Seguici sui Social

Politica

Giovani in rivolta: striscioni in città contro il sindaco

Protesta dopo le denunce di Gaetano Cimmino per gli insulti social ricevuti

Pubblicato

il

giovani in rivolta: striscioni in città contro il sindaco


Giovani in rivolta. Castellammare si è svegliata con almeno due striscioni, affissi in due punti diversi della città, contro il sindaco Gaetano Cimmino. Un messaggio esplicito: «Si è dimenticato di noi».

Ma non è ancora chiara la matrice della protesta. Un primo striscione è stato affisso proprio a Palazzo Farnese, nei pressi del cantiere dei lavori per la facciata della casa comunale, e recita: «Cimmino discriminatore dei giovani». Un altro invece è comparso in viale Libero d’Orsi, nei pressi della scuola media Di Capua: «Noi giovani da tempo siamo soli, Cimmino non sei mai stato con noi».

Probabilmente la protesta è legata alle denunce che il primo cittadino ha dichiarato di voler proporre, in seguito a una pioggia di insulti volata sui social, in occasione della mancata chiusura delle scuole per maltempo.

dadimar


Politica

Crollo al Caporivo, il Comune ordina la messa in sicurezza ai proprietari

Pubblicato

il

giovani in rivolta: striscioni in città contro il sindaco

Crollo di un palazzo abbandonato al Caporivo, il Comune ordina la messa in sicurezza ai proprietari. In tutto sono 13 gli eredi e sono stati raggiunti dalla notifica di un’ordinanza contingibile e urgente firmata dal commissario Raffaele Cannizzaro. Gli uffici del settore tecnico hanno al momento messo in sicurezza l’area di Largo Marchese de Turris, o meglio conosciuta come piazzetta del Caporivo, transennando l’area del crollo avvenuto il 14 agosto scorso. Ma sarebbero necessarie ulteriori verifiche per escludere pericoli per l’incolumità pubblica.

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica