Seguici sui Social

Politica

Telecamere manomesse all’esterno della scuola Basilio Cecchi

L’interrogazione consigliare dell’opposizione

Pubblicato

il

Videosorveglianza manomessa nei pressi della scuola Basilio Cecchi. L’opposizione interroga l’amministrazione sulla manutenzione dell’impianto di videosorveglianza: “Ci giungono segnalazioni  di impianti per la video sorveglianza comunale manomessi, in particolare quello nei pressi della scuola Basilio Cecchi” scrivono i consiglieri di minoranza, che evidenziano come “la notte tra il sette e l’otto dicembre al viale Europa, in una zona che dovrebbe essere videosorvegliata, si è svolto un evento delittuoso e sembrerebbe che gli inquirenti abbiano dovuto ricorrere alle immagini di telecamere private per svolgere il loro lavoro”.

“Visto che nello scorso settembre il sindaco aveva annunciato il completamento del ripristino dell’intero impianto di video sorveglianza su tutto il territorio cittadino – conclude la nota dell’opposizione – si interroga per sapere il reale stato di efficienza dell’impianto di video sorveglianza per garantire la sicurezza e la tutela di cittadini ed imprenditori stabiesi”.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.