gragnano, è stato trovato in un fossato ieri a fine turno di lavoro

Pubblicato

il

Gragnano

Un operaio è morto nella giornata di ieri sul cantiere della linea 1 della Metropolitana di Napoli. Si tratta del 59enne Luigi Manfuso, dipendente della società ICM per conto di Metropolitana di Napoli e originario di Gragnano.L’uomo è stato trovato senza vita dai suoi colleghi nel fossato della banchina dei treni e sarebbe poi morto in ospedale dopo il trasferimento in condizioni critiche. Sull’episodio è stata aperta un’inchiesta per chiarire l’esatta dinamica dei fatti. Da capire se si è trattato di un incidente sul lavoro o di un malore accusato dall’uomo mentre lavorava. A denunciare l’episodio è stato il sindacalista della Filca Cisl Campania, Massimo Sannino, che chiede di fare luce sulle morti in cantiere.

A lanciare l’allarme i colleghi di Luigi che, a fine turno, non vedendolo hanno iniziato a cercarlo ritrovandolo poi riverso per terra nel fossato della banchina dei treni. Il lavoratore, che lascia due figli e la moglie, era voluto bene da tutti. In tanti sui social l’hanno ricordato con messaggi di affetto e cordoglio.


Pubblicità

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com