Seguici sui Social

Cronaca

Nel 2024 ok a balneabilità del litorale di Castellammare

Lo rende noto l’assessore all’ambiente Bonavitacola rispondendo al consigliere M5S Luigi Cirillo

Pubblicato

il

Castellammare

Il litorale di Castellammare di Stabia sarà balneabile tra due anni. A dirlo è l’assessore all’ambiente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola, che ha risposto ad un question time presentato dal Consigliere Regionale M5S Luigi Cirillo. Già negli ultimi anni i valori relativi alla qualità dell’acqua sono migliorati grazie alla chiusura di scarichi abusivi iniziati con la giunta Pannullo. Manca solo il completamento del collettore fognario ed altri piccoli interventi che consentiranno la fruizione del mare stabiese attualmente interdetto, Villa Comunale compresa. Tuttavia in quel caso bisogna intervenire sulla spiaggia che ad oggi risulta interdetta perché inquinata.  «Il tratto di spiagge libere di Castellammare di Stabia, pari al 30% del totale dell’area demaniale marittima, è da tempo completamente interdetto alla balneazione. L’ultimo monitoraggio dell’Arpac – spiega il consigliere Cirillo in una nota – ha classificato come scarsa la qualità di quelle acque. Un tema che ho voluto portare all’attenzione della giunta regionale. Nella risposta al question time in aula, l’assessore all’Ambiente Bonavitacola ha garantito che quel tratto di mare tornerà balneabile entro due anni. Il cronoprogramma illustrato dall’esponente di giunta prevede interventi di bonifica che dovrebbero risolvere, una volta per tutte, l’annoso problema degli scarichi fognari, per la gran parte provenienti dal fiume Sarno. Dopo anni di battaglie e iniziative istituzionali – ha sottolineato Cirillo – nel 2024 riuscirà a recuperare il mare agli stabiesi. Un risultato che consentirebbe di rilanciare l’economia di un territorio che ha potenzialità enormi dal punto di vista storico, paesaggistico ed enogastronomico. Il mio prossimo passo sarà quello di chiedere l’istituzione generale un tavolo con Gori e la direzione vicino Difesa Suolo, per seguire da vicino lo stato di avanzamento delle opere di bonifica, affinché sia garantito il rispetto del cronoprogramma». Emilio D’Averio


Clicca per commentare

Rispondi

Cronaca

Domani allerta meteo, forti temporali e rischio frane

Pubblicato

il

Meteo-

La Protezione Civile della Regione, ha emanato un avviso di allerta meteo per piogge e temporali anche di forte intensità su tutta la Campania  dalle 6 di domani mattina, domenica 25 settembre, alle 6 di lunedì 26 settembre, su tutta la Campania.

Il livello di criticità idrogeologica e Idraulica è:

 Arancione sui settori centro-settentrionali e, in particolare, sulle zone 1, 2, 3 (Piana Campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana; Alto Volturno e Matese; Penisola Sorrentino-Amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini) con temporali di forte intensità e un conseguente rischio idraulico e idrogeologico diffuso anche con possibili frane, colate rapide di fango, caduta massi, instabilità di versante, allagamenti, voragini.

Giallo su tutto il resto della regione, ma con temporali che in ogni caso potrebbero essere intensi e un conseguente rischio idrogeologico localizzato con possibili frane e caduta massi in territori particolarmente fragili, possibili allagamenti, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua.

La Protezione Civile della Regione Campania raccomanda agli enti competenti di porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni previsti in ordine al rischio idrogeologico per forti temporali, in linea con i rispettivi Piani comunali.

Si segnala altresì la possibilità di fulmini.  Prestare attenzione ai successivi avvisi della Protezione Civile.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Cambia impostazioni per la privacy