Cronaca

Castellammare, a rischio il concerto di Antonello Venditti la notte dell’Immacolata

L’evento in bilico, non sarebbero state informate in tempo le forze dell’ordine

Pubblicato

il

Castellammare di Stabia. Il concerto di Antonello Venditti, che ha suscitato non poche polemiche soprattutto per i costi (170mila euro iva compresa ndr) ed oggetto anche di interrogazione in consiglio comunale, può non celebrarsi la sera dell’Immacolata. Ebbene si, è ancora in “alto mare” la festa dell’amministrazione comunale quale alternativa ai falò illegali nei. Un concerto sul meraviglioso lungomare accompagnato dall’accensione di “fuocaracchi” ormai simbolo della tradizione stabiese.

L’evento, che «inserirebbe Castellammare – rimarca qualche consigliere comunale di maggioranza – in circuiti culturali ed agevolerebbe il marketing del territorio con enormi ricadute sul territorio a livello di indotto turistico e quindi economico», potrebbe essere clamorosamente annullato per l’emergenza covid o rimandato per motivi di organizzazione e coordinamento con le forze dell’ordine e della sicurezza urbana, considerando anche l’importanza e la caratura dell’artista invitato.

LEGGI ANCHE: 
Venditti in concerto, è subito polemica sui costi. Lettera-appello della Ong

Dal punto di vista dell’emergenza sanitaria non aiutano le ultime dichiarazioni del Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, che ha esplicitamente raccomandato di «evitare feste di piazza» che non ha escluso anche l’emanazione di ordinanze restrittive. Inoltre c’è il problema della sicurezza urbana che potrebbe far slittare il concerto poiché non sarebbero stati informati per tempo gli organi di pubblica sicurezza chiamati ad esprimere parere vincolante sulle manifestazioni in piazza. In pratica non sarebbero stati avvisati per tempo. Lo apprendiamo da fonti di polizia qualificate. Ci sarebbe stata solo un’interlocuzione informale con esponenti dell’amministrazione ma nulla di ufficiale. L’iter per le autorizzazioni sarebbe stato intrapreso con ritardo e solo dopo l’affidamento del progetto che prevede inoltre anche la realizzazione di un videoclip.  Ora si cerca di correre ai ripari ma questo “cortocircuito”  potrebbe, ancor prima di accendere, spegnere l’Immacolata dell’Amministrazione Comunale e lasciare la città senza eventi. Emilio D’Averio

Foto Fb/Antonello Venditti


Trending

Exit mobile version