Seguici sui Social

Politica

Castellammare. Piano spiagge, scontro social opposizione e Sindaco

E intanto in città monta la protesta

Pubblicato

il

Spiagge

Castellammare di Stabia. Scontro social tra l’opposizione e il Sindaco pro tempore Gaetano Cimmino sul piano di lottizzazione del litorale stabiese. Un documento che è stato discusso in commissione e si appresta ad approdare in giunta dopo ulteriori modifiche. Il piano prevede la privatizzazione di quasi tutte le spiagge rimaste libere. Parliamo del tratto di costa che va da Marina di Stabia al Miramare, per cui sono previsti 16 lotti da dare in concessione. Il piano inoltre prevede un corridoio di collegamento per le spiagge di via De Gasperi e i varchi d’accesso agli arenili. Ma il risultato sarà una privatizzazione quasi totale da Marina di Stabia fino ai confini con Vico Equense. Le uniche porzioni che resteranno alla libera fruizione saranno un piccolo tratto di fronte al Cmi e l’intero arenile di fronte alla villa comunale, da destinare ad altre attività.  Ed è subito scontro con l’opposizione che è intervenuta sul piano. «L’amministrazione comunale – spiega il consigliere di opposizione Francesco Nappi – ha lasciato libero l’arenile. Si tratta di stesso arenile interdetto con mozione del Movimento 5 Stelle e approvata all’unanimità dal Consiglio Comunale, quello stesso arenile oggetto di indagini e carotaggi che l’ARPAC ha detto non essere stati eseguiti conformemente alle loro linee guida. Cimmino ci prende per i fondelli? – chiede Nappi – I cittadini di Castellammare potranno solo usufruire di un area libera ma interdetta, perchè potenzialmente ancora inquinata. Il vantaggio, quindi, sarà solo dei concessionari che potranno guadagnare su un bene dell’anima natura, il mare. Cosa accadrà? Che i cittadini di Castellammare di Stabia, solo chi chiaramente potrà permetterselo, dovranno pagare profumatamente per poter fare un bagno a mare. Oramai questa amministrazione da potenzialmente dannosa per i cittadini è diventata una catastrofe in corso, uno tzunami che sta spazzando via tutto quanto ha reso conosciuta ed apprezzata la nostra città. E’ il momento che i cittadini facciano sentire la loro voce, non possono continuare a subire queste prepotenze».

LEGGI ANCHE: 
Addio spiagge libere, giunta pronta ad approvare la maxi-privatizzazione degli arenili

Il consigliere comunale Michele Starace promette che «come opposizione mi batterò in ogni modo affinché ciò non accada. L’unico tratto libero resterebbe al momento la sola villa comunale. Ciò è assolutamente inaccettabile. È uno schiaffo alla città ma soprattutto ai cittadini. Come opposizione mi batterò in ogni modo affinché ciò non accada». Il consigliere Tonino Scala, invece, parla di spiagge pubbliche. «Le spiagge sono un bene comune, devono essere pubbliche – dice – il nuovo piano per la gestione delle aree demaniali prevede altri lotti di arenile da affidare ai privati. Questa amministrazione si è caratterizzata nel corso di questi anni per le non scelte lasciando campo libero a tutti di fare tutto. Quando sceglie, come in questo caso, lo fa nel peggiore dei modi». Andrea Di Martino è stato il primo a denunciare l’accaduto ed ha parlato di «Una vera schifezza in danno agli Stabiesi».

Il Sindaco pro tempore Gaetano Cimmino ha provato a rilanciare parlando di «più servizi per i cittadini e contrasto agli abusivi». Per il primo cittadino questo piano «non implicherà alcun tipo di vendita ai privati, anzi consentirà di accrescere i servizi a disposizione degli utenti e di definire un piano organico e dettagliato per l’intera linea di costa, dopo oltre 50 anni di caos, disservizi e abusivismo. Le strumentalizzazioni politiche che ho ascoltato in queste ore sulla bozza di Piano Spiagge approdata in II commissione non trovano alcun fondamento nella realtà – ha detto Cimmino che ha parlato di «spiagge libere, spiagge in concessione ai privati e spiagge con accesso libero e servizi facoltativi affidati in gestione. Un piano di razionalizzazione che ci consentirà di avere un quadro chiaro e definito per le spiagge che coinvolgerà Pozzano, l’arenile stabiese e tutto il waterfront fino a Marina di Stabia, garantendo in ogni caso ben oltre il 30% di spiagge a libero accesso, come da normative vigenti in materia. La bozza del provvedimento, in ogni modo, sarà oggetto di discussione democratica e di condivisione di idee e proposte per la stesura del definitivo Piano Spiagge, che metterà finalmente ordine su un tema che da troppi anni è oggetto di discussioni sterili e infruttuose, in vista della tanto sospirata balneabilità che, grazie al nostro costante lavoro di eliminazione degli scarichi abusivi e di pulizia della costa, presto sarà realtà». Emilio D’Averio


Clicca per commentare

Rispondi

Politica

ELEZIONI | La stabiese Carmen Di Lauro (M5S) rieletta alla Camera, flop Tina Donnarumma (Lega)

Eletta all’uninominale di Somma Vesuviana

Pubblicato

il

Spiagge

Elezioni politiche, salgono a due gli stabiesi eletti alla Camera. Dopo l’attore Gaetano Amato, anche Carmen Di Lauro sbaraglia la concorrenza e vince l’uninominale del collegio di Somma Vesuviana. Con quasi il 35% Di Lauro batte Marta Schifone di Fratelli d’Italia.
C’è un’altra stabiese che non ce l’ha fatta. Tina Donnarumma raccoglie poco più del 20% nel collegio di Acerra, vinto sempre dai Cinque Stelle. Ma in questo caso il centrodestra arriva terzo, dietro al candidato di centrosinistra Paolo Siani, fratello di Giancarlo, giornalista de Il Mattino ucciso dalla camorra.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Cambia impostazioni per la privacy