Seguici sui Social

Politica

La confessione di Pannullo: «Tornerei a fare il sindaco, solo con persone perbene e senza i soliti nomi»

L’ex primo cittadino conferma la sua ambizione a tentare la scalata a Palazzo Farnese

Pubblicato

il

la confessione di pannullo: «tornerei a fare il sindaco


«Vorrei ritornare a fare il sindaco di Castellammare, ma affiancato da gente perbene e non più dai soliti nomi». Toni Pannullo ritorna a progettare il suo ritorno in campo, dopo la breve esperienza tra il 2016 e il 2018 alla guida di Palazzo Farnese. E lo fa durante la trasmissione «Juve Stabia Live», rispondendo alla domanda di un telespettatore.

«E’ la mia ambizione più grande quella di ritornare a fare il sindaco della mia città, per l’amore che provo per la mia città, per la passione e perché è sempre stato il mio obiettivo sin da quando da ragazzino mi sono avvicinato alla politica».

L’ex sindaco mette una condizione alla sua discesa in campo: «A questa ambizione, però, va affiancato un atto di coraggio: oggi la nostra città ha bisogno di energie positive, ha bisogno che ci sia anche l’impegno di una larga parte della città che in questi anni è rimasta estranea dall’impegno politico. Questa mia ambizione dovrà quindi essere affiancata da energie nuove, da idee nuove, da una visione che non sia solo una cartolina di Castellammare, che un po’ è stato il limite di questa città».

Quindi, disponibile a ricandidarsi, ma senza i soliti nomi che nel corso degli anni hanno fatto il bello e il cattivo tempo: «Si devono impegnare le brave persone, quelle educate, quelle che hanno senso civico. Questo discorso lo sto affrontando con gli amici della mia età, spesso professionisti o impiegati. Dico loro: se avete un pezzo di tempo libero, dedicatelo alla città. I danni che sono stati fatti a Castellammare è colpa del disinteresse della borghesia a vantaggio di qualche avventore di turno. Io dico alla gente perbene di affiancarci, di dedicare tempo alla città, altrimenti daremo spazio sempre ai soliti nomi».

Daniele Di Martino


Politica

Crollo al Caporivo, il Comune ordina la messa in sicurezza ai proprietari

Pubblicato

il

la confessione di pannullo: «tornerei a fare il sindaco

Crollo di un palazzo abbandonato al Caporivo, il Comune ordina la messa in sicurezza ai proprietari. In tutto sono 13 gli eredi e sono stati raggiunti dalla notifica di un’ordinanza contingibile e urgente firmata dal commissario Raffaele Cannizzaro. Gli uffici del settore tecnico hanno al momento messo in sicurezza l’area di Largo Marchese de Turris, o meglio conosciuta come piazzetta del Caporivo, transennando l’area del crollo avvenuto il 14 agosto scorso. Ma sarebbero necessarie ulteriori verifiche per escludere pericoli per l’incolumità pubblica.

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica