Seguici sui Social

Cronaca

Castellammare, 150 candeline per la torre dell’orologio

L’opera consegnata al comune nel 1871

Pubblicato

il

Castellammare di Stabia. Compie 150 anni la Torre dell’Orologio sita di fronte al porto commerciale in Piazza Cristoforo Colombo. L’opera, consegnata al comune il 17 novembre 1871, era nata dall’esigenza da parte dei cittadini di avere un orologio luminoso che potesse essere visto dai pescatori e dalle navi. L’esigenza era dovuta al fatto che non era di uso comune l’orologio. La storia è raccontata in un articolo di LiberoRicercatore.  Il Consiglio Comunale nella seduta dell’11 marzo 1869, approvò all’unanimità il progetto dell’architetto Giuseppe Vanacore per la torre dell’orologio la cui costruzione fu collaudata e consegnata al Comune il 17 novembre 1871. Non mancava che l’orologio e le due campane per suonerie. Difatti nel mese di maggio 1872 fu messo in opera il macchinario e l’orologio, commissionato alla ditta Augusto Barnard di Napoli; vi furono aggiunte le campane e l’attacco del gas per l’illuminazione notturna ed il sistema iniziò a funzionare. E così fino al 1962 quando, con Delibera del 20 marzo, l’orologio fu sostituito con uno nuovo.

Nel frattempo, il 10 dicembre 1925 e, successivamente il 29 marzo 1932, il nome della piazza era stato mutato in quello di Cristoforo Colombo, anche se gli stabiesi preferiscono ancora quello di Piazza Orologio. La torre dell’orologio è stata oggetto di interventi nel 2012 grazie a fondi PIU Europa che hanno permesso anche una riqualificazione della piazza. Con il restauro si è intervenuto sugli intonaci esterni operando rappezzi degli intonaci ammalorati opportunamente rimossi per le parti in elevazione superiore; internamente si è creato un vespaio/camera d’aria nel pavimento al livello strada. La struttura del tetto resta inalterata, mentre è stato sostituito il manto di copertura: le mattonelle sono state sostituite con lastra di ardesia, di spessore 16 mm., per una migliore durata. Sono state posate giuste scossaline in lavagna sui cornicioni marcapiani. Attualmente l’orologio, benché illuminato, non segna tuttavia l’ora corretta.


Cronaca

Allerta Meteo arancione dalle ore 18, previsti forti temporali

L’avviso della protezione civile regionale. Possibili frane e fango in tutta la regione

Pubblicato

il

Pioggia-Castellammare-AllertaMeteo

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un nuovo avviso di allerta meteo.

Il Centro Funzionale, considerato il peggioramento previsto, ha valutato una criticità di livello Arancione sulle zone 1, 2,3,5 (Piana Campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana, Alto Volturno e Matese, Costiera Sorrentino-Amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini, Tusciano e Alto Sele), Gialla sul resto della regione.

Previsti temporali anche di forte intensità e un conseguente rischio idrogeologico con possibili frane, instabilità di versante, colate rapide di fango, caduta massi, allagamenti, esondazioni, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua.

 

La Protezione Civile della Regione Campania richiama i Sindaci alla massima attenzione, attivando i Centri operativi comunali, attuando tutte le norme previste dai piani di Protezione civile e a valutare il rischio sul territorio di propria competenza adottando le dovute misure di mitigazione del rischio e messa in sicurezza del territorio e di tutela dei cittadini.

Si ricorda che è pericoloso sostare ai piani bassi degli edifici e negli scantinati, nonché transitare nei sottopassi, nelle aree ribassate dove possono arrivare acqua e detriti poiché l’acqua potrebbe scendere dalle zone più alte, mista a fango e materiale vario anche in assenza di pioggia. In caso di necessità, salire ai piani alti dei palazzi.

Continua a leggere

Trending

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA) NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com