Seguici sui Social

Politica

Il Comune snobba il bando per i beni confiscati alla camorra

Scatta l’interrogazione dei consiglieri di opposizione


Pubblicato

il

il comune snobba il bando per i beni confiscati alla camorra
Mancata partecipazione a un bando per il riutilizzo dei beni confiscati alla camorra, l’opposizione presenta un’interrogazione. Sono Michele Starace, Andrea Di Martino, Antonino Scala, Francesco Nappi, Francesco Iovino, Giovanni Nastelli a chiedere spiegazioni al sindaco: “Il 7 novembre 2021 compariva sulla stampa locale un articolo riguardo alla mancata partecipazione del Comune di Castellammare di Stabia all’avviso pubblicato dalla Regione Campania per il riutilizzo dei beni confiscati. Dal menzionato articolo si apprendeva che il Sindaco inviava una lettera agli assessori ed al dirigente per chiedere spiegazioni circa la mancata candidatura del Comune di Castellammare al suddetto avviso pubblico regionale”.
I consiglieri di minoranza allora chiedono il contenuto della lettera che il Sindaco ha inviato ai suoi assessori e dirigente competente ed eventualmente l’atto di indirizzo dato dal Sindaco precedentemente alla mancata partecipazione all’avviso pubblico diramato dalla Regione. 


Continua a leggere

Politica

Rischio scioglimento, il ministro su Castellammare: “Decisione entro 90 giorni”

La relazione è arrivata due giorni fa

Pubblicato

il


Il ministro dell’interno Luciana Lamorgese – oggi a Napoli – ha risposto alle domande dei cronisti a proposito di comuni sciolti, in attesa di una decisione per Castellammare di Stabia: “Il dossier è arrivato due giorni fa, è in corso l’istruttoria. Il ministero ha 90 giorni per decidere sullo scioglimento” afferma Lamorgese.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica