Seguici sui Social

Politica

Incuria sui binari: il Cimmino di Gragnano striglia Ferrovie: “Diffida a ripulire l’area entro pochi giorni”

E il Cimmino di Castellammare resta a guardare

Pubblicato

il

incuria sui binari: il cimmino di gragnano striglia ferrovie: “diffida a ripulire l’area entro pochi giorni”


Incuria sulla tratta ferroviaria Gragnano-Castellammare. Le corse sono ormai ferme da anni, le erbacce invece sono sempre presenti. E se non ci pensa il Cimmino stabiese (Gaetano) a chiedere a Ferrovie di intervenire, c’è il più affidabile Cimmino di Gragnano (Paolo) a fare una tiratina di orecchie ad Rfi.
“La vivibilità e la quotidianità sono alcuni tra i baluardi della mia Amministrazione”, sostiene infatti Paolo Cimmino, Sindaco di Gragnano. “Purtroppo quando ci si ritrova a scontrarsi con proprietà private la trafila, per scardinare incuria e degrado, è lunga – continua il primo cittadino – L’abbandono in cui versa la linea ferroviaria Gragnano – Castellammare è un problema che con la mia Amministrazione stiamo cercando di risolvere da tempo. Con gli uffici comunali preposti abbiamo provveduto, prendendo in esame il 2021, già dall’aprile scorso a comunicare a RFI le condizioni di abbandono in cui versa la tratta ferroviaria abbandonata e di mettere in atto un’azione di recupero e pulizia dell’area di sedime ferroviario che va dalla stazione di Gragnano fino al confine con la vicina Castellammare. A luglio, non avendo ancora avuto risposta, abbiamo inviato un’altra comunicazione a RFI che, ricordo, è proprietaria della tratta e che è responsabile di tutto quello che vi succede o provoca. Non avendo ancora avuto risposta, nei giorni scorsi siamo passati alle maniere forti: abbiamo DIFFIDATO RFI a “pulire e rendere decoroso” il tratto ferroviario abbandonato entro pochissimi giorni. Se RFI non provvede entro il termine stabilito – conclude Cimmino – provvederemo noi in danno. Intanto gli uffici hanno predisposto tutte le azioni da mettere in campo se anche a questa ennesima diffida RFI non darà seguito”.


Politica

La Lega incontra il commissario e si candida a guidare il centrodestra del dopo-Cimmino

Il partito di Salvini anticipa tutti e si infila a Palazzo Farnese: “Pronto un piano sicurezza per la città”

Pubblicato

il


E’ il primo partito a incontrare la commissione prefettizia. La Lega mette la prima bandierina e si candida a guidare il centrodestra del dopo-Cimmino. Questa mattina il partito di Salvini è stato ricevuto dal vice commissario Passerotti, a Palazzo Farnese. Una rappresentanza formata dal segretario cittadino Casimiro Donnarumma, la segretaria provinciale Tina Donnarumma, l’ex funzionario comunale Franco Ilardi e l’ex consigliere comunale Antonio Alfano.

“Abbiamo evidenziato alcune problematiche quali sicurezza del territorio, viabilità, piano traffico, implementazione parcheggi, turismo e decoro urbano – annuncia Casimiro Donnarumma – Abbiamo ricevuto un fattivo riscontro, a margine del confronto la Commissione ha dichiarato che sarebbe in dirittura di arrivo la presentazione, l’approvazione e l’applicazione di un piano di sicurezza della città con nuove ed innovative tecniche di video sorveglianza”.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica