Seguici sui Social

Politica

Sgominato il nuovo clan di camorra a Castellammare, il plauso delle forze politiche

Pubblicato

il

sgominato il nuovo clan di camorra a castellammare


Un nuovo clan di camorra sgominato dalla Dda di Napoli. Castellammare viene liberata dall’ennesima organizzazione criminale che terrorizzava imprenditori e negozianti della periferia Nord. Arriva il plauso delle forze politiche. E’ il sindaco Gaetano Cimmino a ringraziare forze dell’ordine e Dda: “Grazie all’intenso lavoro di carabinieri e Direzione Distrettuale Antimafia è stata messa la parola fine ad un giro criminale di estorsori che assoggettavano imprenditori e commercianti. Nella nostra città non c’è spazio per questa gente che terrorizza i cittadini e blocca lo sviluppo dell’economia della città di Castellammare di Stabia. Complimenti ancora agli investigatori. Nel processo che scaturirà dal blitz di questa mattina l’Ente si costituirà parte civile.
La mia amministrazione comunale è al fianco degli esercenti: proprio per questi motivi stiamo preparando una campagna di sensibilizzazione che coinvolga tutte le forze sane del territorio contro la camorra, il racket e l’usura. Castellammare risorgerà con la sinergia tra tutti gli attori in campo”.

“Un plauso alle forze dell’ordine” arriva anche dal Pd di Castellammare: “Alle prime luci dell’alba hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Procura distrettuale Antimafia, nei confronti di 16 indagati, gravemente indiziati, a vario titolo, dei reati di estorsione aggravata dal metodo mafioso, lesioni personali aggravate dal metodo mafioso e detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Azioni come questa di stanotte confermano la presenza forte e significativa dello Stato in alcune parti della città che sembrano socialmente dimenticate. Le periferie in tutta la loro complessità rappresentano il nodo cruciale dello sviluppo sociale e culturale della città”.


Politica

Castellammare volta la faccia a Di Maio, solo Cirillo tentato dal ministro

Il Movimento Cinque Stelle stabiese compatto con Conte. Il consigliere regionale deve sciogliere ancora la riserva

Pubblicato

il

sgominato il nuovo clan di camorra a castellammare

Mentre Luigi Di Maio fa campagna acquisiti nei consigli comunali della provincia di Napoli, a Castellammare sembra tutti schierarsi con Giuseppe Conte. Nessuna emorragia per i grillini stabiesi. Le stesse deputate Carmen Di Lauro e Teresa Manzo si sono schierate sin dal primo momento con il Movimento. Anche tra gli iscritti ed ex consiglieri comunali, nessuno è stato attirato dalle sirene di Luigi Di Maio. +

L’unico che starebbe valutando l’ipotesi di abbracciare “Insieme per il Futuro” è Luigi Cirillo, consigliere regionale eletto nel movimento Cinque Stelle per la seconda volta tra i banchi del centro direzionale. Del resto in Regione sono in tanti a seguire il ministro degli Esteri, compresa la Ciarambino. Ci sarebbe addirittura un accordo per entrare in maggioranza, come infatti l’invito di De Luca a Di Maio è stato quello di creare insieme una grande forza riformista. E quindi avanti con le grandi manovre.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica